Lunedì 12 Novembre 2018
   
Text Size

Il 'Cuore della Puglia' batte a Rutigliano

L'intervento del sindaco Coppi

Cominciare a fare squadra, identificando una strategia comune alla volta di Milano e di possibili future collaborazioni, perché l'eccellenza pugliese non smetta mai di essere viva e di farsi conoscere. "Cuore della Puglia" prende finalmente forma, e lo fa cominciando a 'battere' proprio a Rutigliano, con il primo incontro pubblico organizzato dall'Assessorato all'Agricoltura e all'Ambiente e dal vicesindaco Pinuccio Valenzano sabato 24 gennaio alle ore 19 presso la Sala Mons. Di Donna, in concomitanza con l'ultimo weekend dedicato all'arte figula.

Ad intervenire, i sindaci Davide Carlucci e Vito Novielli, rispettivamente di Acquaviva delle Fonti e di Sannicandro - paesi capofila del documento - accanto alle rappresentanze di numerosi altri comuni aderenti al progetto e presenti all'incontro, tra cui Turi, Triggiano, Cassano e Castellaneta. Un'iniziativa che ha raccolto fin da subito l'adesione di ben 24 comuni firmatari e che ha aggiunto all'elenco ben altri 10, tutti concordi nel sostenere la necessità di fare fronte comune per presentare all'Expo 2015 le eccellenze pugliesi, da quelle produttive a quelle umane.

Il sindaco Romagno consegna il fischietto al sindaco Coppi

Un'occasione imperdibile per un territorio che si distingue non solo per arte, cultura, tradizioni e meraviglie paesaggistiche, ma che è in grado di offrire percorsi enogastronomici che, nel pieno rispetto del tema dell'esposizione mondiale milanese, coinvolgeranno in maniera diretta le migliaia di visitatori. "Si sta costituendo una grande alleanza, fatta da singole realtà che insieme possono dare molto", ha affermato Carlucci. "Non abbiamo alcun interesse a renderci visibili singolarmente, ma vogliamo unirci per cogliere l'opportunità di presentare e provare a commercializzare i nostri prodotti. Per questo motivo stiamo dialogando con la comunità dei pugliesi a Milano, la più grande non autoctona presente nella metropoli, stabilendo un contatto con l'Associazione Regionale dei Pugliesi a Milano."

Uno spazio espositivo internazionale, quello dell'Expo 2015, una vetrina sul mondo globale ma anche sui diversi mondi, ciascuno con la sua unicità alimentare. Anche alla Puglia, al pari degli altri territori, sarà riservata la possibilità di espatriare con il paniere dei prodotti tipici, dal grano all'uva, dai ceci neri alla cipolla rossa, dalle ciliegie all'olio, favorendo la promozione e la valorizzazione di quelle proprietà organolettiche che rendono le produzioni pugliesi un marchio e una certezza di qualità riconoscibili in tutto il mondo. Cultura del buon cibo, ma anche del gusto, della bellezza e della tradizione si troveranno nelle vetrine milanesi: quella degli antichi mestieri, accanto a quella innovativa dei talenti pugliesi.

Ma è la condivisione del progetto a costituire il punto di forza di "Cuore della Puglia": nelle intenzioni dei comuni, non solo Milano 2015 ma anche la pianificazione di un percorso fatto di strategie in grado di "favorire la nascita di una rete d'impresa", come ha evidenziato Novielli. "Vogliamo raccontare la Puglia al mondo, internazionalizzare i nostri prodotti non più da soli, ma mettendo insieme le forze e le risorse, coinvolgendo tutti i pugliesi in questo cammino fatto di amore per la propria terra e di volontà di rilanciarla in tutto il mondo." Un cuore che non smetterà di battere dopo l'Expo, dunque, ma che continuerà a discutere e a programmare iniziative e progetti lungimiranti, forti degli stimoli e delle sfide che il mercato globale e gli strumenti del marketing territoriale richiedono nell'ambito di stili di vita e alimentari  in continua evoluzione. Grandissimo entusiasmo per l'iniziativa ha espresso anche il sindaco di Turi, Menino Coppi, che ha sottolineato non solo l'impegno da parte di tutti i comuni aderenti a rispondere all'opportunità dell'Expo con mezzi e strumenti uguali per tutti, ma anche il fortissimo stimolo a ritrovare ed affermare i caratteri identitari del nostro territorio. Ad accompagnare il progetto di "Cuore della Puglia" anche altri organi, tra cui l'ANCI e lo IAM di Bari: proprio quest'ultimo ha risposto all'invito a partecipare all'incontro, tramite uno dei suoi rappresentanti. Partita iniziata, dunque, per i comuni del progetto con il fischio portafortuna dei fischietti in terracotta di Rutigliano, donati a ciascuno dei partecipanti. Un riconoscimento particolare è stato consegnato al sindaco Carlucci da Vincenzo Delliturri, che per lui ha realizzato un fisoro tutto dedicato all'Expo 2015 e a 'Cuore della Puglia', come buon auspicio dell'iniziativa.  Un cuore fatto di tante realtà, quello pugliese, che arriverà presto a Milano per far innamorare di sé il mondo. 

Commenti  

 
marchitelli /canada
#1 marchitelli /canada 2015-02-02 20:35
Tutta la approvazione per questa inizitiva. Il proverbio dice l'unione fa la forza. Unirsi sono sicuro che ci sara' uno sfondo (per modo di dere)nel mondo per lanciare finalmente l'eccellenza che vantiamo in Turi.
Ho molta fiducia con il presente Sindaco Coppi, il quale e'una persona qualificata con grandissima esperieza di come il mondo e cambiato.
Buon lavoro!
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI