Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

A Turi una social card per gli sconti e la solidarietà

FiasCard-sidebar

Anche a Turi, sarà possibile a breve, richiedere la carta prepagata per partecipare all’iniziativa “Un centesimo per il sociale” promossa dall’ Onlus F.I.A.S (Fondazione Internazionale Assistenza Sociale), per finanziare iniziative di sostegno a favore delle fasce sociali più deboli. Il progetto è stato presentato a Roma presso la Camera dei Deputati, alla presenza di Antonella Salvucci (attrice e testimonial dell’iniziativa) e del nostro concittadino Natalino Ventrella che è intervenuto in diretta streaming.

In ogni paese, sarà attivato uno sportello informativo presso il quale ritirare le card, che permetteranno di usufruire di servizi dedicati, free-comunication e accesso ad alcuni vantaggi negli acquisti. Per ogni transazione effettuata sulla carta, 1 centesimo verrà inviato per finanziare fondi sociali destinati alle fasce sociali sotto la soglia di povertà, fondi speciali per la ricerca e per la progettualità delle piccole e medie imprese, nonché aiuti alle famiglie che a causa della crisi, vivono momenti di difficoltà. Durante la presentazione del progetto, è stato nominato Responsabile Regionale Natalino Ventrella, che si occuperà di coordinare le attività e le iniziative della FIAS: “Abbiamo stipulato un accordo con la LUM per finanziare alcune borse di studio – ci racconta il Sig. Ventrella – inoltre, sempre con il consorzio Mediterrae, vogliamo dare la possibilità a persone svantaggiate di accedere a servizi utili (Assistenza agli anziani, portatori di handicap e tossicodipendenti)”.

A Turi, Ventrella ha contattato i gestori di bar, pizzerie e negozianti in genere, al fine di farli aderire al progetto “Un centesimo per il sociale”. I possessori della card, negli esercizi convenzionati, potranno usufruire di sconti immediati che alla fine si tradurranno in un risparmio mensile, importante in questo periodo di crisi: “Abbiamo previsto l’adesione di circa 20 attività sul territorio di Turi. Una famiglia così, potrebbe usufruire di sconti per almeno 40€ mensili, che facendo i conti si traducono in un risparmio per 480€ all’anno.” Il ricavato di ogni transazione effettuata sulla carta, servirà a finanziare fondi per il credito in Congo ed in Turchia. La carta avrà il costo di 4€ per i cittadini e di 80€ per le attività commerciali.

                                                                                                              

Commenti  

 
il truffatore
#1 il truffatore 2015-03-25 10:38
che fine ha fatto questa iniziativa con benefici a pagamento?
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI