Lunedì 12 Novembre 2018
   
Text Size

Cittadinanze onorarie: ogni sei mesi l’aggiornamento

bambini italiani

“Sarebbero stati 53 i minori con origini straniere nella condizione di ricevere la cittadinanza onoraria, ma solo una ventina hanno deciso di aderire all'iniziativa”. Sono queste le parole del vicesindaco Lavinia Orlando da noi contattata per commentare i numeri delle assegnazioni della cittadinanza onoraria ricevuta in occasione della giornata del Migrante dello scorso 23 agosto. Circa 20 minori, infatti, hanno  materialmente ricevuto la pergamena della cittadinanza, un gesto simbolico ma di grande spessore culturale, che porta a tagliare quel filo di divisione che un’idea, un pregiudizio e diversi chilometri creano. Tante però, come vediamo in giro per la nostra cittadina, sono le famiglie di origine straniera che hanno deciso di lasciare la loro terra in cerca di prospettive e speranze per se stessi e per i loro figli. È a loro che la nostra Amministrazione ha indirizzato l’attenzione, dietro l’invito che l’Associazione Umanità Solidale Glocal, della presidente Maria Pia Lenato, ha proposto nel corso di diverse occasioni. “Ad un anno dalla proposta di Umanità Solidale Glocal – si leggeva nel gruppo facebook dell’Associaizone -  sottoscritta da 20 altre associazioni turesi, riguardante la cittadinanza onoraria ai minori immigrati regolari, è stata approvata la modifica al Regolamento Comunale nel Consiglio. Un passo avanti!”. Infatti, come ha proseguito la vicesindaco: “Noi abbiamo convocato tutte le famiglie dei 53 minori turesi, perché il riconoscimento non può che avvenire previo consenso di chi esercita la potestà sul minore”. “Alcune non si sono presentate – conferma appunto Lavinia – poiché erano nei rispettivi Paesi di origine ma, dopo aver compreso la valenza dell'iniziativa, hanno tutte preentato il consenso”. Le pergamene della Cittadinanza sono comunque in Comune e “pronte per essere consegnate in qualsiasi momento ai genitori che vogliano venire”. Nuovi sono anche i nomi di chi, consapevoli dell’atto, hanno fatto richiesta di cittadinanza, ma per ora non possono essere inseriti. Comunque, rassicura la Orlando: “L'elenco dei minori di origine straniera è aggiornato semestralmente, dunque nulla vieta che tra qualche mese si possa procedere ad una nuova assegnazione di piccoli “cittadini ad honorem”, senza attendere il prossimo 23 Agosto.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI