Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

All’Ites “S. Pertini” si parla di Maturità

itc maturità

Con visi tristi, dizionari alla mano, facce colme di ansia e di speranze, armati di bottigliette d’acqua e succhi di frutta. Così si sono presentati i ragazzi dell’ITES “Sandro Pertini” di Turi nella mattinata del 19 giugno alle ore 8.00 per affrontare la prima prova scritta dell’esame di Maturità.

“Speriamo che le tracce siano facili” ci commenta uno studente all’ingresso dell’Istituto, tutto intento a coprire e nascondere le sue ultime speranze di fare una bella figura. Infatti in tanti si augurano di “poter scrivere qualcosa” almeno nel tema di italiano, poiché i più temuti sono i giorni successivi, quando si scende sugli argomenti più in linea col percorso di studio.

C’è chi spera in Pirandello, chi ha puntato tutto su Ungaretti o Svevo, altri ancora si concentreranno sul saggio breve, con temi che “sicuramente riguarderanno la “crisi economica” o “la situazione politica”.

Ma niente di tutto quello auspicato. Dopo il suono della campanella e l’apertura delle prime buste, è 'L'Infinito viaggiare' di Claudio Magris, una raccolta di brevi scritti di viaggio, ricordi e appunti che vanno dal 1981 al 2004, la prima traccia per il tema d’italiano della Maturità 2013. E ancora "Individuo e società di massa" con testi di Pasolini, tratti da gli "Scritti Corsari", Canetti e Montale.

"Stato, mercato e democrazia" con testi di Zingales, Pirani e Krugman per il tema socioeconomico, gli "Omicidi politici" per l'articolo breve, la "Ricerca sul cervello" per il tema tecnico, la "Rete della vita" per il tema generale e "Brics e Paesi emergenti" per il tema storico.

Avremmo voluto scattare qualche foto ai volti degli studenti turesi intenti a decifrare le tracce presentate, ma auguriamo loro che questa esperienza li porti a raccogliere anche tanti momenti sereni e divertenti che porteranno con loro negli anni futuri. Ogni angoscia, ansia, palpitazione lascerà il posto alla nostalgia di quel tempo di condivisione e di saluto ad un quinquennio che li ha accompagnati dall’adolescenza all’età adulta.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI