Giovedì 14 Dicembre 2017
   
Text Size

Aree edificabili: il botta e risposta

Comitato Aree Edificabili e Sindaco

Il Comitato Aree Edificabili torna ad alzare la voce. “Tra i doveri di un Buon Politico dovrebbe esserci anche quello di assumere decisioni e non di lavarsene le mani, come fece Pilato, cercando di far risolvere ad altri i problemi. Molte volte i tecnici con la loro visione unilaterale delle cose, come dimostrato dai Governi Tecnici, producono più danni che soluzioni giuste ed eque. Non tutto si può risolvere con il freddo tecnicismo, occorre anche mediare con la logica, la ragione ed infine con  il coraggio”. Non le manda a dire il Comitato Aree Edificabili, in una nota inviata alla nostra redazione il 22 dicembre scorso (pubblicata integralmente a seguire). L’associazione accusa pubblicamente l’ingegnere comunale Di Bonaventura, il prof. Morano e il sindaco Coppi di predicare bene e “razzolare male” in base ad un’incongruenza riscontrata sulle documentazioni e relazioni tecniche dove si farebbero delle premesse puntualmente smentite dalla determinazione dei valori venali. Il Comitato accusa inoltre la parte tecnica e politica di aver avuto un atteggiamento di “stizza e derisione […] quando si faceva notare da parte nostra che i valori individuati dai tecnici non erano giusti, erano fuori mercato e che certamente ci dovevano essere degli errori per risultare così alti. Per il Sindaco erano Vangelo ed erano giusti ed intoccabili soprattutto per il fatto che erano valori individuati dall’Organo Tecnico più qualificato.  Assolutamente non bisognava metterli in discussione nonostante la loro palese distanza dai reali valori di mercato”. Il Comitato, infine, rimprovera il Sindaco di non aver dato risposte, “abbiamo fatto delle proposte, portato esempi, fornito copiosa documentazione, tutto è stato vano e non ritenuto degno di essere preso in considerazione”. 

La proposta del Sindaco. Anche il Sindaco torna sul tema durante il Consiglio comunale del 28 dicembre scorso e lo fa con toni più soffici. “Non si può certo dire che non ci siamo voluti confrontare con i proprietari delle aree edificabili” – afferma Coppi, in merito a quella che definisce una “questione complessa”. “Sono andato presso la loro associazione per ben tre volte – prosegue – per discuterne”. Nell’ultimo incontro, venivano messi in discussioni i valori determinati dalla relazione del professore del Politecnico di Bari, valori “su cui io non mi sento di intervenire perché fatta da professionisti”. Coppi ricorda poi di aver invitato il Comitato Aree Edificabili a mettere per iscritto eventuali osservazioni in modo da poterne discutere anche con la parte tecnica, ma di non aver ricevuto nulla. “Più che proteste (che capisco), mi aspetto anche che ci siano proposte scritte e concrete dall’associazione e dai proprietari”. “Se poi ci sono dei possessori di aree che ritengono per loro un danno avere un terreno edificabile, possono  benissimo chiedere che siano declassificati tornando ad uso agricolo. Questa operazione la possiamo assolutamente prendere in considerazione visto che i tecnici mi dicono che effettivamente abbiamo delle aree F ampie, anche rispetto al minimo necessario all’interno del Pug”. Secondo quanto avrebbero riferito i tecnici, infatti, Turi dovrebbe avere tra i 17 e i 18 ettari, mentre ne ha 53. Questo comporterebbe una modifica strutturale del Pug, ma “sicuramente la Regione, che dovrà essere coinvolta, non ci creerà dei problemi”. Questa azione, infatti, andrebbe a combaciare con gli obiettivi della Regione, da sempre impegnata a ridurre l’uso del suolo. Rispetto al discorso di declassificazione delle aree F, “non possiamo procedere a macchia di leopardo. Si dovrà essere tutti d’accordo tra chi lo vuole e chi no”. Per questo Coppi fa appello al “senso di responsabilità di tutti”.

Le raccomandate Imu e Tasi per gli anni 2014 e 2015. Durante le festività natalizie molti turesi si sono visti recapitare dal Comune di Turi delle raccomandate per il pagamento dell'Imu e della Tasi per gli anni 2014 e 2015. Non capendo bene di cosa si trattasse, molti anziani si sono rivolti allo stesso Sindaco manifestando le proprie preoccupazioni. Le ansie di questi turesi, da quanto apprendiamo, sono dovute a due ragioni fondamentali: molti non sapevano di avere un terreno non più agricolo, ma edificabile; alcuni dei terreni sono oggi strade o giardini pubblici, ma al Catasto risulterebbero ancora appartenenti a privati, dato che non sarebbe stato mai fatto il passaggio di proprietà. Durante il Consiglio comunale del 28 dicembre scorso, Coppi ha precisato che l’invio di queste raccomandate ha fondamentalmente lo scopo di informare i cittadini circa lo stato dei loro terreni ed invitarli a compilare dei moduli disponibili presso gli uffici comunali, in modo da poter formare un “database” e un “lista” di tutti quei terreni che necessitano dei passaggi di proprietà dal privato al Comune di Turi. “L’obiettivo è principalmente far sapere a chi, dopo la variazione del Pug, ha visto cambiare il proprio suolo da agricolo ad edificabile. Cosa che si sarebbe dovuta fare nel momento dell’adozione e dell’approvazione del piano, come prevede la legge”. Nel frattempo, il Comitato Aree Edificabili ha deciso di prestare assistenza gratuita “per ogni consiglio e per compilare eventuali documenti” con cui rispondere a tali raccomandate.

 ---------------------------------------

S'invitano tutti i proprietari di suoli edificabili a rivolgersi al Comitato Aree Edificabili che, gratuitamente, sarà a disposizione per ogni consiglio e per compilare eventuali documenti per rispondere alle raccomandate che il Comune sta inviando per il pagamento dell'IMU e della TASI per gli anni 2014 e 2015.

Tutti, gratuitamente, possono rivolgersi al Comitato presso il locale di Via Gramsci, 24/A dalle ore 19,00 del martedì, giovedì, sabato e domenica a partire dal 5 gennaio 2016; oppure contattando i referenti per un incontro ai seguenti numeri di telefono: 320 55 07 178 - 338 75 77 615  

Il Comitato Aree Edificabili

Commenti  

 
Zona x
#7 Zona x 2016-01-16 13:48
Questi non sono né politici né umani e né tecnici, ma parassiti attaccati così tanto alla poltrona che non riescono a staccarsi nemmeno per andare a vedere cosa succede in paese. Ultimo esempio lampante è il ponte di via conversano. Dormono beati fino a che non c è scandalo. A questo punto io vi chiedo: ma ci siete o ci fate?...no perché qui la situazione è seria. State uccidendo tutto quello che era rimasto di buono in questo paese. Vi siete resi conto che non siete capaci di amministrare nemmeno l ordinario?.....fate un favore alla comunità, andate via prima che sia troppo tardi..il paese muore giorno per giorno e voi continuate a stare nell'immobilismo più assoluto.
Citazione
 
 
Volpone
#6 Volpone 2016-01-16 12:03
Per Volpino.
Hai dimenticato una cosa. Tra i proprietari dei suoli F ci sono molti coltivatori diretti o imprenditori agricoli che sono esonerati dal pagamento dell'IMU e della TASI sulle aree edificabili. Il Sindaco questo lo sa bene ecco perchè ha lanciato la proposta della declassificazione che non può essere fatta a macchia di leopardo. Sa benissimo che i coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli non saranno d'accordo per la declassificazione. Costoro non pagando nulla vorranno tenersi la qualifica di aree edificabili, tanto non gli costa nulla e non rischiano nulla. Bravo Sindaco, è il caso di dire come diceva Enzo Greggio in una famosa trasmissione di anni addietro "DRIVE IN" su canale 5 "SEI UN BEL VOLPINO|||" Io da parte mia aggiungerei Ti credi veramente furbo? ed un napoletano ancora :" CA NISCIUNO E' FESSO||"
Citazione
 
 
vitino
#5 vitino 2016-01-15 13:46
Ma non lo ha voluto l80% di voi? Non lo conoscevate
Citazione
 
 
volpino
#4 volpino 2016-01-14 17:23
vorrei che il Sindaco spiegasse cosa significa che tutti i proprietari delle aree edificabili devono essere d'accordo per poter declassificate le zone F in quanto non si può' procedere a macchia di leopardo. Significa che tutti quanti devono essere d'accordo?.Significa non farne nulla perche'non ci sara' MAI L'accordo unanime di tutti in quanto ci sono persone che possiedono solo pochi metri quadrati e quindi non pagando una cifra grossa vogliono lasciare le cose come stanno. Quanti anni passerebbero ancora prima che la de classificazione possa entrare in vigore? Caro Sindaco ti ritieni furbo e politicamente dotato? Come dicono a NAPOLIca nisciuno e' fesso!!! E Toto' direbbe Ma fatemi il piacere!!! piacere
Citazione
 
 
comitato aree edific
#3 comitato aree edific 2016-01-13 19:41
Parlo a nome del Comitato Aree Edificabili.
Come Comitato, coadiuvati da tecnici esperti in estimo ed in valutazioni, abbiamo presentato al Comune per iscritto osservazioni tecniche in merito alla relazione del prof. Morano,abbiamo anche più volte presentato proposte ed osservazioni per risolvere la problematica di una equa e sostenibile tassazione delle aree edificabili. L'abbiamo fatto sempre per iscritto, conservando le copie con il timbro di arrivo al protocollo del Comune ed in ogni momento siamo disponibili a mostrarle a tutti. Abbiamo anche consegnato nelle mani del Sindaco una copiosa documentazione costituita da copie di atti adottati da molti Comuni per risolvere la problematica in questione. Per finire anche nelle tre Assemblee tenute dal Comitato ed alle quali lo stesso Sindaco, invitato, ha partecipato sono stati illustrati copiosamente al Sindaco le possibili soluzioni. Lo stesso Sindaco ne ha condiviso alcune affermando che avrebbe valutato insieme alla maggioranza le soluzioni possibili. Quasi ogni settimana attraverso i mezzi d'informazione abbiamo esposto la problematica non condividendo le soluzioni adottate dall'Amministrazione e proponendo soluzioni possibili. Ora sentire che il Sindaco sta ancora aspettando osservazioni e proposte è alquanto offensivo nei confronti del Comitato. Una cosa è certa, non c'è mai stata da parte dell'Amministrazione alcuna proposta di soluzione. Qualcuno ci ha fatto notare che l'Amministrazione ci ha snobbato e che non ha ricambiato la cortesia di invitarci per illustrarci e discutere la relazione del prof. Morano sulla valutazione delle aree edificabili. Come Comitato chiediamo infine al Sindaco di non parlare il politichese e di essere sincero, chiaro ed onesto con il Comitato e con tutti i cittadini.
Citazione
 
 
Deluso
#2 Deluso 2016-01-13 16:42
Premesso che il Sindaco è stato invitato ed ha partecipato per ben tre incontri pubblici, possibile che non ha capito nulla?
I toni moderati e concilianti, possibile che non hanno fatto capire al Sindaco che doveva portare delle RISPOSTE e prendere eventuali appunti sulla problematica da far studiare al suo "professorone"?
Il Comitato Aree Edificabili NON a RESIDENZIALE ma edificabili a SERVIZI di cui Turi non dispone visto il saccheggio degli standards mai lasciati durante tutta la speculazione edilizia di cui Lui Sindaco è stato osservatore attento, o distratto, vista la sua "lunga vita politica" cosa vorrebbe che faccia?
Smontare la pseudo-perizia del professorone?
Una perizia costata più di 25.000,00 euro che NON E' manco GIURATA e merita o NON merita più di tanto le osservazioni da riservare nel possibile CONTENZIOSO?
Vada per le improprie e limitate competenze del nostro Sindaco ma in Amministrazione c’è o non c’è un ingegnere civile espressione del movimento IMPEGNO per TURI?
Anche costui NON ha capito?
Può ancora rivolgersi al suo capo?
Possibile che NESSUNO abbia provato ad applicare il METODO espresso in perizia dal professorone ed accorgersi che i risultati sono errati e NON VERITIERI?
TURI non è MILANO!!!
Contenzioso che costerà tante o tantissime altre cifre importanti ai Concittadini contribuenti e che probabilmente farà felici altri Consulenti Legali amici di falsa sinistra?
A detta del Comitato di proposte ne sono state depositate, protocollate e consegnate a chili, tante che forse non ha avuto tempo di leggerle ancora?
Sappiamo che il nostro Sindaco è uno psicologo che fa rima con filòlogo per cui cosa significa che i proprietari potranno chiedere il declassamento?
Ma come,è stato approvato uno Strumento Urbanistico a dismisura che provoca malcontento ed ora chiedete ai singoli proprietari di procedere a chiedere il declassamento ma non a macchia di LEOPARDO? Certamente ciò è cosa possibile solo a Lui che ha avuto un Segretario di partito nazionale intento a smacchiare il GIAGUARO!!!
Ed anche in questo fantomatico caso, che sposta l’attenzione dal pasticcio che questa miserevole politica cittadina ha creato, CHI e come ci assicura dal DOVER o NO PAGARE le TASSE paventate e in corso di NOTIFICA sin dal 2011 e fino a quando non sarà ridimensionato il nuovo PUG???
E cosa c’entra il DECLASSAMENTO con quello che è l’UNICO e VERO problema di dover definire il solo REALE valore VENALE, di SCAMBIO, COMMERCIALE di queste aree al solo fine di calcolo FISCALE di anno in anno?
PAGARE il GIUSTO, meno quando non c’è mercato, di più quando non ci sarà più la crisi!
Per cui, fuor di metafora, l’unico che manca di senso di responsabilità è …il nostro SINDACO, ahimè!!!
Citazione
 
 
Amareggiato
#1 Amareggiato 2016-01-13 14:13
Domanda per i tecnici: è possibile declassare anche le zone B e B/C a terreno agricolo?
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI