Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

Il mistero dell'invito non recapitato

Logo-Associazione-Citta-delle-Ciliegie

Ai nostri lettori più affezionati non sarà sfuggita la notizia di qualche settimana fa riguardante il mistero della mancata partecipazione di Turi al 17° Concorso Nazionale “Ciliegie d'Italia”, tenutosi il 22 giugno di quest'anno, una manifestazione organizzata annualmente dall'Associazione “Città delle Ciliegie”, di cui la nostra cittadina è socia fondatrice. Un evento che ha suscitato qualche lamentela tra i produttori della nostra ciliegia “Ferrovia”, soprattutto perché concorsi del genere costituiscono una vetrina di fondamentale importanza per il nostro prodotto, che ha la possibilità di farsi conoscere in tutta la sua bontà anche fuori dai confini pugliesi. Ricordiamo, tra l'altro, che proprio l'anno scorso, Turi aveva ospitato l'intera manifestazione, fregiando la sua ciliegia del titolo di “migliore d'Italia 2013”.

Il consigliere Antonello Palmisano, delegato all'agricoltura, al momento dei fatti, si era appena insediato in Comune, ritrovandosi senza invito e senza spiegazioni da dare ai cittadini. Un particolare non convinceva: in data 9 giugno, la nuova Amministrazione e il sindaco Coppi ricevevano un'email di “felicitazioni” e l'augurio di una proficua attività amministrativa dalla stessa Associazione, che metteva in risalto l'importanza di Turi quale socio-fondatore. Come mai giungeva questa email e non l'invito? A questo punto Palmisano ha voluto vederci chiaro, contattando direttamente l'Associazione e chiedendo spiegazioni. “Città delle Ciliegie” non tarda a rispondere, mostrando che effettivamente l'invito era stato inviato in data 1 giungo ad un certo signore delegato per il Comune di Turi, probabilmente il delegato del Comune di Turi, nominato dopo l'ex assessore all'Agricoltura Angelo Palmisano. Spiega l'Associazione: “Come è noto, dal momento in cui il rappresentante legale dell'Ente socio (in questo caso il Sindaco) nomina un delegato, tutte le comunicazioni riguardanti l'Associazione vengono inviate all'indirizzo del delegato che avrà cura di trasmetterle al Sindaco per conoscenza. Quando viene eletto un nuovo Sindaco, questi può assumere in proprio la rappresentanza presso l'Associazione o comunicarci il nominativo del nuovo delegato che da quel momento parteciperà all'attività associativa, ricevendo la relativa corrispondenza”. Nessuno pare conosca il delegato, tanto meno le ragioni per cui non abbia trasmesso l'invito ricevuto al Comune. Certamente l'increscioso incidente non si ripeterà, anche perché la gestione di questo tipo di comunicazioni è tornata nelle mani del Sindaco e della sua Amministrazione e i contatti del Comune sono stati reinseriti nella mailing list dell'Associazione.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI