Giovedì 19 Ottobre 2017
   
Text Size

Antenna di via Mola: finalmente sarà demolita

Antenna di via Mola


Arriva l’Ordinanza dell’Ingegner Di Bonaventura. Ora i cittadini attendono un forum consultivo e il monitoraggio territoriale delle antenne


Era lo scorso 22 giugno quando, durante un Consiglio comunale, fu approvata all’unanimità la valutazione dell’annullamento del silenzio assenso illegittimamente formatosi e di disporre la demolizione della porzione di impianto del traliccio di via Mola. Finalmente, in questa settimana, con l’ordinanza n 5, l’Ingegner Di Bonaventura ha firmato la demolizione del traliccio della Linkem spa.

Sembra scriversi la parola “fine” nella lunga quanto discussa vicenda, tutta in salsa turese, che ha visto protagonista un’intera comunità, sostenuta da alcuni amministratori comunali, contro una società che stava per realizzare e portare a compimento un’opera che poco aveva di legale, salutare e conservativo dal punto di vista paesaggistico.

“Finalmente sono partiti i lavori di demolizione dell’opera” – commenta un residente turese, uno dei primi che aveva sostenuto la pericolosità di quanto si stava realizzando nella periferia cittadina. Un’azione congiunta, di cittadini e politica che, camminando a braccetto e investigando tra permessi, pareri e date, ha bloccato, sul nascere, la realizzazione di un traliccio che per posizione, per numero e per dimensione, non poteva essere costruito. È proprio nell’ordinanza dell’Ingegnere comunale che, infatti, si dichiara con evidenza “l’illegittimità del titolo abilitativo formatosi per silenzio-assenso ai sensi dell’art. 87, comma 9, del Codice delle Comunicazioni Elettroniche di cui al D.Lgs. n. 259/2003 e s.m.i. in base alla richiesta del 10/12/2014, prot. n. 16453 del 11/12/2014, prodotta dalla Linkem S.p.A., congiuntamente alla Towernet S.r.l. e diretta ad ottenere il rilascio di autorizzazione per la realizzazione di una infrastruttura a servizio delle comunicazioni elettroniche in un’area ubicata nel Comune di Turi in via Vecchia Mola […] in un terreno concesso in locazione alla Towernet S.r.l., come da contratto di locazione sottoscritto tra le parti e costituente titolo giuridico abilitante le predette società all'uso dell'area prescelta come sito di installazione dell'impianto”.

Entro 90 giorni, quindi si ordina alla Linkem spa, alla Towernet e ai possessori del terreno di rimuovere, a proprie spese, l’opera “abusiva realizzata in assenza di titolo abilitativo e comprendente la piattaforma in cemento armato completa di tirafondi, la recinzione metallica e relativo cancello di ingresso e il ripristino dello stato dei luoghi e delle condizioni ante intervento”.

Quindi prosegue: “In caso di mancata effettuazione degli interventi di rimozione delle opere abusive e di riduzione in pristino dello stato dei luoghi, il bene e l’area di sedime sarà acquisita di diritto, gratuitamente, al patrimonio del Comune”, che procederà alla demolizione “a spese dei responsabili dell’abuso”; inoltre “in caso di inottemperanza all’ordinanza di demolizione, rimozione e rimessa in pristino dei luoghi, si applicherà una sanzione pecuniaria di importo compreso tra € 2.000,00 ed € 20.000,00”.

I turesi possono quindi sorridere e brindare alla vittoria di questa battaglia cittadina, che si amplia alla grande questione dell’inquinamento elettromagnetico, sulla quale già da tempo si è formato un comitato locale. A dare loro man forte, anche lei in prima linea, la stessa consigliera Zaccheo che in precedenza ha sottolineato: “Continuerò a seguire la vicenda fino all’approvazione del PIC. Nel frattempo ho proposto la costituzione del forum consultivo sulle antenne (come da art. 8 del Regolamento comunale approvato nel 2005) e partirà a breve un servizio di ricognizione sul territorio per la verifica e il monitoraggio delle antenne presenti”.

Commenti  

 
gino
#5 gino 2016-10-07 12:00
A dimenticavo
Del. G. C. 113
L'avv. costa per adesso 10.000 €
Citazione
 
 
gino
#4 gino 2016-10-07 09:18
Come le grate a largo pozzi
La susca si lava la coscienza mandando una PEC alla ditta che dovrebbe provvedere.
Badate bene a seguito di segnalazione di laera..
Io mi chiedo ma fino ad oggi la ditta che ......... ha fatto? In tutti questi mesi/anni che gli operai passavano da via b. Croce, cosa guardavano?
Non so chi è la ditta, ma per me l'incarico andrebbe immediatamente revocato per manifesta incompetenza.
Per non dire altro
Citazione
 
 
gino
#3 gino 2016-10-06 10:01
Lassismo come previsto
Ad oggi ZERO
Antonello palmisano destina 250 euro per ristrutturazione giostrine di piazza venusio
Il comune ne mette altri 750
Viene fatta la ordinanza in cui vengono dati in esecuzione i lavori.
Ad oggi ZERO
Citazione
 
 
gino
#2 gino 2016-10-03 12:52
come gia annunciato "dal manifesto" la ditta installatrice linkem ha fatto ricorso al TAR contro l'ordinanza e il comune è stato costretto a mettersi l'avvocato.
Morale: dopo la causa amministrativa, il provvedimento sarà revocato, spesi i soldi all'avvocato, l'antenna istallata e i turesi fregati dolcemente e contenti
Citazione
 
 
Xx
#1 Xx 2016-08-26 21:10
Come state inguaiati
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI