Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

Un’apertura di gran successo

IMG_4706

Si apre con un’immagine più ampia ed una prospettiva nazionale la tradizionale Sagra della Ciliegia Ferrovia 2013 che quest’anno incontra l’VIII Festa nazionale «Città delle ciliegie»

Nella splendida cornice di piazza Capitano Colapietro si è dato il benvenuto alla festa per il prelibato oro rosso locale, appunto la Ferrovia, che ha accolto, assieme alle autorità locali, tanti curiosi, amanti e ospiti per la gradita apertura.

Al taglio del nastro, assieme al sindaco di Turi, prof. Onofrio Resta e al consigliere regionale Michele Boccardi, anche l’intera Amministrazione Comunale, il presidente del Consiglio regionale della Puglia, Onofrio Introna, l’assessore regionale all’agricoltura, Fabrizio Nardoni, il presidente dell’associazione «Città delle ciliegie», Ferdinando Albano, l’arciprete Don Giovanni Amodio, rappresentanti politici nazionali e esponenti provenienti da Marocco, Germania e Russia.

“Grazie alla cooperazione dei miei collaboratori della Pro Loco, dell’amministrazione e di tutti i produttori che siamo riusciti a realizzare un programma ed una festa tale”- ha aperto Rina Spinelli, Presidente della Pro Loco. Dopo l’appello e la promessa di una tutela della ciliegia, frutto delicato, esposta dal presidente dell’Associazione «Città delle ciliegie», la parola è passata al sindaco di Turi.

“La presenza delle delegazioni straniere e delle altre regioni italiane è, in questo senso, un segnale di grande apertura a nuovi mercati, poiché produrre, non basta, è importante anche commercializzare” – ha commentato il sindaco Resta dando il benvenuto a tutti gli intervenuti alla cerimonia inaugurale. Nella piazza già gremita di gente accorsa a degustare il prezioso e succulento frutto della terra barese, si rivolge lo stesso sindaco marchiando la necessità di dare la giusta visibilità ad un prodotto che caratterizza e che contraddistingue la nostra terra; conosciuto in tutto il mondo ma soggetto a leggi di mercato che spesso ledono proprio i produttori locali. Dopo la tradizionale benedizione dell’arciprete Don Giovanni Amodio ed il taglio del nastro per mano delle mogli del neo Consigliere di Stato e dell’Ambasciatore del Marocco, un tuffo nel gusto con l’assaggio delle perle rosse esposte e degustate all’interno del Palazzo Marchesale e lungo tutto ilo percorso che da Piazza Colapietro ha raggiunto Largo Pozzi.

Stand e ceste prese d’assalto dai tantissimi turisti giunti per l’occasione, pronti a commentare e farsi sorprendere sai sapori che questo favoloso prodotto, la ciliegia, regala a tutti i palati. Attraverso gruppi musicali, piazze abbellite da splendide tele e oggetti della creatività, si sono immersi negli spazi dedicati all’assaggio del frutto locale e alle prelibatezze portate dai comuni aderenti all’Associazione «Città delle Ciliegie», che hanno fatto da cornice alla villa comunale.

Tanta anche l’attenzione data agli stand sociali, come quello della LILT (Lega italiana per la lotta contro i tumori) alla quale l’edizione del 2013 si lega con l’iniziativa “Una ciliegia per la vita”, necessaria per sensibilizzare i cerasicoltori a donare una quantità di ciliegie sufficiente a garantire un ricavato da destinare alle attività di ricerca. Non si possono omettere anche gli stand dell’Unitalsi, della Fidas e delle associazioni turesi.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI