Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

Si cresce … al “Bosco dei 100 Acri”

Bosco 2013

Un saluto a mamma e papà, un sorriso per raccontare le avventure realizzate nel corso dell’anno dai piccoli abitanti del “Bosco dei 100 Acri”, il tutto condito dall’esperienza che lo staff educativo dimostra nella loro cura.

Sono questi gli ingredienti che hanno reso indimenticabile il pomeriggio trascorso giovedì 20 giugno presso la sede in via Indro Montanelli dai genitori dei piccoli “allievi” del Bosco che hanno potuto assistere, attraverso un video e delle foto a loro mostrate, il grande lavoro compiuto dai loro bambini presso il centro turese. Non solo emozione e commozione negli occhi dei genitori intervenuti alpomeriggio di festa, ma soprattutto sorpresa nella conoscenza del lungo e duro lavoro che accompagna la crescita dei loro bambini. Uno sviluppo che si chiama progettualità e che si lega all’azione e all’osservazione continua delle educatrici che quotidianamente operano per far conoscere, crescere e far imparare i piccoli abitanti del Bosco. Dietro l’attento coordinamento pedagogico della dott.ssa Tina Resta, esperta in processi cognitivi, i bambini che assiduamente hanno frequentato il nido durante l’anno hanno mostrato come attraverso quello che per loro è un semplice gioco, può nascondersi il grande percorso della conoscenza. Dalla curiosità verso il mondo e la natura, alla voglia di sperimentare, anche sporcandosi e pasticciando, di apprendere attraverso i sensi, di imitare i grandi, si è mossa l’azione e la crescita di ogni bambino, verso uno sviluppo motorio, neurologico, linguistico e logico/matematico/scientifico, in base alle fasce d'età. Tante le curiosità e le scoperte da parte degli stessi genitori, a volte ignari delle capacità e delle curiosità dei loro figli e che, al termine della visione, hanno potuto raccontare e raccontarsi con un confronto sull’attività educativa anche familiare.

"Per mezzo dei giochi, sono affinate le motricità " che, all'inizio appaiono più grossolani. Sono comunque gli esempi, l'ascolto e le attività sensoriali, come quelle realizzate dalle educatrici, a perfezionare e migliorare o avvertire capacità o difficoltà spesso celate.

A chiudere il toccante e magico pomeriggio al Bosco dei Cento Acri un piccolo rinfresco offerto alle famiglie con la quale si è condiviso lo spazio nel quale i loro bambini ogni girono si formano e crescono.

Bosco 2013

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI