Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

Servizi sanitari cercasi

Logo

I Livelli essenziali di assistenza   sanitaria (Lea) sono le prestazioni   e i servizi che il Servizio   sanitario nazionale è tenuto a   garantire a tutti i cittadini, gratuitamente   o dietro pagamento   di un ticket. Turi, ad oggi , con   quasi 13 mila abitanti non è fornito   nemmeno dei servizi elementari,   come dovrebbe essere   invece previsto dalle normative   del ministero della sanità. Il distretto   sanitario funziona poco   e non sicuramente secondo le   esigenze della popolazione che   come tutti ben sapranno, deve   “migrare” verso gli ospedali   dei comuni limitrofi di Gioia,   Conversano, Putignano e Acquaviva.   Questo naturalmente   danneggia soprattutto le fasce   più deboli della cittadinanza,   ossia tutte quelle persone che   non possiedono o non possono   per forza di cose recarsi con un   mezzo proprio verso gli ospedali   e gli ambulatori. E nonostante   questi servizi nei paesi vicini   esistono da sempre, le nostre   amministrazioni (da sempre)   non hanno mai pensato a risolvere   questo grave disservizio .   Basti ad esempio pensare che   a Turi di bambini non ne nascono   quasi più e le donne in   gravidanza devono il più delle   volte, anche per eseguire dei   test routinari durante la gestazione,   ricorrere a lunghi tragitti.   Attualmente infatti, i presidi più   vicini sono quelli di Bari e Monopoli,   distanti tanto da recare   notevole disagio. Le uniche presenze   reali sul territorio sono il   servizio del 118 e la guardia medica.   Sevizi che, non assolvono   appieno al compito di offrire un   valido supporto alle visite ambulatoriali   pur essendo provvisti   di strumenti per l’urgenza e   l’emergenza. Anche la situazione   farmaceutica purtroppo non   brilla. Al momento sul territorio   vi sono soltanto due farmacie,   quando la legislazione ne prevede   1 ogni 5000 abitanti. Anche   questo implica soventemente disagio   al cittadino, costringendo   l’utenza ( tra cui anche anziani   e disabili) a lunghe code. Fermo   restando che queste questioni   sono inerenti agli ambiti della   ASL a cui apparteniamo e che   il comune non può incidere in   maniera assoluta in tal senso,   (essendo le medesime dotate di   organismi interni), quello che   il Movimento 5 stelle intenderà   promuovere sarà la sollecitazione   degli enti e le strutture   competenti al fine di garantire i   servizi almeno necessari. Inoltre   monitorerà questo stato di   cose ed ottimizzerà i servizi al   cittadino per la parte spettante a   comune e sindaco (intesa come   prima autorità sanitaria del territorio)   risolvendo e sciogliendo   le difficoltà esistenti facendosi   carico delle richieste della cittadinanza.  

Dott.ssa Francesca Silvana Scoppio   (MoVimento5stelleTuri)   

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI