Venerdì 15 Dicembre 2017
   
Text Size

É di Turi la Migliore Ciliegia d'Italia

11224018_1005504122817746_7723856682774586235_n

È made in Turi la migliore ciliegia d'Italia. A premiarla, nella serata conclusiva della "X Festa Nazionale Città delle Ciliegie" - 18° Premio nazionale Lochi, lo scorso martedì 2 giugno, a Conversano, una giuria di esperti. A confermare l'ormai indiscusso primato turese, il premio consegnato all'azienda Dell'Aera Vito di Turi, premiato dal neo eletto governatore della Puglia, Michele Emiliano.
11270592_10206105445829383_3013596551696510999_oOrgoglioso Stefano Dell'Aera, che ha ritirato il premio, confermando così il primato della nostra ciliegia, sua maestà la Ferrovia, e invitando i presenti alla prossima Sagra della ciliegia "Ferrovia" di Turi.
"Grazie per l'ospitalità al Sindaco Giuseppe Lovascio e al Direttore dell'Assocazione Città delle Ciliegie dott. Carlo Conticchio" – ha quindi aggiunto Stefano, che già proietta l'attenzione di tutti verso quella che si prospetta essere una due giorni turese ricca di gusto e di novità.
L’Associazione Nazionale Città delle Ciliegie, che raggruppa 68 comuni a vocazione cerasicola di 12 regioni diverse, ha così rinnovato il suo inchino alla "signora Ferrovia" eletta vincitrice per la sua estetica inconfondibile.
La Puglia è la prima regione italiana produttrice di ciliegie con una media di 520 mila quintali l’anno, un’area complessiva di 17 mila ettari che rappresenta il 39% del totale nazionale e una presenza di 8.500 aziende. In Puglia, poi, la produzione cerasicola si concentra nel sud-est barese con un giro d’affari solo nell’export di 20 milioni di euro e in questo comprensorio Turi si rinnova patria della ciliegia migliore d'Italia.
"Un riconoscimento importante che va condiviso con tutti i produttori turesi e che rilancia il nostro prodotto d'eccellenza oltre l'ostacolo posto dai mercati" – ha così commentato Antonello Palmisano, consigliere con delega del nostro comune. "Continuo a credere che dobbiamo investire ogni nostra energia nella continua promozione del prodotto cerasicolo e nell'individuare soluzioni per migliorare la commercializzazione. Uno-cento premi non bastano per garantire la sopravvivenza delle nostre aziende ma sono il punto di partenza per un percorso di valorizzazione che deve concretizzarsi grazie all'aiuto e all'unione dei singoli cerasicoltori".

Commenti  

 
aziz
#10 aziz 2017-05-29 21:25
Il produttore turese? PECORA DA PASCOLO
Citazione
 
 
PuglieseXcaso
#9 PuglieseXcaso 2017-05-25 13:10
Voi Turesi, aveto l'oro sotto il c*lo(ciliegia ferrovia) e non lo sapete sfruttare. altri producono schifezze che neanche si avvicinano alla qualità dei nostri prodotti eppure con la pubblicità le fanno passare per migliori. SVEGLIA
Citazione
 
 
TuresePerCaso
#8 TuresePerCaso 2015-06-12 17:54
lui ha vinto il GAMBEROd'ORO.... il padre a spaccarsi la schiena e vendere "tanta bontà" ad UN EURO al kg.... ma questi politici che vengono a FARE PASSERELLA... conoscono il problema?? Dovremmo cacciarli a calci nel sedere altro che onorarli di tanta accoglienza.!
Se non si inizia a protestare in modo SENSIBILE, questi burattini, saranno sempre burattinai.!!
Citazione
 
 
TuresePerCaso
#7 TuresePerCaso 2015-06-11 18:04
Tutto a favore degli esportatori (FORESTIERI..per giunta) che possono permettersi di scrivere..... FERROVIA di TURI su tutto
il prodotto commercializzato.
Turesi C..ni ignoranti e zappaterra!!!
ma la cosa più' grave è che i FIGLI dei suddetti apostrofati, hanno meno iniziativa dei genitori, nonostante abbiano frequentato scuole alte. si arrendono al primo ostacolo senza lottare, qualcuno ha ritirato UN PREMIO.. e si sente vincitore!!! Ma di che??? di aria fritta..!!!!!
Citazione
 
 
Mino Miale
#6 Mino Miale 2015-06-11 12:36
Ho molti amici a Bisceglie, ho finora conosciuto pochi sindaci però di Rifondazione Comunista, Franco Napetano, poi eletto in Parlamento e l' ultimo, Franco Spina attualmente anche Pres. BAT, che pur avendo appoggiato prima Monti, ha fortemente sostenuto Michele Emiliano. I miei amici preferiscono le nostre alle loro ciliege. Noi saremo indubbiamente i migliori Produttori ma loro hanno saputo impegnarsi come gente per bene per una Bisceglie migliore... negli anni. Ed è giusto che proprio in seguito all'attuale lezione impariamo, caro "ospite" a non pensare più agli altri, loro sanno il fatto loro e possono vantare una classe politica capace di ben guidare una città enorme. Quattro volte più popolosa di Turi, per metà agricola e l'altra metà marinara, hanno quindi ben due Mercati all'ingrosso,di frutta e di pesce. Sto notando una bella attivazione dei Giovani imprenditori agricoli: moderni e frizzanti come l'eccezionalmente bravo Antonello Palmisano che deve purtroppo FARE ciò che altri Assessori non hanno GESTIRE. Lui che è un Consigliere delegato non un Assessore, saprà farsi valere, segue la sua coscienza ;-)
Citazione
 
 
ospite
#5 ospite 2015-06-10 20:49
Sudafrica: raccolti eccezionali di ciliegie grazie a nuove varieta'
sudafrica.jpgIl produttore sudafricano Dutoit Group sta "raccogliendo i frutti" derivanti dallo sviluppo di nuove cultivar di ciliegie, con un aumento della produzione per questa stagione.

Attualmente l’azienda sta raccogliendo le ciliegie di varietà "Zaiger" in una proprietà vicino Ceres, nella regione di Capo Ovest, dove inverni freddi ed estati abbastanza miti creano condizioni ambientali ideali per questa varietà.

Dutoit ha ottenuto l’esclusiva per la produzione e i diritti di commercializzazione sulla varietà dall’azienda statunitense Zaiger’s Inc. Genetics.

L’amministratore delegato Pieter du Toit sostiene che le nuove varietà permetteranno all’azienda di aumentare notevolmente la produzione. "Abbiamo già cominciato a cercare produttori di frutta in tutta la nazione per instaurare delle collaborazioni finalizzate allo sviluppo di queste cultivar, in modo da poter estendere la stagione di commercializzazione".

Il professor Daan Strydom, specialista di frutta alla Stellenbosch University, è convinto che le nuove varietà cambieranno l’industria sudafricana delle ciliegie. "Le nuove varietà possono essere piantate in zone più miti e questo ha spalancato le porte ad un considerevole aumento della produzione per Dutoit Group", riferisce Strydom.

Dutoit si è sempre concentrato sulla coltivazione di mele e pere, ma attualmente sta diversificando il suo assortimento con albicocche, nettarine e pesche.
Fonte: www.freshfruitportal.com
Citazione
 
 
ospite
#4 ospite 2015-06-10 20:47
Una pioggia di ben 21 milioni di euro, finanziati dalla Comunità europea, per il rilancio e lo sviluppo della filiera cerasicola a Bisceglie (provincia di Barletta-Andria-Trani).

A portare a casa un risultato storico per l'agricoltura biscegliese e per l'intero comparto ortofrutticolo è stato il "Consorzio di tutela e di valorizzazione della ciliegia e della frutta tipica di Bisceglie" che, col sostegno dell'amministrazione comunale e quale soggetto capofila, si è reso promotore di un progetto integrato di filiera (PIF) che si è classificato al 1° posto della graduatoria regionale su ben 19 progetti concorrenti nell'ambito del Piano di Sviluppo Rurale 2007/2013. L'esito della selezione, con la graduatoria definitiva, è stato pubblicato Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 141 del 2 settembre 2010.
• Il P.I.F. del suddetto Consorzio presieduto da Gianni Porcelli, ammesso a finanziamento per oltre 21 milioni di euro, riguarderà i seguenti interventi: investimenti nelle aziende agricole e nelle strutture di trasformazione, lavorazione e commercializzazione dei prodotti ortofrutticoli;
• formazione degli addetti al settore agricolo;
• consulenza alle aziende agricole; ricerca ed applicazione della ricerca;
• promozione dei prodotti agricoli.
Citazione
 
 
c.s.
#3 c.s. 2015-06-09 22:17
La miglior ciliegia d italia pagata a 1 euro al kilo ai produttori.
Citazione
 
 
SiC
#2 SiC 2015-06-09 21:13
Fate ridere, io che di mestiere faccio tutt'altro che l'agricoltore mi affanno per sponsorizzare la mia ciliegia in quel di Milano. L'altro giorno un collega mi ha detto" io conosco solo la ciliegia di Vignola". Dopo aver spiegato ciò che Turi produce la sua risposta è stata "Fate cagare nel marketing..Io incasso e sto zitto. In un mercato internazionale come quello di oggi l'agricoltore (turese) non può permettersi di aspettare maggio, tanto pensa che qualcuno busserà alla porta per comprarle..Bene non cullatevi, che tutto può finire un giorno se non si investe in promozione del prodotto a 360°. Un agricoltore non può limitarsi alle semplici operazioni di coltivazione.E' assurrdo vedere come un prodotto così venga violentato dall'ignoranza paesana..come dire produrre Ferrari, ma nessuno le conosce. Per finire a Milano ricoprono i tram con le pubblicità della ciliegia di Vignola.
Citazione
 
 
Franco
#1 Franco 2015-06-09 17:40
Auguriiiii! Avevate dubbi?!
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI