Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

Rifiuti: Turi raggiunge la soglia del 6%

immondizia Torino

È giunta al Comune di Turi il 27 gennaio la comunicazione ufficiale dalla Regione Puglia avete come oggetto i dati sulla raccolta dei rifiuti solidi urbani. Dalla lettura, si evince che il nostro Comune ha superato la soglia del 6% che si doveva raggiungere entro novembre scorso per non dover essere soggetti all’aumento dell’Ecotassa per il 2014, un tributo che dobbiamo ancora pagare per il conferimento in discarica.

Per il consigliere Antonello Palmisano si tratta di un ottimo risultato, considerando il fatto che a Turi  non vi è ancora la differenziata porta a porta, prevista solo per le utenze non domestiche, e che culturalmente non è stata fatta ancora alcuna formazione a riguardo.  “Questo risultato è merito dei cittadini e degli uffici che sono stati dietro a tutte le opportunità, perché si è trattato di una reazione tempestiva alla Regione. Non è un grandissimo obiettivo, però è un importantissimo primo passo. Sento crescere l’esigenza, da parte dei cittadini, di fare la raccolta differenziata. Dalla coscienza ne sta nascendo un’esigenza. Tutti iniziamo a capire che abbiamo bisogno di farlo”.

Sempre sul tema dei rifiuti, Palmisano torna a toccare il tema dell’Aro, rispondendo alle affermazioni che Paolo Tundo aveva rilasciato al nostro giornale, in cui si domandava a che cosa servisse a Turi l’Aro, dato che la differenziata funziona benissimo con la Ditta Catucci e contestando anche l’aumento della tassa sui rifiuti. “Sull’Aro – risponde il Consigliere –  noi non potevamo decidere, abbiamo aderito perché così stabilisce una legge regionale. Non potevamo sottrarci. Inoltre, era un’ottima occasione per cominciare un percorso che non si era mai intrapreso, quindi non vedo perché ci saremmo dovuti opporre. Questo a cui Turi sta partecipando, è uno dei migliori bandi a livello europeo. È vero, ci saranno degli incrementi, ma questi sarebbero stati previsti da qualsiasi tipologia di contratto o di bando, per il semplice fatto che passando dalla raccolta indifferenziata con il classico cassonetto alla raccolta differenziata porta a porta, c’è un incremento sia di strumentazioni sia di personale che sicuramente deve avere uno specchio sull’economia di tutto il processo. In questo modo si ha il passaggio da una spesa passiva, poiché prima i soldi che pagavamo li seppellivamo letteralmente, a una spesa attiva, in cui i nostri soldi vengono reinvestiti e rimangono nella nostra economia. Le risorse sono in continuo ciclo, non si seppellisce più niente, tutto viene continuamente riciclato. Alla lunga, se questo processo diventerà davvero virtuoso, porterà ad un abbattimento dei costi”. 

Commenti  

 
fattore k
#5 fattore k 2015-02-11 18:08
il porta a porta? ahhhh sento già l'odor della manna che arriva dal cielo.. che prezioso dono..a quale prezzo?? Avete idea dei costi? che ricadranno direttamente sulle vostre tasche!!
Io personalmente continuo a vedere che non si incentiva in nessun modo la raccolta differenziata.In nessun modo! i cassonetti sono sempre lo stesso numero sono anche vecchi e disagevoli nel conferimento. Vedo quotidianamente cartoni da imballo interi accatastati vicino al cassonetto dell'indifferenziata a poca distanza dal cassonetto della carta/cartone. Illustri... secondo voi che significa??
Citazione
 
 
B. Elefante
#4 B. Elefante 2015-02-10 23:21
king..........(????)
la media di 1 kg e mezzo a turi c'è ininterrottamente da una decina d'anni da quando i cassonetti c'erano in ogni paese limitrofo. Solo da un paio di anni c'è il porta a porta a Rutigliano e Putignano.
I forestieri volanti non centrano niente, sono i nostri rifiuti che volano.
Citazione
 
 
king
#3 king 2015-02-10 08:26
...immediatamente il porta a porta
i cittadini degli altri paesi limitrofi, continuano a riempire i nostri cassonetti senza nessuno che controlli
Citazione
 
 
B. Elefante
#2 B. Elefante 2015-02-09 22:36
Regione 1 chilo a persona, Turi 1 chilo e mezzo a persona. Dati dal sito regione Puglia quelli dichiarati( e pagati) dal comune.
Citazione
 
 
B. Elefante
#1 B. Elefante 2015-02-09 20:38
Ma quale 6%?
Bisognava superare di almeno il 5% la precedente percentuale per non essere assoggettati alla tassa ad aliquota 25%!
Non che siamo al 6%!
Siamo al 20 circa.
E al 20 eravamo prima e da anni.....!
Poi... i numeri li scrivono quelli che pesano, che è cosa da sempre privata, in cui il comune non ci mette il naso, salvo per pagare a peso. Cioè far pagare i fessi.
Certo è che Turi è il paese col più elevato quantitativo di rifiuti al giorno per abitante della Puglia rispetto a una media regionale di un kg. circa!
E dal palazzo continuiamo ad ascoltare poveracci che sanno solo ripetere quello che gli dicono senza nemmeno conoscere di cosa parlano. Quello è il maestro quelli sono gli allievi. E quelli sono gli oppositori capaci solo di far ridere.
Arriverà anche a Turi una domus aurea per chi è stato l'artefice della cementificazione e della rapina dei rifiuti. E continua...
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI