Lunedì 18 Dicembre 2017
   
Text Size

Il Potere di un Sì, il Peso di un No

12967410_1733537993526042_6936760839371463486_o

Avevamo già analizzato nello scorso numero quali fossero le aspettative e i propositi dei ragazzi di Post.it - la nuova associazione di giovani turesi che si ripropone di animare il paese con eventi di vario genere - nell'organizzare l'appuntamento “Il Potere di un Sì, il Peso di un No”, finalizzato a sensibilizzare la popolazione sul tema del referendum del prossimo 17 Aprile.

12968029_1733538180192690_2575704901139026936_o

Le intenzioni del giovane gruppo erano sicuramente le migliori del caso, ma a questo punto ci chiediamo se siano davvero riusciti a creare questa situazione di confronto e scambio di idee che avevano anticipato di voler offrire ai turesi (e non). Senza entrare nel merito della questione “referendum”, di cui abbiamo parlato ampiamente nelle pagine dello scorso numero, il grande pregio dei ragazzi di Post.it è di aver messo in piedi un evento capace di creare un polo di attrazione giovanile interno al nostro paese. È stata una delle poche volte in cui un evento turese, organizzato da turesi, è riuscito ad attirare una buona fetta di pubblico anche dai paesi limitrofi che, non è una novità, sono soliti snobbare la “città fantasma” di Turi. Poco importa che non tutti fossero lì per seguire i dibattiti o per lasciarsi sensibilizzare, la vera cosa che conta è che si è finalmente organizzato un bell'evento in un posto dimenticato anche da noi residenti a Turi.

Spesso, come noto soprattutto fra noi giovani, ci si riferisce al “Boschetto” come punto di ritrovo, identificandolo con la villetta adiacente ad esso. È stata una delle prime volte (sicuramente la prima dopo fin troppo tempo), che il vero “Boschetto”, quello all'interno del recinto, è stato rimesso a nuovo e predisposto ad ospitare delle persone. Le erbacce sono state rimosse, facendo spazio a tavolini, stand gastronomici e addirittura un palco. La serata è stata animata da vari artisti musicali, tra cui la band reggae barese dei “Rhomanife”e altri artisti turesi. Alcuni writer (quelli che vengono comunemente chiamati “graffittari”) hanno inoltre abbellito i muri interni del boschetto con graffiti a tema.

La festa si è protratta dal primo pomeriggio fino ad arrivare alla mezzanotte, in una suggestiva atmosfera che permetteva di scorgere i palazzi del nostro paese tra le foglie degli alberi e non viceversa. Un'altra bella iniziativa di questi ragazzi intraprendenti a cui non possiamo non fare ancora una volta i nostri complimenti.

Si ringrazia per le foto Annalisa Coppi.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI