Giovedì 19 Ottobre 2017
   
Text Size

Festa della Liberazione: 25 Aprile sotto la pioggia

1 (12)

Il 25 Aprile è sicuramente una delle ricorrenze civili più importanti sul calendario di un italiano. La Festa della Liberazione celebra annualmente la vittoria delle forze partigiane che liberarono, appunto, l'Italia dal totalitarismo nazi-fascista. In tutta la Nazione si è soliti ricordare questa vittoria, e ancor più la dura lotta che ha mietuto vittime su vittime, con parate ed eventi evocativi di quei giorni e di quegli anni.

1 (2)

Anche nel nostro paesino, lunedì scorso, si è festeggiata la Festa della Liberazione con la classica parata che, dal Municipio, si è diretta in Piazza Aldo Moro. I colori accesi degli stendardi del Comune di Turi, dell'Associazione Bersaglieri e dell'Aeronautica stridevano non poco con le tinte grigie della giornata, caratterizzata da forti precipitazioni a carattere piovoso e grandinoso, accompagnate da intense raffiche di vento. Tuttavia non sono state certo le intemperie a fermare chi ha voluto rendere omaggio a tutti i costi a quanti hanno costruito, mattone dopo mattone, la storia d'Italia.

La Banda di Turi ha contribuito a creare l'atmosfera suonando i brani classici di queste occasioni; uno dei momenti più commoventi, che ha emozionato i presenti, è stato il silenzio rotto dal suono della tromba che commemorava i soldati turesi sacrificatisi in guerra, davanti al Cannone del Monumento ai Caduti. Si è poi, come di consueto, sostituita la corona di fiori che campeggia proprio alla base del monumento, poggiata alle pareti che riportano i nomi dei turesi caduti.

Unica nota negativa dell'evento è stato il numero, davvero troppo esiguo, di cittadini che hanno partecipato. Vogliamo autogiustificare la popolazione di Turi con il fatto che, effettivamente, le condizioni della giornata non fossero proprio le ideali per uscire a fare una passeggiata. Ma siamo sicuri che se ci fosse stato il sole la situazione non sarebbe stata la stessa? È davvero triste notare che sempre meno gente sente sue queste celebrazioni, quando dovrebbero essere proprio le nuove generazioni a cogliere queste occasioni come opportunità reali di conoscere la vera storia del nostro Paese e i sacrifici che hanno portato a tutto ciò che noi, oggi, diamo per scontato.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI