Lunedì 23 Ottobre 2017
   
Text Size

Vendemmia e Novello a Turi

uva raccolta


Coppi e Giuliani nel Mercato Internazionale


Il settore primario subisce i contraccolpi della crisi ma non si arrende: abbiamo grossi produttori cerasicoli sul nostro territorio, ma anche i produttori di vino non scherzano. In particolare possiamo vantare due grandi realtà, ovvero le aziende vinicole Giuliani e Coppi, che da anni sono leader nel loro settore, e portano in alto il nome e le ricchezze storico-culturali di Turi grazie al loro brand.

Per entrare meglio nell’argomento, abbiamo chiesto ai due titolari delle imprese vinicole in questione un parere sull’ultima annata dell’uva e su come i mercati si stiano sviluppando.

Il brand Giuliani

L’imprenditore Giuliani ci ha spiegato in dettaglio cosa è accaduto durante la vendemmia: “L’annata 2016, per quanto riguarda la viticultura da vino, è stata un’annata media. Non è stato un anno eccezionale perché le piogge di settembre ci hanno un po’ pregiudicato il raccolto. Ma chi come me aveva già iniziato a fare la vendemmia prima del 10 settembre, si è trovato abbastanza bene. Noi avevamo già fatto metà raccolto, quindi abbiamo potuto immettere sul mercato un prodotto buono, che di conseguenza ci ha permesso d’avere una buona annata. Nella mia azienda c’è stato un calo nella quantità (15/30%) di prodotto per ettaro, dovuto al caldo estivo che ha fatto perdere peso all’uva, che una volta avvizzita e disidratata va a far accumulare una grossa quantità di zuccheri e di conseguenza d’alcool. Ma tutto sommato è andata bene.

"Il mercato è cambiato poco di recente – prosegue Giuliani – diciamo che la strategia migliore è quella di puntare sulla qualità. Si sa, la qualità del prodotto vince alla lunga. Ogni anno ‘seminiamo’ partecipando a tante manifestazioni, e dopo 4/5 mesi iniziamo a ‘raccogliere’ i frutti di queste campagne. Recentemente siamo stati all’Expo in Polonia, una grande nazione in cui ci interessava essere presenti con i nostri prodotti, e dove abbiamo preso un buon numero di contatti commerciali utili. Molti sono stati entusiasti dei prodotti presentati”.

Le Cantine Coppi

L’imprenditore Domenico Coppi invece, ci spiega quanto siano importanti per il mercato i premi che enti come il “Touring Club” o il “Gambero Rosso” consegnano ai produttori: “I mercati continuano ad apprezzare quello che il territorio pugliese offre in tutti i settori. Noi produttori ci stiamo mettendo tanto impegno per sviluppare e promuovere al meglio la nostra regione. In questo momento i mercati stanno percependo questo cambiamento in positivo della Puglia, quindi continuiamo a investire nelle trattative con i paesi esteri. Sono da poco tornato da una manifestazione in Canada, dal 12 al 19 saremo a Tokyo per una delle fiere più importanti del mondo, il “Vinexpo”. Qui ci sarà anche una degustazione del “Gambero Rosso”, l’azienda più autorevole nel giudizio di qualità, che ci ha premiato quest’anno con i “Tre Bicchieri”: un attestato d’eccellenza che non solo premia lo sforzo della nostra famiglia che da anni investe su Turi e sul prodotto, ma che è anche un ottimo biglietto da visita per presentarsi ai mercati esteri. Abbiamo inoltre ristrutturato la storica cantina del 1882 per renderla visitabile ai turisti”.

Nelle conversazioni avute con entrambi i produttori, è più che palese l’interesse verso il mercato del vino internazionale, ormai fondamentale per combattere la crisi e per competere con gli altri grossi produttori che vogliono sovrastarci.

Sia Giuliani che Coppi, infatti, hanno tre importanti tappe in programma nel centro Europa, precisamente in Olanda, Belgio e Lussemburgo, dove andranno ad esporre e a presentare i prodotti della nostra terra.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI