Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

"Sensi"...

Logo Sensi

Il progetto “SENSI”, nasce dalla necessità di riqualificare un bene storico-paesaggistico, risalente al 1837, del comune di Turi (BA), l’ex cimitero dei colerosi, restituendogli la sua vera dimensione nel territorio, trasformandolo in un giardino visitabile, un contenitore culturale, ed in un laboratorio didattico ambientale permanente, accessibile a tutti, anche ai disabili visivi.
Gli ipo-e non-vedenti potranno visitare in piena autonomia il luogo grazie anche all’installazione di mappe tattili e di codici QR per la descrizione audio-associata, attraverso l’uso di smart phone. In questo modo, “SENSI” entrerà nella rete nazionale ed internazionale del turismo accessibile per gli ipo- e i non- vedenti, attivando nuove reti territoriali.
Il giardino, dedicato ai cinque sensi, sarà arricchito da essenze non esigenti da un punto di vista idrico nel pieno rispetto delle tecniche di aridocoltura, richiamando così anche turisti di “nicchia”, interessati alla visita di giardini di interesse storico.“SENSI”, contemporaneamente, intende attivare presso il carcere di Turi un piccolo vivaio, gestito dai detenuti, di supporto al giardino e per la vendita on-line di piccole piante. I detenuti saranno coinvolti anche nella costruzione di gadget “made in carcere” di “SENSI”.
Tuttavia, “SENSI”, sarà soprattutto un laboratorio didattico ambientale permanente, che tramite il principio “hands on”, ossia mani in pasta, vuole avviare percorsi di ecoalfabetizzazione per tutti all’interno del giardino, al fine di porre l’attenzione ai temi ambientali, quali rifiuti, acqua ed energia. Famiglie, scuole, disabili, associazioni del territorio potranno sperimentare dal vivo nel giardino, stabilendo così un sano legame con il verde comune.
Inoltre, grazie alla sua struttura, il giardino si presta per diventare il contenitore culturale estivo della città, ospitando eclettici concerti, mostre e rassegne, in collaborazione con le istituzioni. “SENSI” individuerà anche eventi culturali da proporre ogni anno, un appuntamento fisso che contribuirà allo sviluppo ed alla promozione del territorio, come la mostra mercato annuale di piante da giardino arido nei pressi del ex-cimitero, richiamando espositori e pubblico durante la bella stagione.“SENSI”, per promuovere le sue iniziative, confiderà su una efficace strategia comunicativa, attentamente studiata.
Per esempio, saranno attivati dei pacchetti turistici ad hoc che includono la visita a "SENSI" e la visita alle principali attrazioni di Turi (ciliegi fioriti/la raccolta delle ciliegie/la sagra delle ciliegie ferrovia/festa patronale di S. Oronzo, etc) abbinando un pasto presso i ristoranti locali, oppure, il pernottamento presso b&b e hotel della zona.
Tutte le iniziative prevedono la presenza di guide, formate ed individuate tra giovani disoccupati del territorio. Infine, in tutte le fasi del progetto è previsto l’impiego di giovani e meno giovani disoccupati del territorio, anche attraverso l’impiego di voucher lavoro.
Il logo di SENSI è una farfalla Aglaisio. Gli angoli delle sue ali sono ornati da quattro vistose macchie variopinte a forma di occhio. La farfalla è il simbolo della libertà, della trasformazione, della bellezza. Evoca leggerezza, leggiadria, natura incontaminata.
Con il suo volo silenzioso, non disturba, anzi invita all’osservazione.
“SENSI” è un progetto presentato in partnership con il comune di Turi (BA) per il bene della comunità. Il progetto nasce da un'idea di Lina Moschidou, membro dell'associazione "Girasole".

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI