Giovedì 19 Ottobre 2017
   
Text Size

Inaugurato il nuovo centro grafica e stampa Zeta Media Service

Nicola Zita taglia il nastro inaugurale


Stampe, volantini, manifesti, fotografie, stampe su tela, grafica e immagine per le aziende. Conosciamo il giovane grafico turese, Nicola Zita

 

Sabato 29 ottobre è stata inaugurata la nuova attività commerciale del giovane grafico turese, dott. Nicola Zita. Lo studio si chiama ‘Zeta Media Service’ ed è sito in via Tito Aceto 12, Turi. La benedizione è stata officiata dal parroco don Nicola D’Onghia che ha ricordato ai tanti presenti quanto Gesù, figlio di Dio, abbia condiviso anche l’esperienza del lavoro, imparando il mestiere dal papà Giuseppe. “Dio, attraverso il lavoro, ci rende partecipi della sua creazione. Il lavoro per la Scrittura ha una dignità grande” (non solo per la Costituzione, ndr) – ha ricordato don Nicola.

A Nicola Zita è affidato l’arduo compito di dare visibilità a ciò che è invisibile. “È un lavoro d’immagine, e l’invisibile – ha spiegato don Nicola – diviene reale grazie all’immagine. Da domani promettetemi che sarete tutti clienti di Nicola” – ha concluso prima del taglio del nastro e del gustoso buffet di dolci tipici turesi.

 

Nicola, come nasce la tua passione per la grafica? Ci descrivi il percorso che ti ha portato ad aprire un'attività qui, a Turi?
“Nasce negli anni del liceo a Conversano, quando iniziavo a "giocare" con i programmi di videografica come il Corel realizzando le schede che servivano per i giochi di ruolo e piccole grafiche per eventi. Da lì, la passione è diventata sempre più grande, grazie anche alla carriera universitaria intrapresa (Nicola è laureato in Scienze della Comunicazione a Bari, ndr). Poi ho preso parte a qualche attività formativa in aziende locali per poi intraprendere, grazie a "La Voce del Paese", una strada più professionale”

Don Nicola D'Onghia benedice l'attività del giovane grafico

Mentre gli altri giovani migrano, hai avuto coraggio nel restare qui. Cosa ti spinge a restare?
“Amo il mio paese, devo dire che ho pensato diverse volte di andare via dal Sud, però grazie ad alcuni eventi fortunati e all'aiuto della mia famiglia non ne ho avuto bisogno. Sono felice di essere rimasto e di contribuire alla vita sociale e produttiva del paese”.

Quali sono i servizi che offri alla clientela?
“Io cerco di offrire un servizio di stampa principalmente alle aziende che vogliono rinnovarsi o potenziare la loro immagine in maniera creativa. Nel frattempo ho cercato di creare una linea di prodotti per i clienti privati, soprattutto creazioni di quadri su tela, canvas e stampa di fotografie”.

Come cambiano le mode e l'immagine? Che periodo stiamo attraversando?
“Viviamo attualmente in un mondo ipercomunicativo, forse anche un po' bulimico di immagini e notizie, e quindi si è arrivati ad una quasi trascendenza dell'informazione nell'arte. Nel frattempo chi non ha una pagina Facebook ben curata è come se fosse inesistente al mondo d'oggi”.

Un brindisi prima di scoprire la targa

Qual è un sogno futuro per la tua attività? O per le tue passioni...
“Ho in cantiere alcuni progetti comunicativi sul turismo. Penso che il turismo sia l'industria del futuro per il sud d'Italia soprattutto. In questi anni si è lavorato molto bene in Regione Puglia sotto questo aspetto e già da qualche anno si stanno raccogliendo i frutti. Turismo ed enogastronomia sono il futuro per Turi, e per la Puglia, quindi per tutte le aziende questa deve essere la principale attività”.

Un sogno per la tua città...
“Spero che Turi sfrutti al meglio, nei prossimi anni, tutte le potenzialità turistiche e ricettività che offre già il nostro territorio”.

Ai giovani che temono il futuro, cosa vorresti dire?
“Ai giovani vorrei dire soltanto una cosa: rimboccatevi le maniche, non state senza far niente, coltivate le proprie passioni, leggete e informatevi; informatevi di qualsiasi cosa vi interessi perché nella vita non saprete mai cosa può servirvi e come può esservi utile anche la cosa più stupida. Il lavoro non cade dall'alto ma si crea dal nulla, noi siamo la generazione post crisi, e dobbiamo darci da fare il doppio per poter raggiungere i traguardi che i nostri genitori hanno raggiunto facilmente. Non perdiamo mai la speranza, la vita è bella e piena di soddisfazioni”.

Chi vorresti ringraziare?
“Oltre la mia famiglia, vorrei ringraziare la Regione Puglia e il compianto Guglielmo Minervini, che con la sua lungimiranza ha saputo sfruttare i fondi Europei per far ripartire una Regione puntando sui giovani e su chi ha idee innovative. Grazie a loro ho avuto la spinta per mettermi in proprio e aprire la mia attività”.

Commenti  

 
Franco Rossi
#2 Franco Rossi 2016-11-14 17:12
Buon lavoro, Nicola! :)
Citazione
 
 
Penelope
#1 Penelope 2016-11-10 10:49
Nicola facci brillare gli occhi... Buon lavoro
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI