Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

I Sacri Sepolcri

IMG_0309

Tantissimi i fedeli che nella serata di giovedì 17 aprile, Giovedì Santo, hanno visitato i tradizionali  “Sepolcri” nelle chiese cittadine. Silenziosi, in fila e avvolti dal mistero della fede, si sono avvicinati agli allestimenti realizzati presso la Chiesa Madre, San Giovanni Battista, Maria SS. Ausiliatrice, Santa Chiara e della Madonna delle Grazie. Particolare attenzione ha suscitato, in coloro che si sono recati presso la Chiesa Madre, l'omaggio artistico, realizzato dall'associazione " I vecchi tempi" in collaborazione con Daniela Angelillo ed Ezio Castellana , volto a valorizzare le bellezze artistico-archittettoniche del nostro territorio. Il termine “sepolcro” è da sempre  utilizzato per indicare quello che più propriamente andrebbe definito come “altare” o “cappella” della reposizione allestita, al termine della “missa in cena Domini” del Giovedì Santo , al fine di accogliere le specie eucaristiche consacrate.  Nell’altare vengono in genere collocati il tavolo simbolo del sacrificio e dell' imminente Pasqua, il pane, il vino, i tredici piatti degli apostoli ed il tabernacolo dove è collocata la SS. Eucaristia. Tra gli addobbi tipici, vanno ricordati i fiori bianchi ed i vasi contenenti semi di grano germogliati che simboleggiano il passaggio dalle tenebre della morte di Gesù alla sua Resurrezione.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI