Venerdì 15 Dicembre 2017
   
Text Size

I detentori d'armi devono presentare un certificato

Detenzione-armi-certificato-medico-obbligatorio-1

Dal 5 novembre al 4 maggio di quest'anno i detentori di armi (cioè che le posseggono senza poterle usare o perché hanno il nullaosta o le hanno ereditate o ancora perché hanno il porto d'armi scaduto) devono consegnare entro il 4 maggio un certificato medico della Asl che attesti l'idoneità psicofisica alla detenzione dell'arma. Dopo il 4 maggio cominceranno i controlli e per chi non ha provveduto il decreto prevede il ritiro delle armi. Il certificato deve essere portato presso il commissariato di Polizia del proprio comune o, in assenza di quest'ultimo, presso il comando dei Carabinieri. Lo stabilisce l'articolo 6 comma 2 lettera A con le modifiche del Decreto Legislativo n. 121 del 29 settembre 2013, entrato in vigore il 5 novembre 2013, che ha introdotto diverse novità in tema di controlli per l'acquisizione, la detenzione e l'importazione di armi bianche, da fuoco o ad aria compressa e gas CO2. Dunque occorre provvedere al più presto. Le armi ad aria compressa o a gas CO2 depotenziate (non superiori a 7,5 Joules di potenza) o le repliche di armi ad avancarica a un colpo solo sono considerate di libera vendita, pertanto per questa tipologia di armi non occorre la presentazione del certificato.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI