Lunedì 23 Ottobre 2017
   
Text Size

All’I.T.E.S. “Sandro Pertini” l’inglese è a suon di musica

Foto Pietro Carenza4

(Foto Pietro Carenza)

Foto Pietro Carenza2

L'Inglese non è un sapere astratto da imparare ma è uno strumento straordinario che ci permette di comunicare con gli altri, condividere esperienze e apprendere; è uno strumento che apre al mondo e ci offre la possibilità di accoglierlo. Consapevole dell’importanza della lingua inglese, l’I.T.E.S  “Sandro Pertini” di Turi ha aderito, giovedì 26 novembre, ad un workshop per studenti, organizzato dal Gallery Languages Ltd, dal titolo ‘Rhyme on Time’.
L'iniziativa, fortemente voluta dal dirigente scolastico, Andrea Roncone, e dai docenti Vito Capriati e Tiziana Panaro, è stata animata dal prof. Jason Levine, docente madrelingua di New York dalla pluriennale esperienza nell’insegnamento della lingua inglese, conosciuto sui social network come Fluency MC.  
Il workshop, che ha coinvolto anche i ragazzi della scuola media, si è concentrato sullo sviluppo delle abilità di ascolto, di lettura e del parlato acquisite in chiave rap. Il rap, come ha spiegato lo stesso Jason, è una poesia in musica, come lo stesso acronimo sottintende Rhythm And Poetry, un insieme di rime in musica. “La musica aiuta e la ripetizione meccanica di Foto Pietro Carenza1paradigmi, verbi e forme grammaticali, tipica dei bambini, avviene - ha affermato il prof.  Levine, durante la sua presentazione -  più facilmente se gli “studenti” si divertono nell’imparare. Questo è il mio scopo”.
Durante il workshop, della durata di due ore, gli alunni non sono stati semplici spettatori, ma anche protagonisti, esercitando così il loro inglese, cantando e rispondendo alle domande di comprensione di Jason. Entusiasti dell’esperienza vissuta, autofinanziata con un minimo contributo, non hanno esitato, a fine spettacolo, a chiedere al prof. Jason Levine foto e autografi.
Ancora una volta l’I.T.E.S  “Sandro Pertini”, con un’iniziativa di apprendimento rivoluzionaria e vicina alle reali esigenze dei ragazzi, ha ribadito la sua filosofia di scuola: apprendere per avere un futuro migliore, imparare per divenire attori di una società̀ giusta e democratica, sapere per non essere mai colti impreparati dalla vita.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI