Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

Ciliegia: “La pioggia ha giovato la Bigarreau”

L'agronoma Rosalinda Genghi

Come ogni anno, con l’arrivo della primavera inizia il conto alla rovescia per la raccolta del tanto ambito e prezioso oro rosso turese. Spesso, però, le condizioni atmosferiche smontano i progetti degli agricoltori e produttori locali che, come quest’anno, sono costretti ad affrontare le numerose piogge e cambiamenti delle temperature che sicuramente non passeranno inosservate per gli alberi e i frutti che stanno per maturare.

Abbiamo chiesto qualche dettaglio all’agronomo Rosalinda Genghi che ci ha spiegato come “la pioggia abbondante della scorsa settimana ha giovato –piuttosto- la Bigarreau, ormai in fase di accrescimento”. “Diverso il discorso – prosegue la dottoressa - per la cultivar Ferrovia che nei giorni di pioggia si trovava proprio nella fase di fioritura - inizio caduta petali. In questo caso non è stata solo la pioggia ad interferire nel processo di impollinazione, ma soprattutto l'abbassamento di temperatura verificatosi che ha rallentato lo sviluppo del frutticino in via di formazione”. “Nelle contrade più precoci – ha in ultimo specificato - del nostro territorio invece, la situazione, in termini di allegagione, è più chiara e meno preoccupante. Ovviamente è meglio aspettare ancora qualche giorno per avere un'idea più chiara della situazione”.

Quest’anno, il clima primaverile che si è registrato qualche settimana fa, ha favorito la maturazione precoce dei prodotti agricoli che ora sono più vulnerabili alle manifestazioni temporalesche. La stessa Coldiretti pugliese aveva avanzato una preoccupazione a seguito delle abbondanti precipitazioni che si erano abbattute sul territorio regionale, rilevando piuttosto su come queste variazioni avessero creato problemi alle coltivazioni non solo cerasicole, ma anche per i vigneti, mandorleti e agrumeti in fiore o ortaggi come insalate e patate.

La voce degli agricoltori, comunque, descrive una condizione d’incertezza e di speranza sul prossimo raccolto verso il quale si riversa la gran parte dell’economia delle famiglie turesi. Non è mancata qualche lamentela sulla comparsa di piccole macchie sul prodotto che stava per maturare, causato da una breve grandinata che ha interessato solo alcune zone della cittadina. L’augurio è che per tutti i produttori sia una buona annata e che per il 2014 si possa raccontare di una raccolta che lasci soddisfatti coltivatori e consumatori.

Commenti  

 
gianvincenzo
#1 gianvincenzo 2014-04-28 19:24
rivendico i diritti fotografici della foto.... :lol: :lol:
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI