Sabato 16 Dicembre 2017
   
Text Size

Consorziamoci?

IMG_20150929_183211

IMG_20150929_183206

Consorziarsi. Opportunità o svantaggio? Se ne è discusso in un incontro con gli agricoltori turesi nel pomeriggio di martedì 29 settembre, presso il bar Nottingham. Ad esporre le qualità e le possibilità che l'unione in consorzio porterebbe alla comunità turese, l'Avv. Leonardo Angelastri, dello Studio Loconte & Partners.
Esperti in consulenza alle imprese, hanno speso le loro competenze per esporre ai produttori cerasicoli locali quali sarebbero i vantaggi per ognuno di "presentarsi al mercato con lo stesso cappello".
"L'unione fa la forza" – hanno più volte ripreso, passando in rassegna le varie fasi di analisi che l'azione consortile necessita prima di arrivare al mercato e farsi conoscere a livelli mondiali. "Purtroppo, l'attività commerciale che ruota oggi attorno alla vendita delle ciliegie, comporta quattro passaggi e mediazioni che abbattono i guadagni di ciascun produttore", guadagni che si scontrano con i numeri che raccontano della provincia di Bari come produttrice di circa il 35% di prodotto dell'intera Italia.
Necessario, in questo senso, lavorare in anticipo e essere pronti per la prossima campagna cerasicola turese. "Cosa ci perdete a formare un consorzio?" - hanno tuonato l'Avvocato Angelastri e Matarrese.
"Consorziarsi porterebbe ad uniformare la produzione, come richiesto dallo standard a livello europeo; formare un marchio, un cappello, col quale presentarsi sul mercato mondiale; aumentare così le speranze per il vostro futuro" – hanno illustrato gli avvocati. Hanno portato così ad esempio il marchio Melinda, un consorzio che oggi unisce circa 4000 IMG_20150929_183117famiglie e che esporta in tutto il mondo.
"Ma non serve fare un consorzio – ha presto preso la parola Biagio Elefante – a noi servirebbe anche unirci in associazione". "Non ci serve la burocrazia – quindi continua – piuttosto bisogna capire come si fa a vendere, ci serve un espero commerciale" – prosegue, sostenuto da un "bravo" in sottofondo espresso da altri produttori cerasicoli. "Siete gli ennesimi propositori di un consorzio, ma  avete mai venduto una pedana di ciliegie?" - ha quindi concluso, lasciando agli avvocati un'unica risposta: "Non abbiamo mai venduto ciliegie, ma è necessario che voi guardiate in prospettiva!".
È proprio sulla prospettiva che prende la parola un altro produttore turese, Giovanni Miccolis: "Concordo con voi che l'unione fa la forza, ma avete già pensato ad una progettualità?". Un clima di sfiducia purtroppo aleggia nell'aria e sui visi dei produttori, dai più maturi ai più giovani. Una sfiducia maturata da un passato non certo roseo per l'economia locale che preannuncia un futuro ancor più amaro. Quindi un'unica richiesta dagli agricoltori: abbattere la burocratizzazione e favorire il rilancio della produzione, per non cadere negli esempi che il passato e il presente turese ci insegnano e che sono il futuro, pessimo, delle nuove generazioni.

Commenti  

 
B.Elefante
#1 B.Elefante 2015-10-10 06:49
AVVISO AI PRODUTTORI DI CILIEGIE
Per motivi organizzativi la riunione che si disse da tenersi il14, si terrà in data successiva che sarà comunicata, insieme al luogo.
1)Sarà primo pubblicato un completo e molto sintetico quadro illustrativo delle diverse caratteristiche principali dei vari tipi di società che i produttori possono formare, con relative incombenze burocratiche, oneri, vincoli per i membri, e responsabilità di ognuna. In modo che ognuno possa documentarsi riflettere e compiutamente valutare, in un periodo in cui si susseguono gli inviti a fornire consorzi "chiavi in mano", quale forma associativa a supporto di eventuali iniziative di commercializzazione diretta collettiva.
2)Inoltre sarà fornito un dettagliato resoconto di una riunione tecnica ristretta, presente anche il delegato all'agricoltura Antonello Palmisano, che si tenne il giorno prima di quella al bar nottingam, per individuare punti di sintesi in merito ad alcune questioni , risolvibili a breve e localmente(comune-regione), quali legalizzazione minimale delle attuali operazioni di compravendita(prezzo all'arrivo in coda); loro trasparentizzazione tramite informativa autogestita in tempo reale sui prezzi;ridestinazione del fondo per le calamità oggi dirottato a beneficio delle assicurazioni-truffa;estensione della decontribuzione anche per i lavoratori a tempo determinato; cessione in gestione ai diretti fruitori dei pozzi regionali. In modo che ognuno possa avere una base di discussione utile a fornire il proprio contributo decisionale su posizioni, idee e iniziative che, su tutto ciò che ci riguarda, è ora vengano prese collettivamente affinchè possano incidere su chi governa.
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI