Venerdì 15 Dicembre 2017
   
Text Size

Una conferenza deserta

L'aula consiliare vuota

Ha risuonato come un eco, l’invito rivolto alla cittadinanza dall’Assessore alla Polizia Municipale, Gianvito Pedone, a riunirsi nella sala consiliare, martedì 16 febbraio, per affrontare assieme l’annoso problema della sicurezza e risolvere, nell’immediato, l’ostacolo della mancanza di una vigilanza nei pressi delle sedi scolastiche.

Un invito praticamente rimbalzato e tornato al mittente, come ha dimostrato la quasi totale assenza di partecipazione – erano presenti solo cinque turesi – che ha avvalorato quasi il disinteresse, comunitario, a collaborare per risolvere un problema così tanto lamentato e sentito.

“Volevamo risolvere il problema con l’ausilio dei vigili volontari, ma – ripete l’Assessore ai pochissimi presenti in sala – come più volte detto, sono pervenute solo quattro adesioni”. Torna a riformulare la difficoltà, Pedone, ad avviare il programma dei vigili volontari con così poche unità che, seppure utili, “sarebbero insufficienti per i tre plessi scolastici dove servirebbe garantire almeno quattro figure che, alternandosi, possano garantire la presenza nelle ore di entrata ed uscita dei bambini da scuola”.

Evidente la difficoltà che anche sulle nostre colonne l’amministrazione, per bocca dell’assessore, ha palesato per risolvere il problema, soprattutto dinanzi ad una carenza di unità di Polizia Municipale che, ripete Pedone: “Abbiamo più volte richiesto e che ci auguriamo possiamo colmare a breve. Sicuramente non potremo usufruire della mobilità del personale provinciale, ormai totalmente assorbito dalla Regione per la Città Metropolitana, pertanto stiamo lavorando per colmare queste mancanze”. Ma fino ad allora, rilancia la richiesta di una collaborazione della comunità perché, prosegue, “è facile parlare e lamentarsi, molto più difficile è contribuire a trovare assieme delle soluzioni idonee per il nostro comune”.

Di fronte alle numerose difficoltà palesate dai genitori è lo stesso Assessore a non voler ricorrere comunque ai pochi volontari che hanno manifestato l’interesse a fungere da vigili, poiché, spiega: “Bisogna avviare delle pratiche assicurative che risulterebbero esose per sole quattro figure. Quindi con il vigile volontario non possiamo andare avanti!”. Dala voce di uno dei presenti è giunta la richiesta di chiarimento sulla questione, domandando come mai non possano essere ascritti nella stessa tipologia dei volontari della Protezione Civile e perché non possono essere impiegati tali volontari nella vigilanza dei plessi. Immediata la replica di Pedone: “Tra le azioni dei Volontari del Gruppo Comunale non rientra quella di vigliare davanti alle scuole e la loro forma assicurativa non può essere impiegata per i vigili volontari. Parliamo di due figure ben distinte”.

Dinanzi alle difficoltà di formulare soluzioni utili per tutti, è lo stesso Assessore a concludere l’incontro avanzando la sua ipotesi. “Sto cercando di pensare all’ausilio del Servizio Civile Nazionale che permetta di individuare figure adatte al ruolo e che per le attività che svolgeranno riceveranno un giusto compenso. Così penso che potremo risolvere il problema della sicurezza davanti ai tre plessi di scuola”.

Quindi saluta lanciando un messaggio a tutti: “Se riusciamo a fare qualcosa, non è per noi, ma è per tutti!”.

Ci auguriamo che presto possa partire il Servizio nazionale per il nostro comune così da scrivere la parola fine ad una situazione effettivamente problematica per genitori e soprattutto studenti, ma sicuramente verso la quale è necessario venirsi incontro per valutare temporanee soluzioni.

Commenti  

 
mamma
#9 mamma 2016-03-04 19:23
Gianvito suona la campanella?
Citazione
 
 
mamma
#8 mamma 2016-03-03 15:32
cominciamo a fare le strisce pedonali davanti alle scuole e la dovuta segnaletica (vedi madre teresa di calcutta)
Citazione
 
 
B. Elefante
#7 B. Elefante 2016-03-02 22:56
ANCHE IL PIANO TERRA VUOLE LA SUA PARTE
Nemmeno mettersi con l'auto dietro a manifestazioni varie, pacifiche o violente che siano, è compito della protezione civile, che non è destinata a servizi di ordine pubblico. Quindi l'assessore non dica stramberie utili solo a legittimare il fatto che la jepp della protezione civile e quantaltro finanziato coi soldi di tutti, deve servire (oltre che per alcuni isolati e certo encomiabili interventi) solo per fare la parata di piazza dietro le autorità in festa, e non per fare servizio utile ad esempio dinanzi alla scuole elementari e medie.
Poi non capisco che senso ha dire che quattro volontari sono pochi.
L'unico senso che colgo è che volete elargire ad una decina di persone(con quello che chiamate servizio nazionale civile) un pò di soldi pubblici, per soliti lavori inutili, tanto per allargare il raggio di intervento delle regalìe e sottrarne un pò di alle fauci onnivore del secondo piano.
L'assessore pensasse a mandare i vigili a controllare i servizi pubblici di loro competenza e i tabelloni pericolanti e senza autorizzazione anzichè le auto che occupano mezzo metro di striscie pedonali in strade deserte sotto la pioggia.
Citazione
 
 
simone
#6 simone 2016-03-02 15:24
Giustino caro, un consiglio. Prendi l'assessore a braccetto, magari anche il comandante e girate il paese fuori dalle scuole quando escono i ragazzi e durante le processioni, quando la protezione civile fa viabilità. Cerca di individuare differenze e similitudini o uguaglianze. Poi diglielo e scrivi su turiweb
Citazione
 
 
Pinuccio
#5 Pinuccio 2016-03-01 18:29
Giusino invece di fare l'avvocato dell'assessore,che ne diresti di fare il vigile volontario?
Citazione
 
 
Giusino
#4 Giusino 2016-03-01 14:58
la cosa più triste è leggere le accuse contro un assessore che ha voluto includere la cittadinanza. se lo fa è accusato (di cosa poi non so) se non lo fa se ne frega dei cittadini. la verità è che i cittadini se ne fregano e sanno solo criticare
Citazione
 
 
Pinuccio
#3 Pinuccio 2016-02-28 07:14
Assessore perchè non cominciate Voi (Politici del piffero)a lavorare gratis per il bene del paese?
Citazione
 
 
simone
#2 simone 2016-02-23 11:53
Poi mi deve spiegare perché la protezione civile può fare la viabilità alle processioni, chiudere strade e non possono farla davanti agli asili. Sei proprio un non conoscitore della materia. Forse il tuo funzionario di riferimento ti ha riempito la testa di regolamenti inutili. Fatti preparare quello del "2 novembre" e fidati che è molto competente
Sei la delusione in persona del ruolo che ricopri
Citazione
 
 
Penelope
#1 Penelope 2016-02-23 10:32
Ma dove vivi bello, riformula il contratto assicurativo dei PROTETTORI CIVILI aggiungendo una clausola oppure prendi la via di casa... tua. troppe chiacchire
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI