Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

Sant’Antonio: una Festa ridimensionata

Turi - sant'antonio abate 2013 (3)

 Turi - Per non perdere la tradizione una benedizione con meno festività

Era ormai entrata nella tradizione cittadina, la Festa di Sant’Antonio Abate, che come ogni anno rappresentava un momento di partecipazione collettiva ad una celebrazione ed una benedizione tutta incentrata sul Santo e sugli amici a quattro zampe.

Quest’anno, a differenza dei precedenti appuntamenti, nessun manifesto o volantino annunciava la realizzazione di qualsiasi evento che richiamasse la tradizione e l’incontro in piazza nella serata del 17 gennaio. Così abbiamo avvicinato i membri del Comitato Feste “Sant’Antonio Abate” e lo stesso arciprete Don Giovanni Amodio per chiedere delucidazione in merito alla nona edizione della Festa.

Dalle parole del presidente del Comitato, Giuseppe Lozupone, rimarcate dallo stesso arciprete Don Giovanni, - “il Comitato non vuole mancare di rinnovare l’ormai imperdibile appuntamento con la Festa di San’Antonio, ma il tutto si realizzerà con toni e fasti minori”. Rallentamenti burocratici, infatti, hanno reso difficoltosa l’intera organizzazione che si svilupperà con la tradizionale Santa Messa in Chiesa Madre alle ore 18.00 e, a seguire, con una breve processione del Santo, intorno alle 19.00 con la quale si giungerà in piazza Capitano Colapietro, dove sarà eseguita la benedizione degli animali. “Solo per quest’anno non ci saranno falò, musica d’intrattenimento o stand degustativi, ma promettiamo di rifarci per il prossimo anno, con una grande serata a Largo Pozzi” – garantisce il Comitato, dando appuntamento a questa sera a tutti gli amanti degli animali e i devoti al Santo.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI