Mercoledì 12 Dicembre 2018
   
Text Size

Saldi: voce ai commercianti turesi

vetrine turi

La crisi non risparmia nemmeno i saldi. Lo abbiamo letto sui grandi quotidiani nazionali, sentito nei telegiornali e magari anche sperimentato personalmente. La terribile morsa economica che sta colpendo soprattutto i consumatori medi, ne ha ridotto quasi al minimo il potere di acquisto. Anche in saldo la merce è stata venduta con difficoltà, una situazione che ha visto costretti i commercianti a svendere letteralmente quanto presente in negozio. Abbiamo chiesto anche ai commercianti di Turi come siano andati i saldi in paese, cercando di capire quale fascia della popolazione compra di più e quale sia, ad oggi, il potere d’acquisto dei turesi. Ad una prima indagine, hanno retto bene alla crisi i negozi di abbigliamento delle grandi griffe, dove sicuramente continua a servirsi chi, detta in parole povere, i soldi ce li aveva e continua ad averceli.

vetrine turi

Problematica, invece, è la situazione di quei commercianti che si rapportano con il consumatore medio, il bersaglio principale della crisi: quest’ultimo ormai compra solo quando si vede costretto, per necessità. In questo caso i saldi sono andati male, anche peggio del 2013. L’aumento dell’IVA al 22 % ha dato poi il colpo di grazia. Una commerciante si lamenta del fatto di non riuscire nemmeno ad assumere una persona che possa sostituirla per un weekend e che le converrebbe di più chiudere un paio di giorni, un’altra pone la questione della disorganizzazione a Turi, dove ogni negozio apre o chiude quando vuole, mettendo in crisi il consumatore che, volendo fare più acquisti nel medesimo giorno, rischia di trovare alcuni esercizi aperti ed altri chiusi, vedendosi costretto ad andare a spendere al Centro Commerciale di Casamassima.

C’è chi lamenta la mancanza delle istituzioni, una burocrazia lenta, lunga e troppo costosa, anche per un semplice spostamento da un locale all’altro, chi la miriade di tasse con cui lo Stato, come una sanguisuga, ruba alla gente. Chiediamo alla proprietaria di un esercizio commerciale se abbia mai valutato l’dea di tirare giù la saracinesca e chiudere per sempre, ci risponde - “e che faccio dopo? Ho già 41 anni, chi mi prenderebbe a lavorare?”. Non resta dunque che resistere, sperando di non dover sprofondare ancora di più, di aver toccato ora il fondo, segno che peggio di così non si può andare e che ci attende solo una brillante risalita.

Commenti  

 
LGP
#3 LGP 2014-03-01 15:53
COME PRIMA PIU' DI PRIMA.......
Citazione
 
 
LGP
#2 LGP 2014-02-28 10:59
Ma perché a Turi c'è la crisi? Se i clienti vengono snobbati non è mica colpa della crisi, VERO REDAZIONE?
non capisco perché avete censurato quello che è capitato a me, scritto in data di ieri. BRAVI CENSORI
Citazione
 
 
LGP
#1 LGP 2014-02-27 12:49
A proposito di crisi.
Premetto che vivo in un piccolo centro del nord dell'Italia. Festa di S. Oronzo 2013, quale occasione migliore per visitare al cimitero i propri defunti, partecipare anche ad un incontro "cinquant'anni dalla fondazione della banda musicale di Tuti" e rivedere la festa Patronale. organizzo il soggiorno e giunto a Turi, ove già sono intraprese le attività per festeggiare il Santo, con mercato e relativa fiera. Al momento della consegna della camera presso un B&B, scopro che il bagno non si trova nella camera dove ero ospitato, malgrado la specifica richiesta. Giunto il momento del pranzo e su indicazioni di alcuni Turesi, inizio il peregrinare dei ristoranti e dei locali adatti a consumare un pasto decente e sorpresa, in ognuno dei locali in cui mi sono rivolto (non sono stati pochi), mi riferivano: "in quanti siete?" ancora; "no siamo aperti solo la sera". Ultimo tentativo, prima di desistere e rivolgermi a ristoratori d'altri Comuni limitrofi, mi sono imbattuto in un ristorante di via Casamassima che eccezionalmente mi ha accolto, dopo di mè sono entrati altre due persone con lo stesso problema. Soddisfatto il palato con prelibatezze locali, adempiuti gli obblighi economici con relativa ricevuta fiscale, con il proprietario del locale, scambiando qualche parola, a distanza di moltissimo tempo, abbiamo rievocato in incontro presso un posto di frontiera.VI CHIEDO, MA LA CRISI IN QUESTO PAESE NON ERA ED E' IN CORSO? IN UN MOMENTO PARTICOLARE, QUALE OCCASIONE DELLA FESTIVITA', VI SONO QUESTI SOGGETTI SCHIZZINOSI CHE SI PERMETTONO DI DISCRIMINARE LE APERTURE DEI LOCALI E CHE NEI QUALI GIA' FREMEVANO I PREPARATIVI PER LA SERA E QUALE OCCASIONE PER INCENTIVARE GLI INTROITI? Non mi sembra che in questo paese sia in atto la CRISI.
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI