Domenica 22 Ottobre 2017
   
Text Size

“Il Viandante” esplora la Peucezia - II parte

20151004_164001

L’esplorazione dell’antica Peucetia da parte dell’associazione “Il Viandante” continua. Questo tour, iniziato il 20 settembre dal Castello Normanno-Svevo di Gioia del Colle, ha come seconda tappa la città di Valenzano.
I motivi che hanno spinto i ragazzi a visitare, domenica 4 ottobre, le bellezze di questo paese sono principalmente tre, e si legano profondamente con la nostra Turi per tantissimi aspetti.
Valenzano possiede un chiostro dei Francescani, situato a fianco alla chiesa di Santa Maria di San Luca. Anche noi a Turi abbiamo un chiostro dei Francescani di fianco alla chiesa di San Giovanni, ma il legame forte che il chiostro Valenzanese ha con Turi è dovuto al mastro pittore del ‘700 che ha lo affrescato, il turese Giuseppe Conversi.
Nella periferia di Valenzano si erge l’Abbazia di Ognissanti, imponente chiesa costruita attorno all’anno 1100. Questo monastero è praticamente una versione più grande della chiesetta di San Rocco che abbiamo a Turi. Le due chiese sono state costruite nello stesso periodo, hanno lo stesso motivo a denti di sega, la stessa copertura a chiancarelle e le cupole (che a Turi sono due e a Valenzano sono tre) hanno uguale conformazione, ovvero cupole all’interno e piramidi all’esterno.
Nella chiesa di Maria SS. Ausiliatrice a Turi abbiamo un antichissimo crocifisso, detto “Il Calvario”, che nel 1964 don Francesco Sicoli di Valenzano donò a don Giovanni Cipriani.
Oltre al chiostro e all’abbazia, “Il Viandante” ha avuto modo di visitare anche il bel centro storico di Valenzano, che circonda (come nel caso del Palazzo Marchesale a Turi) il Castello Baronale Valentiniano.
Il territorio Peuceta racchiude ancora altre cittadine nelle vicinanze, che sicuramente l’ass. “Il Viandante” non perderà occasione di visitare e catalogare.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI