Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

Ciliegie: richiesto lo stato di calamità

ciliegie rotte

Non si arresta lo stato di ansia nell’animo degli agricoltori e produttori locali di ciliegia dinanzi alle condizioni atmosferiche che interessano il nostro territorio.

Qualcuno dice di non ricordare un’annata peggiore di questa, caratterizzata delle abbondanti precipitazioni, dai forti venti e dalle violente grandinate che hanno colpito e danneggiato un prodotto così caro e prezioso per la nostra economia cittadina.

Ciliegeti del tutto abbandonati per l’impossibilità di trovare un frutto degno di essere venduto, tappeti rossi che si formano ora dopo ora sulla terra turese, un’economia rimasta in ginocchio e una speranza, per l’ultima e più importante parentesi produttiva, quella della Ferrovia, negli animi dei turesi.

Già sui palchi dei comizi si è parlato di una richiesta d’aiuto da parte delle istituzioni, così, con la delibera 57, è stato richiesto alla Regione Puglia, Assessorato Risorse Agro Alimentare, di attivare le procedure per ogni utile intervento da parte del Ministero delle Politiche agricole in ordine all’applicazione delle normative nazionali e comunitarie vigenti e all’adozione di tutte le iniziative a favore degli imprenditori agricoli locali utili a risolvere le situazioni come innanzi specificate, con la conseguente emanazione anche del decreto che fissa lo stato di crisi per gli eventi calamitosi, come previsto dal D. Lgs. 29 marzo 2004 n. 102 e s.m.i.

Commenti  

 
Cetto laqualunque
#3 Cetto laqualunque 2014-06-08 13:55
Signori,ma non vi risulta che non ci sono soldi,per i terremotati,e li devono dare per le calamità naturali....ma siete proprio nel mondo dei sogni,fate prima a dimenticarli....
Citazione
 
 
vita
#2 vita 2014-06-06 10:59
se l uomo non avesse violentato la natura con anticipi, pesticidi, veleni e inquinamento tutto ciò non sarebbe accaduto...ricordo ancora le ciliegie della mia infanzia, che crescevano lente e portavano grandi soddisfazioni a tutti gli onesti
Citazione
 
 
bene
#1 bene 2014-06-04 16:50
le poche risorse disponibili solo ai veri contadini, tutti gli altri non ne hanno bisogno...attenti ad essere equi
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI