Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

Ridateci una sede!

 fidas itc 2

TuriLa richiesta dell’associazione di volontari Fidas

Circa due settimane sono trascorse dall’avviso di sfratto ricevuto dalle associazioni turesi ubicate presso la struttura comunale di via Gonnelli e i locali della Scuola Media.

Chi da pochi mesi, chi da diversi anni realizzava negli stessi le sue attività e i suoi incontri, accogliendo tra le sue mura, quanti, spinti da interesse o curiosità, si sono avvicinati  ai diversi obiettivi.

La scorsa settimana aveva alzato la voce il presidente dell’Auser; oggi ascoltiamo quella del presidente della Fidas, Michele Troiano.

Purtroppo “abbiamo avanzato alla Commissaria e per iscritto la richiesta di tornare alla vecchia sede” – ci commenta amaramente ma – “ancora stiamo aspettando la risposta”. Una decisione che tarda ad arrivare, mentre ormai i soci volontari hanno dovuto liberare i locali dal materiale in esso contenuto.

Computer, schedari dei soci, documentazione, oggetti vari della stessa associazione, ora sono distribuiti nei cofani o nelle cantine degli stessi, nell’attesa di trovare nuova sistemazione.

Un’associazione, la Fidas, che non può permettersi di pagare un affitto poiché condotta in maniera volontaria dagli appartenenti e che guarda all’arricchimento sociale, diffondendo un messaggio di altruismo e di generosità verso chi ne ha bisogno. Questa, come le altre realtà associative volontarie, sono una risorsa da preservare ovunque, in particolar modo in un piccolo paese dove già in tanti rispondono alle richieste di donazione che non sono mai abbastanza. 

(Foto di repertorio)

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI