Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

“Ciao Don”

DSC04040

Nonostante il calore della serata, la luce della Chiesa, l’affetto dei presenti, è stata una domenica di grandi commozioni, quella che lo scorso 9 novembre la Parrocchia Maria SS. Ausiliatrice ha vissuto.

L’ultima celebrazione di Don Maurizio Caldararo ha chiamato tantissimi fedeli, turesi e amici, a condividere con il Parroco, questo importante momento.

Sempre con la sua grande forza, con grande carisma e parole dolci e ferme, Don Maurizio ha parlato alla sua comunità, di cui è stato guida per dieci anni e che non ha potuto mancare a quella che è stata la serata degli arrivederci. Non era un addio, ma un saluto a chi, con grande forza e capacità, ha accompagnato la parrocchia per tutti questi anni, attirando tantissimi ragazzi e facendo loro vivere il vero spirito della Chiesa, della famiglia, della comunità cristiana.

“La Chiesa è chiesa se tu, coro, sai cantare le lodi del Signore; la Chiesa è chiesa se tu, scout, ti adoperi per chiamare a te ragazzi e per insegnare loro il piacere della condivisione e non per avere un locale; la Chiesa è chiesa se tu, banda, suoni per il Signore e non per la tradizione; la Chiesa è chiesa se tu, fedele, porti il Signore nella tua casa; la Chiesa è chiesa se tu, parroco, parli e ti fai immagine del Signore” – ha evidenziato Don Maurizio nella sua travolgente omelia. “La Chiesa siamo noi” – ha così continuato, riportando le parole di San Paolo, aggiungendo l’importanza di tutti a dare valore alla “Chiesa, perché è fatta dagli uomini, vero edificio del Signore, non dalle mura”. “Fate sì che ognuno sia testimone, rappresenti, viva il Signore e non l’immagine di se stesso, perché noi, nulla siamo!” – ha sottolineato, calcando il tono sull’essere “tutti una famiglia, da sostenere con la preghiera”.

Già a metà celebrazione, la Chiesa, gremita, fissava l’altare con gli occhi lucidi e tanti i fazzoletti che poi, al termine della Santa Messa, hanno asciugato le lacrime di chi ha salutato, con il cuore, Don Maurizio Caldararo. “Ti ringraziamo per essere stato un prete di periferia, sempre nell’ultima fila e al servizio di tutti, soprattutto di chi era in difficoltà, dei più umili” – ha aggiunto la catechista e maestra Mariantonietta Spada, leggendo una lettera a nome della comunità parrocchiale. “La scuola la ringrazia, per il suo grande impegno nei confronti dei piccoli, con il doposcuola per i bambini stranieri… noi ti ringraziamo per essere stato sempre attento e vicino con i più bisognosi”. “Grazie Don, grazie amico, grazie padre” – ha proseguito Renzo Di Pinto. “In dieci anni abbiamo costruito un filo che ci legherà per sempre e noi ti ringraziamo per tutto quello che è stato creato” – e con parole toccanti si è rivolto al parroco presentando un omaggio che la Parrocchia ha voluto fargli: una Casula.

Con gli occhi lucidi, una voce rotta dall’emozione, ha così preso la parola lo stesso Don Maurizio che ha sottolineato il grande sostegno e la grande fiducia che a lui, sin dal primo giorno, sono stati dati dalla comunità parrocchiale. “Sono consapevole dei miei tanti difetti e so anche che sono stato pesante!”. “Grazie di cuore a tutti, perché senza di voi, Don Maurizio non avrebbe fatto nulla”. Un nodo alla gola, il cuore colmo di commozione ha impedito a Don Maurizio di proseguire con il suo saluto, ma all’unisono, tutti i fedeli l’hanno applaudito, asciugando le lacrime che rigavano il viso.

Così, uno dopo l’altro, si è diretto a salutare per l’ultima volta Don Maurizio, ringraziandolo per tutto quello che in questi anni ha regalato alla comunità turese.

Commenti  

 
ospite
#4 ospite 2014-11-19 19:38
E basta con sti isterismi!
Non avete mai sentito parlare di preti missionari?
Dovete sapere che ci sono sacerdoti che sono sballottati a dx e manca in Italia dove parrocchie hanno mancanze sacerdotali, es. dove il parroco ormai anziano non è nelle condizioni di fare più a tempo pieno il suo mandato. Nella maggior parte dei casi questi missionari sono veri e proprie figure da santificare perché toccano realtà ovunque vada di grande sofferenza (specie nelle famiglie che seguono) o forme di ateismo collettivo. Il nostro don Maurizio ha semplicemente trovato una situazione diciamo tralasciata dai suoi predecessori riguardo all’organizzazione oratoriale, iL quale ha saputo rilanciare con professionalità classica di mestierante. Le campane le abbiamo pagate noi, così come la statua dedicata a don Giovanni e così come alcuni lavori di ristrutturazione avvenute in sacrestia o oltre posti della chiesa. Non credo che il nostro caro don Maurizio abbia mai rifiutato il suo vitalizio per devolverlo a una causa.
Detto questo, come parroco o prete che cura il gregge (famiglie della parrocchia) credo che abbia fatto molta acqua...Chiesa eternamente chiusa, confessionale idem, il rosario ridotto a quattro anime pur essendo la chiesa dedicata a Maria Ausiliatrice(lui mai presente con una coroncina in mano), non ha mai puzzato di pecora come lui stesso in un'omelia si auto criticava citando le parole dette dal Papa, e per finire la ciliegina sulla torta....visto quello che la famiglia sta' passando disastrosamente in questi tempi ( licenziamenti, separazioni, pianti di disperazione perché' non hanno risorse finanziarie manco per mangiare, sfratti o sequestri delle loro abitazioni) ecco il nostro bravo Don acquista una macchina nuova, ma non un'utilitaria umile che si addica alla figura di un prete, bensì'....Perdonatemi ma questo è il mio pensiero a riguardo il nostro prete. Spero che chi lo sostituiranno curi meno il computer, feste e festicciole di comare e si dedichi maggiormente alla comunità tutta parrocchiale.
IL PRETE VOGLIAMO VEDERLO PER STRADA TRA LA GENTE, CON I GIOVANI, GLI ANZIANI, NELLE CASE DI AMMALATI A PORTARE CRISTO COME CONFORTO, A PORTARE PACE ALLE FAMIGLIE DOVE SI VIVE UNA SITUAZIONE DI SEPARAZIONE……E NON SOLO NEL BAR O GHETIZZATO NELLA SUA SACRESTIA.
Citazione
 
 
Disperato
#3 Disperato 2014-11-19 11:32
Nooooooooooo non te ne andare,Don!!! :sad:
Citazione
 
 
tureseafflitto
#2 tureseafflitto 2014-11-19 00:00
Abbiamo tanto sofferto dalla notizia del tuo trasferimento all'ultimo giorno trascorso insieme, ma sappi, amico e padre nostro, che persone come te non si possono dimenticare. Sappiamo che amministrerai perfettamente anche a Noci,ma qui,in questo momento, è davvero difficile guardare un oratorio senza te. Ci mancherai
Citazione
 
 
COOLABORATORE
#1 COOLABORATORE 2014-11-18 14:02
Grazie DON di tutto quello che hai fatto
per la nostra parrocchia.
Spero che la tua nuova comunità ti vorra
bene.
Per noi sei stato un punto di forza.
in qusto momento è dura per tutti
icambiamenti destabilizzano.
Daremo lo stesso apporto e la stessa energia a Don CICCIO come ci hai sempre detto.
CI MANCHI DON
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI