Sabato 21 Ottobre 2017
   
Text Size

Gaetano Servidio a Gustibus

Lo chef Servidio insieme alla conduttrice De Matthaeis


Rivisitando la tradizione, un piatto di fave e cicorie con la triglia


Classe 1982, un nome tra i più noti nel panorama gastronomico italiano. È Gaetano Servidio, chef di Menelao a Santa Chiara, che dopo aver accolto le telecamere di “Gustibus” nella sua cucina, si è spostato tra i fornelli di La7, per far ammirare una delle sue maggiori creazioni culinarie, a fianco di Roberta De Matthaeis. “Pensiero e cuore; innovazione e tradizione”, queste le parole chiave del giovane cuoco che iniziò a mescolare e comporre piatti a soli 15 anni, apprendendo l’arte culinaria a fianco dei maggiori chef stellati d’Italia e del Mondo.

Michele Boccardi

“Quando cucini, rivisiti i piatti classici della cucina pugliese in chiave attuale, con uno sguardo sempre attento ai materiali locali e del territorio” – presenta la conduttrice. Così, spostato tra i fornelli, offre al pubblico di La7 una rivisitazione di fave e cicorie, con l’aggiunta di una triglia.

Quindi uno sguardo al recupero delle bellezze architettoniche, oltre che alla valorizzazione enogastronomica intessuta dall’imprenditore Michele Boccardi, padre di Menelao alla Cummerse, di cui Gaetano Servidio è il responsabile culinario. “Abbiamo selezionato 12 aziende artigianali, tra le più importanti della nostra regione e di diversi settori, permettendo ai nostri ospiti di avere prodotti a km0” – ha spiegato Michele Boccardi nel suo intervento, sottolineando l’innovazione di questo progetto che mira a rivalutare non solo le bellezze artistiche e paesaggistiche locali, ma soprattutto gastronomiche di una terra ricca di preziosità da gustare e conoscere.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI