Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

Il comune di Turi al 32° posto in una classifica provinciale per indebitamento procapite

municipio

Se guardiamo ai dati pubblicati dall’Ipres (Puglia in cifre, 2012) con riferimento ai valori di bilancio e altri indicatori finanziari possiamo verificare che il comune di Turi si trova al 32° posto in una classifica provinciale per indebitamento procapite. L’indebitamento procapite è un indicatore del peso dell’amministrazione comunale e delle politiche di bilancio comunali sul reddito dei cittadini. Al primo posto della classifica troviamo a pari merito Capurso, Palo del Colle e Triggiano con un valore dell’indebitamento procapite pari a 0, e poi Noci (87,56 € ), Corato ( 93,78 € ) e Casamassima ( 147,2 ). Il comune di Turi si trova al 32° posto con un livello dell’indebitamento procapite pari a 666,09 euro. Questo significa che i cittadini di Turi sono indebitati 7,6 volte in più dei cittadini di Noci, e 7,1 volte in più dei cittadini di Corato. In modo particolare possiamo dire che il livello dell’indebitamento procapite va considerato insieme con il livello del reddito procapite per verificare la presenza dell’incidenza dell’indebitamento comunale sul reddito dei cittadini. Tuttavia se esprimiamo l’indebitamento pro capite comunale come percentuale del reddito procapite comunale possiamo verificare un peggioramento della posizione del comune di Turi.  In effetti in una classifica dell’indebitamento procapite come percentuale del reddito procapite il comune di Turi si trova al 33 esimo posto. Le economie più virtuose fanno pesare l’indebitamento comunale per un valore compreso tra lo 0 %  nel caso di Capurso, Palo del Colle e Triggiano, lo 0,61% nel caso del Comune di Noci, dello 0.83% per il comune di Corato. Il comune di Turi fa pesare l’indebitamento procapite per un valore pari al 7,41 % del reddito procapite dei turesi. La crescita dell’indebitamento può comportare una condizione di difficoltà per l’economia locale. La presenza di un alto livello di indebitamento può ridurre la reattività delle politiche economiche comunali e di fatto “ingessare” l’attività amministrativa. Le politiche della gestione del debito comunale sono politiche di bilancio capaci di incidere sul benessere dei cittadini. E’ probabile che strumenti di gestione economica partecipata possano comportare una nuova forma di amministrazione nella quale all’indebitamento si accompagnino strumenti innovativi, come il crowfounding, e la partecipazione dei cittadini a progetti di pubblica utilità. La ristrutturazione della finanza pubblica è una attività complessa soprattutto in periodi di forte austerità e in presenza di una programmazione dello Stato volta alla riduzione dei servizi pubblici e ad una riduzione dell’attività pubblica in economia in generale. Ripensare il rapporto tra programmazione economica e enti creditizi, puntando ad una maggiore partecipazione dei cittadini alla pianificazione e al  sostegno anche finanziario può essere una soluzione snella e responsabile alla crisi della finanza pubblica comunale. Poiché il modello dei trasferimenti dallo Stato e dagli enti centrali sembra essere entrato in crisi, è necessario stimolare l’attivismo dei cittadini e la partecipazione alle attività economiche pubbliche. La maggiore partecipazione dei cittadini alla programmazione economica e finanziaria potrebbe liberare nuove risorse e nuove energie nel rapporto complesso tra pianificazione della politica economica comunale e budgeting finanziario. Tuttavia è probabile che il ricorso a strumenti finanziari più tradizionali in grado di tenere in considerazione la sostenibilità delle finanze pubbliche possa costituire una soluzione e una politica per la riduzione dell’indebitamento pro capite.

Rank Comune     Indebitamento procapite €

1 Capurso, Palo del Colle,Triggiano  0

2 Noci    88

3  Corato  94

4  Casamassima  147

5 Acquaviva delle Fonti  151

6 Cellamare  173

7 Giovinazzo 208

8 Bitonto  232

9 Mola di Bari 262

10 Locorotondo  266

11 Gravina in Puglia  275

12 Altamura  313

13 Terlizzi  321

14  Ruvo di Puglia  327

15 Cassano delle Murge  332

16 Bitetto  349

17 Adelfia  353

18  Castellana Grotte  365

19  Santeramo in Colle 380

20 Toritto  396

21  Alberobello  399

22 Gioia del Colle  401

23  Binetto 409

24 Bari  426

25 Conversano  439

26 Putignano 489

27  Sannicandro di Bari 497

28 Valenzano  511

29 Grumo Appula 519

30 Rutigliano  592

31 Monopoli  609

32 Turi  666

33 Bitritto  679

34 Modugno  683

35  Noicattaro 724

36 Polignano a Mare  734

37 Poggiorsini 950

38 Sammichele di Bari  1089

39 Molfetta 1512

Rank Comune Percentuale indebitamento procapite su reddito procapite

1 Capurso, Palo del Colle, Triggiano  0

2 Noci  0,6

3 Corato  0,8

4  Casamassima 1,2

5 Acquaviva delle Fonti  1,2

6  Cellamare 2,4

7 Giovinazzo  2,5

8 Bitonto  2,2

9 Mola di Bari  3,3

10  Locorotondo 1,8

11 Gravina in Puglia  2,8

12 Altamura  2,4

13 Terlizzi  3,5

14  Ruvo di Puglia  3,3

15 Cassano delle Murge  3,5

16 Bitetto 5,2

17 Adelfia  4,2

18 Castellana Grotte 2,8

19 Santeramo in Colle  3,1

20 Toritto  4,7

21 Alberobello  3,1

22 Gioia del Colle 3,1

23 Binetto  4,4

24 Bari 2,2

25 Conversano  3,8

26 Putignano 3,2

27 Sannicandro di Bari  6,4

28 Valenzano 5,6

29 Grumo Appula 8,1

30 Rutigliano 5,2

31 Monopoli  4,8

32 Turi  7,4

33 Bitritto 5,8

34 Modugno 2,6

35 Noicattaro 8,5

36 Polignano a Mare  7,1

37 Poggiorsini  8,5

38 Sammichele di Bari  13,7

39 Molfetta  15,2

Commenti  

 
Mino Miale
#2 Mino Miale 2014-05-06 09:35
Queste non mi scandalizzano caro Angelo, perchè sono correlate alla capacità POLITICA di altre classi dirigenti cresciute in altri contesti comunali. Un esempio tra tutti: Noci con la sua attuale rappresentanza politica a Roma, in Parlamento e al Senato. La nostra classe dirigenziale di cosa potrebbe vantarsi ? Quel Popolo evidentemente SA VOTARE e sono testimone di altri esempi quando negli anni settanta la sezione del Partito Comunista nocese era in grado di soffiare a Bari l'organizzazione storica delle Feste provinciali de'l'Unità, oppure un esmpio più vicino. Quando con valenti storici pugliesi passammo anche da Noci, perchè lì nacquero ed operarono importanti patrioti, l'allora sindaco a "scatola chiusa"finanziò un volume di Storia risorgimentale solo perchè si parlava anche di NOCI. Un esempio di come la promozione CULTURALE, cari candidati al Palazzo comunale di Turi, non è mai fuoco di paglia. Volete sapere come si comportò il sindaco di Turi? Immaginate un pò ... a Turi ci si vanta a vanvera di solo CHIACCHIERE, ma il totale è pari a zero. :P
Citazione
 
 
zorzi
#1 zorzi 2014-05-05 11:38
bella robb, grazie amministratori vecchi e nuovi
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI