Avviso ai cittadini di Turi

2910182-foto_pro

Con l’entrata in vigore del Piano Urbanistico Generale (P.U.G.) in data 02/08/2013, molti terreni che prima erano agricoli in quanto ubicati molto lontano dal centro abitato, ora sono divenuti  aree edificabili con destinazioni varie (comparto per attrezzature scolastiche,comparto per attrezzature sportive,comparto parco urbano attrezzato, comparto P.I.P., ecc..) ed ognuna con vincoli e limitazioni diverse.

Dette aree, insieme a quelle ubicate nel centro abitato (destinate ad abitazioni), sono tenute per legge a pagare annualmente l’IMU ela TASIsecondo le aliquote stabilite dal Comune.

Per calcolare l’importo annuale da versare al Comune,  occorre prima di tutto calcolare il valore delle aree edificabili e poi applicare a detto valore le aliquote IMU (7,6 per mille) e TASI (2,5 per mille). Il Comune, per facilitare il calcolo del valore delle aree edificabili, con deliberazione di Giunta Comunale n. 32 del 18/09/2014, ha determinato per ognuna di esse il valore in Euro per metro quadro da moltiplicare per i metri quadri della superficie che compone l’area edificabile.

Detto valore per metro quadro risulta essere abbastanza alto, in considerazione del momento attuale di  profonda crisi economica e di recessione e, sopratutto per la mancanza di richiesta di suoli che ha portato alla stagnazione del settore edilizio se non addirittura alla sua morte.

Stabilito che le tasse vanno pagate, si intende chiedere all’Amministrazione Comunale di voler rideterminare il valore al metro quadro di dette aree edificabili, tenendo conto che già da alcuni anni non sono vendibili o permutabili per mancanza assoluta di mercato e, chissà per quanti anni perdurerà tale stato. Si chiederà, insomma, di voler rideterminare il loro valore venale in commercio in modo che gli importi delle tasse da pagare siano sostenibili e non vessatorie per i contribuenti che, altrimenti, non saprebbero come onorarne il pagamento in questo momento di grave e profonda crisi. Si consideri anche che la sostenibilità delle tasse eviterebbe spiacevoli contenziosi tra i cittadini ed il Comune e, permetterebbe a quest’ultimo di poter incassare in tempi brevi e certi gli importi delle stesse e, ai cittadini di affrontare con serenità e tranquillità il futuro. Si proporrà, infine, all’Amministrazione Comunale di agganciare il valore venale in commercio di dette aree edificabili all’andamento del mercato edilizio, incrementandolo ogni qualvolta i prezzi di  compravendita di dette aree edificabili aumenterà per l’augurabile ripresa del mercato.

Per quanto innanzi si sta costituendo un Comitato Cittadino che non ha e non avrà fini politici e che non intende perseguire alcuna azione politica in quanto questa problematica non ha niente a che fare con rivendicazioni politiche.

Tutti i cittadini interessati alla problematica dell’IMU e TASI di cui sopra, possono farne parte per suggerire soluzioni e per richiedere all’Amministrazione Comunale degli incontri per affrontare e risolvere nel modo più civile possibile la questione.

Per informazioni, per proporre suggerimenti e per aderire al Comitato cittadino, si prega contattare il seguente numero telefonico: 3205507178.

Si ringrazia tutti per la collaborazione.