Domenica 22 Ottobre 2017
   
Text Size

Acqua "contaminata": ci si preoccupa anche a Turi

acqua contaminata Il post di allerta

 

Alcuni cittadini affermano di ricevere acqua sporca nelle propri abitazioni, ma si tratta di un equivoco

Le analisi dell'Asl confermano la potabilità dell'acqua turese


Sono ormai settimane che sentiamo svariate notizie sull'emergenza dell'acqua potabile contaminata che si è trovata a vivere la cittadinanza di Casamassima. Giornali e telegiornali, sia regionali che nazionali, non fanno altro che riportare dichiarazioni dell'Acquedotto Pugliese che confermano la situazione o cercano di giustificarla invocando imminenti lavori di riparazione.

Come spesso accade in queste situazioni, l'aura di pandemia e allarmismo si diffonde in primis tra i cittadini del Comune interessato e in alcuni casi valica i confini, andando a preoccupare anche gli abitanti dei paesi limitrofi. A quanto pare lo “spauracchio” sarebbe arrivato anche a Turi, dove nello scorso fine settimana alcune foto hanno creato un acceso dibattito su Facebook relativo al fatto che l'acqua potesse essere contaminata o meno a Turi. Queste foto ritraevano bacinelle di acqua sporca, dal colore giallastro, prelevata dai rubinetti di un'abitazione che sarebbe situata in via Casamassima.

Dopo l'allarme iniziale in tanti sono andati ad aprire i rubinetti per verificare di persona se quanto avessero letto corrispondesse alla verità. Il risultato? Nessuno ha riscontrato lo stesso problema, affermando che l'acqua era limpida e cristallina da via Sammichele alla stessa via Casamassima. Qualcuno ha anche provato a ipotizzare quella che poteva essere la causa del problema, ovvero la presunta operazione di pulizia degli impianti da parte dell'Acquedotto Pugliese, eseguita senza preavviso.

Pericolo scampato alla fine della fiera, noi turesi per fortuna non corriamo alcun rischio collegato alla questione idrica casamassimese. E questo viene confermato anche dai risultati degli esami che l'ASL Bari ha effettuato nel nostro comune lo scorso 9 maggio. I campioni, prelevati dalle fontanine pubbliche di largo Pozzi e via Putignano, non hanno evidenziato nessuna anomalia, confermando che l'acqua turese è conforme alla normativa vigente ed assolutamente potabile.


La comunicazione dell'Asl

Commenti  

 
Mino Miale
#2 Mino Miale 2016-05-30 11:50
E' un argomento delicatissimo per Turi... e non solo: Basta mettere bene i tasselli giusti al posto migliore, sia a livello scientifico che Cultural-Politico ... e tutte le risorse umane che abbiamo a disposizione si attiverebbero. Purtroppo diamo una spropositata importanza a figure istituzionali INCOSCIENTI. Parliamone, certo, Ciao Vito ;-)
Citazione
 
 
vito totire
#1 vito totire 2016-05-29 20:15
Qualche osservazione;
l'acqua ,dice la Ausl è batteriologicamente "accettabile"; prendo atto;
ma per gli organoalogenati e l'amianto?
Per quel che riguarda gli organoalogenati (in parte connessi all'uso del cloro) constato che l'Acquedotto pugliese ha compreato di recente notevoli quantità di ipoclorito di sodio quando (volendo prorio usare il cloro per la disinfezione)sarebbe meglio usare il biossido di cloro;per l'amianto l'ultima volta che abbiamo inteloquito con EAAP,ci hanno risposto che avevano monitorato l'amianto col microscopio ottico (che è un metodo inadeguato);
magari i rischi fossero tutti percebibili, alcuni sfuggono ai sensi e occorre monitorarli e prevenirli in maniera meno empirica e meno approssimativa;
se interessa a qualcuno (tipo miei amici e conoscenti o altri) parliamone.
dr.Vito Totire
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI