Sabato 16 Dicembre 2017
   
Text Size

Degrado del campo sportivo: “Tutto frutto di incuria”

IMG-20151130-WA0009

Il degrado del campo sportivo. “Non ci sono parole per descrivere la situazione di degrado in cui versa il campo sportivo. Per capire, bisogna recarsi personalmente presso la struttura” – ci spiega il consigliere di minoranza Fabio Topputi in merito alla condizione di degrado in cui versa il campo sportivo con annessi spogliatoi. Sulle motivazioni per cui si è arrivati a questo deterioramento, Topputi spiega: “Il tutto è frutto di incuria, di mancanza di controlli, di cattiva gestione ed assenza di manutenzione. Le responsabilità sono di tutti: a partire da noi cittadini che utilizziamo le attrezzature sportive, fino alle ultime amministrazioni che non hanno provveduto ad attivare seri controlli e le manutenzioni necessarie. L’ultimo importante intervento di recupero dell’impianto risale al 2005 con l’amministrazione De Grisantis”. Il consigliere ci racconta che, nonostante le diverse segnalazioni a riguardo, non è stato ancora fatto granché. “Cosa avrebbe dovuto fare questa amministrazione?” – gli chiediamo. La risposta è breve e concisa: “Prendere atto del degrado che rinveniva dal passato e provvedere. Questo è il compito di un amministratore pubblico. Se non lo fa, così come ancora non lo ha fatto l’attuale amministrazione, denota la sua inutilità dal punto di vista della risoluzione dei problemi”. Cosa si potrà fare? “Rendere la struttura idonea alla pratica sportiva. Oggi l’impianto non lo è e la squadra di calcio, ad esempio, va a giocare a Sammichele pagando un canone di fitto per le volte che utilizza quel campo”.

L’iniziativa a favore dei giovani commercianti. Proposta da Topputi in diversi consigli, è l’iniziativa a sostegno dei giovani commercianti o di chi intenda avviarsi in questo percorso lavorativo. Consisterebbe nel non far pagare i tributi locali (IMU, TASI, Tassa rifiuti, pubblicità etc.) per 5 anni ai giovani disoccupati di età fino a 35 anni che intraprendono un’attività economica nel nostro territorio comunale. Se ne è poi discusso con gli altri amministratori, come le era stato promesso? “Dopo le condivisioni e le promesse ricevute dagli amministratori, non se ne è più discusso. Circa il perché, lo potrebbe chiedere a Loro” - conclude.

IMG-20151130-WA0010IMG-20151130-WA0008IMG-20151130-WA0007IMG-20151130-WA0006IMG-20151130-WA0003

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI