Per la prima volta un bilancio

IMG_4731

“La festa organizzata quest’anno da Fabio Topputi ha pochissimo da invidiare a quelle del passato”. Ad affermarlo con serenità e sicurezza è stato il Sindaco Resta presente alla conferenza stampa indetta dal Nuovo comitato festa patronale per illustrare il bilancio di “Sant’Oronzo”.
“Abbiamo scommesso bene – incalza – una scommessa spregiudicata ed è andata ben oltre le nostre aspettative”.
Durante la conferenza stampa il pensiero al passato è assillante ma nessuno osa approfondire l’argomento e così ai primi sintomi il neo presidente Fabio ferma il discorso. Come mai nel passato non si mè mai potuto vedere il bilancio? “Quello che è accaduto nel passato non mi interessa e siamo qui per pensare al presente”.
Tuttavia la presentazione del bilancio appare come l’ultima stoccata affondata dal “nuovo” modo di “fare” alla “tradizione” di Marinuccio, non presente in sala. Sembra, sottolineiamo, anche se tutti negherebbero.
La stoccata più grande è proprio l’idea di esporre in tutto il paese il bilancio, con tutti i dettagli, delle spese di una festa che ha registrato addirittura un avanzo di gestione. Un bilancio in attivo di circa 35mila euro che ha lasciato stupiti tutti:
“Anche io non mi sarei mai aspettato – afferma Fabio Topputi - un risultato del genere”.
Il futuro. Un bilancio positivo che candida automaticamente Topputi al “rinnovo”… “se il Sindaco – dichiara Fabio – vorrà…” e il Sindaco da vera volpe politica ha sviato la risposta con una simpatica battuta… “Se il sindaco Resta sarà ancora il Sindaco…” La tempesta Sant’Oronzo, riteniamo, è solo rimandata.
Cosa farne dell’avanzo di gestione? Un bilancio positivo che ha fatto venire a qualcuno l’idea di restituire il contributo dell’ente alle casse comunali.
Una idea che il presidente non ha scartato a priori ma che appare davvero contrastante con la buona e trasparente gestione del comitato. Perché mai restituire i denari ad un ente che in quanto a trasparenza e buona gestione pecca e non poco? Riteniamo sia meglio proseguire sull’onda delle novità che al comitato non mancano. “Potremmo finire l’opera e proteggere meglio il carro trionfale dalle intemperie – annuncia Fabio – oppure organizzare Sant’Oronzo d’ottobre… (anche se sul punto sembra che non ci sia il placet di Don Giovanni)”. In ogni caso presto il comitato sarà riunito e “faremo conoscere a tutti i turesi come vorremmo impiegare la liquidità residua.” Ma Topputi ha le idee chiare sul principio da seguire: “I cittadini hanno affidato la loro offerta a Sant’Oronzo e al Santo quel dono deve essere rivolto”. E così sia…

La relazione del presidente

 

Prima di procedere alla illustrazione del Rendiconto della gestione della Festa del Santo Patrono, sento il dovere di ringraziare, anche a nome del Comitato, il Vescovo, eccellenza Mons. Domenico Padovano, l’arciprete Don Giovanni Amodio, il Sindaco e l’amministrazione comunale per la fiducia accordatami nel luglio scorso circa l’organizzazione della Festa. L’impegno è stato notevole ma abbiamo fatto in modo di non deludere le aspettative dei nostri concittadini e di quanti si sarebbero recati nel nostro Paese per la “ grande festa“. Ringrazio tutti i componenti del Comitato, nella gran parte alla prima esperienza, per l’impegno profuso ed il senso di responsabilità dimostrato: grazie di vero cuore ad ognuno. Ringrazio Di Venere Giammaria, sempre disponibile al dialogo ed alla collaborazione, risultato estremamente utile per chi come me era alla prima esperienza. Grazie anche per il contributo che ha offerto alla Festa (mi riferisco alla storica mongolfiera dell’azienda Di Venere Giammaria). Ringrazio tutti i cittadini per la numerosa partecipazione e la contribuzione volontaria che è stata al di sopra delle più rosee aspettative. Sono stati raccolti, infatti, €. 72.560,20 da operatori economici e da circa 2.420 famiglie, pari al 44% dei nuclei familiari residenti. Ringrazio Villa Menelao, la Catucci ecologia e la Pernice s.r.l. per i fuochi che hanno offerto.
Così come ringrazio l’azienda Andrea Saffi per l’importante  omaggio floreale messo a disposizione, l’Airone e la Ditta Spada Luca per i premi offerti in occasione dello spettacolo Talenturi show. E' chiaro che i contributi in natura offerti da queste aziende non figurano nel rendiconto poiché i rapporti sono stati intrattenuti direttamente dalle stesse con i loro fornitori. Passando alle diverse voci del Rendiconto, come dicevo prima, sono stati raccolti € 72.560,20 per oboli volontari dei cittadini, € 20.000 che saranno corrisposti dal Comune unitamente ad € 1.500,00 a titolo di rimborso spese sostenute dal Comitato per conto del Comune nell’organizzazione di uno spettacolo.

Per cui, il totale delle entrate è stato pari ad €. 94.060,20.
Le uscite, invece, sono state pari ad € 59.3 81 ,90, così come sono state analiticamente indicate nel prospetto del Rendiconto. I fornitori di beni e servizi, alla data odierna, sono stati tutti pagati. E’ stato, pertanto, registrato un avanzo di gestione pari ad € 34.678,30, di cui € 13.178,30 disponibile sul c/c intestato al Comitato presso la Banca Popolare di Bari ed €. 21.500,00 che saranno corrisposti prossimamente dal Comune a favore del Comitato stesso. Circa la destinazione dell’avanzo di gestione, prossimamente convocherò il Comitato per la deliberazione circa la sua destinazione.
A conclusione di questa breve illustrazione devo ringraziare il commercialista dott. Vito Nicola De Grisantis per l ‘indispensabile collaborazione, gratuitamente offerta fin dalla costituzione del Comitato, che, per me ed i miei collaboratori, ha rappresentato un punto di riferimento certo dal punto di vista civilistico, fiscale e contabile.
Tale collaborazione ci ha permesso di avere a disposizione la situazione finanziaria che ho appena illustrato. Così come fondamentale è stato il suo continuo incoraggiamento, soprattutto nei momenti di difficoltà.

Fabio Topputi