Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

Vendita illecita di libri a scuola

Alina Laruccia

Passano gli anni, crescono le persone, si avvicendano i personaggi e i ruoli, ma sembra che ai più la storia non sia una “magistra vitae”. Questo è quanto traspare dalla lettera di denuncia della responsabile del Presidio del libro, la libraia indipendente Alina Laruccia, all’indomani di un incontro, forse l’ennesimo, con gli organi scolastici.

Al centro della questione, rimbalzata sulle colonne dei media nazionali, la vendita illegale di libri a scuola. Libri che vengono venduti “a nero”, senza ricevute fiscali, senza alcun pagamento di tasse, direttamente dai rappresentanti delle case editrici ai rappresentanti dei genitori, pare attraverso la mediazione di insegnanti che, come traspare dalle parole della libraia, abbiano finalità differenti dal “semplice insegnamento”.

Sono diversi, infatti, gli anni che si ripetono le stesse parole di denuncia da parte di chi crede e ama il proprio lavoro; ma spesso le parole sono ritornate senza un’opportuna e drastica risposta e azione che blocchi e punisca questa pratica.

Libri “per le vacanze” venduti a scuola, piuttosto che in libreria o in cartolibreria; libri che arricchiscono, non di cultura i lettori, ma chi li vende. Libri che piuttosto che insegnare, sono oggetto di discordia e la richiesta d’intervento da parte dei competenti, ritorna sempre al mittente, che si trova, ogni anno, spalle al muro, a dover guardare senza che chi di dovere agisca definitivamente. “Sembra che nell'Istituto Comprensivo si continuino a vendere libri” – denuncia Alina Laruccia, della Libreria Eleutera. “Nonostante una precedente dichiarazione della Dirigenza Scolastica dell'I. C. “Resta- Giannini” alle Forze dell'Ordine che dichiarava cessata questa cattiva nonchè illegale abitudine, ancora oggi alcune madri hanno dichiarato che è stato loro proposto l'acquisto in classe dei suddetti libri. Ovviamente procederemo a termine di legge nei confronti delle Case Editrici, mentre aspettiamo la presa di posizione del Comandante Sacchetti, appena verrà a conoscenza dei fatti”.

Commenti  

 
Lia
#1 Lia 2014-07-04 15:54
Io, ogni fine anno, al genitore dell'alunno che mi chiede quale libro acquistare per le vacanze, rispondo di recarsi in libreria e far scegliere al bambino i libri che più gli piacciono con un doppio scopo: che il papà o la mamma acquistino un libro anche per sé.
; - :-)

Lia C.
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI