Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

“Assessore Caldararo: non mi riferivo a lei!”

bagni degrado scuola turi

Gent.mo Assessore Comune di Turi - Giuseppina Caldararo

La ringrazio per il tempo che ha dedicato alla stesura dell’articolo comparso sui giornali locali, ma  le faccio presente che il suo nome non era menzionato nell’elenco degli indirizzi.

Per quanto riguarda il Comune di Turi, era interessato solo il Sindaco.

Essendo genitore di minore, ho il diritto di sapere, dove mia figlia vive per una parte della giornata e non capisco perché lei vuole tenere fuori i genitori dai plessi scolastici se non per il tempo strettamente necessario all’ingresso/uscita.

Le ricordo inoltre che:

- già nel 2012 avevo denunciato il mal funzionamento del riscaldamento (Gazzetta del Mezzogiorno 01/12/2012) con la conseguente risoluzione dello stesso nell’arco temporale di circa una settimana;

- la mia esperienza politica è terminata il 26 Maggio 2014 e la sua è iniziata nello stesso giorno ed è attualmente in carica;

- a tutt’oggi non sono stato contattato dal suo diretto Superiore, in qualità di assessore, ma solo dal Suo Dirigente Scolastico Prof. Ferdinando Brienza, persona attenta alle problematiche degli alunni in quanto pronto ad intervenire anche personalmente;

- le informazioni della mia candidatura e di carattere personale, dovrebbero essere tutelate dall’art.13 del D.Lgs.196/03 in quanto persona fisica, come anche la modulistica per l’iscrizione scolastica e documenti similari, i quali dovrebbero essere ad uso esclusivo d’ufficio e non giornalistico.

Per quanto su scritto attendo di essere contattato personalmente e non con articoli di giornali, perché come cita un vecchio proverbio “FINCHE’ IL DOTTORE STUDIA, IL MALATO MUORE”.

Cordiali saluti,

Nicola Amoruso

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI