Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

In cammino sul sentiero segnato Don Gallo

don gallo

Sabato sera, nei pressi di piazza S. Orlandi, l’associazione “Il ponte del Don” ha aperto le porte ai cittadini per farsi conoscere e per esporre le motivazioni che hanno portato alla sua fondazione.

Gli insegnamenti di Don Andrea Gallo e il grande patrimonio culturale che ha lasciato in eredità al mondo, hanno costituito le fondamenta dell’associazione. L’obiettivo che i fondatori si sono proposti è quello di sensibilizzare i cittadini sull’importanza del bene comune; tutto ciò può essere appreso sia mediante una corretta informazione sulla vita politica, ma soprattutto della sua storia, sovente ignorata dai più giovani. Lo sviluppo della società è possibile grazie alla conoscenza di quelli che sono i diritti fondamentali, sanciti sia nella nostra carta costituzionale a livello nazionale, sia a livello internazionale nella Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo. Sovente di parla di “anoressia della cultura”, ed è proprio questa malattia che l’associazione vuole curare.

Il nome scelto per l’associazione non è casuale: Don Gallo è stato un ponte tra le istituzioni e i cittadini, le vecchie generazioni e le nuove. La speranza è quella di dare un domani ai giovani che vengono etichettati “senza futuro” offrendo loro gli strumenti necessari per conoscere le persone che hanno lottato contro la mafia e le ingiustizie, invogliandoli a non arrestare mai la propria sete di sapere -“Studiate! Abbiamo bisogno della vostra intelligenza!”.

Sono diversi i progetti in cantiere, tra cui una serata contro il femminicidio e la redazione di un giornalino. L’entusiasmo e l’emozione mostrata dai fondatori durante la presentazione, lasciano trasparire una grande fiducia nella vita e nella crescita di questa fiorente associazione.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI