Venerdì 15 Dicembre 2017
   
Text Size

90 anni di Università di Bari. Turi c'è!

Il prof. Resta ricorda suo zio

Turi, appena 13mila abitanti, piccolo comune, tuttavia può vantare diversi illustri concittadini del presente e del passato. Ce ne sono diversi e in svariati campi: dal professionismo all'imprenditoria, dalla politica all'arte e alla cultura. Lunedì 28 settembre a Bari, in occasione delle celebrazioni dei 90 anni dell'Università di Bari, "I suoi rettori, la sua storia", combinazione e storia hanno voluto che Turi fosse rappresentata in questo amarcord da un illustre del passato - il prof. Raffaele Resta (ex rettore dell'Ateneo) - e da un illustre del presente - il direttore turese Michele Cellaro, che a fine dibattito, in serata ha diretto il Concerto dell'Orchestra della Città Metropolitana di Bari.
Il programma ha avuto inizio alle ore 9:30 nell'Aula Magna Il prof. Raffaele Resta'Aldo Cossu' del Palazzo Ateneo. Il giornalista Rai Giancarlo Fiume ha moderato numerosi interventi di ex rettori dell'Università di Bari e testimoni viventi di rettori del lontano passato. Tra questi, è stato invitato anche il prof. Onofrio Resta, nipote di Raffaele Resta, rettore a Bari dal 1947 al 1951. Giurista e politico democristiano, è stato parlamentare della prima legislatura repubblicana, quella che si insediò nel 1948, dopo le prime elezioni politiche del dopoguerra.
Nato a Turi nel 1905, morì nel 1973; nel mezzo una carriera brillante, densa di attività ma mai frenetica o posseduta, sempre al passo con i principi morali e la fede religiosa, ma soprattutto i tempi, lo studio, la disciplina e tutti i rigori che il dopoguerra imponevano prima ancora che agli italiani, soprattutto a chi doveva rappresentare le Istituzioni. Altri tempi.
La sua memoria resta impressa anche nell'etere. Da Wikipedia: "Professore universitario, avvocato, uomo politico, il prof. Raffaele Resta nasceva a Turi (Bari) il 21 settembre 1905 da Giuseppe Resta, medico condotto, e da Geltrude Pignataro, insegnante elementare del piccolo centro rurale. Il padre, prestando l’assistenza sanitaria presso il locale Penitenziario nel quale all’epoca erano fatti confluire i “politici”, fu il medico di Gramsci e di Pertini, entrambi ivi detenuti: nel suo libro di memorie, Pertini gli dedica un ricordo affettuoso".
Con un velo di nostalgia lo ricorda il prof. Onofrio Resta quando viene invitato dai rettori a portare la sua testimonianza. In assemblea si fa attento il senatore Gaetano Quagliariello, coordinatore nazionale di Ncd, invitato a raccontarci di suo padre Ernesto, rettore dal 1970 al 1977.
"Mio zio fu presente in Parlamento per tre legislatore successive, dal 1948 al 1963, ma la politica non è stata la ragione di vita" - ha precisato l'ex sindaco Resta, forse pensando con una punta di amarezza ai carrieristi della politica nostrana.
In prima fila Onofrio Resta (nipote di Raffaele) e senatore Gaetano Quagliariello figlio di un ex rettore Bari"Per suo volere - ricorda Resta - quando è morto, non volle politici, né chiese la commemorazione di politici".
Del rettore turese resta a memoria una targa per le vie della sua amata Turi, ma soprattutto l'opera e la dedizione.
"È stato il rettore della rinascita - riconosce il nipote - Uomo intelligentissimo tanto da guadagnarsi più volte l'incarico di sottosegretario al governo, oltre che un grande suffragio. Era un uomo libero e liberale, tanto da aver avuto qualche problema con Aldo Moro... Mio zio e Moro erano due ferventi cattolici, tuttavia si stimavano ma non si capivano. Pur proseguendo strade lontane da Moro, il prof. Resta non mai generato scontri o divisioni. Forse perché tutto quello che faceva e gli impegni che prendeva dovevano essere guidati dalla luce fulgida di Maria Santissima. Il suo pensiero era ben oltre. Non caso considerava Gesù Cristo il primo vero rivoluzionario della storia".

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI