Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

2 giugno: una cerimonia per ricordare

2 giugno - Turi

2 giugno - TuriPochi turesi hanno partecipato nel pomeriggio di domenica 2 giugno alla cerimenia della Festa della Repubblica. Uno dei pochi pomeriggi della settimana scaldato da un tiepido sole che ha accompagnato la parata voluta dall’Amministrazione Comunale. Dal Palazzo Municipale la Banda Musicale Cittadina “Maria SS: Ausiliatrice” ha aperto il corteo seguita dai gonfaloni dell’Associazione nazionale Combattenti e Reduci, dall’Associaizone nazionale Bersaglieri “A. Pedrizzi” di Turi, dall’Associazione Nazionale Aeronautica di Turi, l’Associazione Nazionale Finanzieri d’Italia e del Comune di Turi, accompagnato dal Corpo di Polizia Municipale. Attraverso via Maggiore Orlandi, il gruppo si è fermato in piazza Aldo Moro per la deposizione della corona d’alloro dinanzi al monumento ai caduti da parte del sindaco e del Comandante della stazione dei Carabinieri di Turi, Giovanni Sacchetti. Tra i partecipanti, anche alcuni studenti e docenti dell’Istituto Comprensivo “Resta – De Donato Giannini”.

A sottolineare la scarsa partecipazione cittadina ad una manifestazione di grande rilevanza storica per l’Italia lo stesso sindaco di Turi, prof. Onofrio Resta, che ha posto l’accento sulla difficile situazione che attraversa la nostra nazione e che coinvolge soprattutto molti ragazzi. Una nazione che stenta a rialzarsi e che continua ad essere colpita dalle vicissitudini politiche ed economiche, ma che porta con sé una storia scritta dai nostri avi e che merita di essere preservata.

Sessantasette anni fa il popolo italiano fu chiamato ad esercitare, dopo vent’anni, il proprio diritto al voto per stabilire se continuare ad avere un sovrano o introdurre una forma di governo democratico: la Repubblica. Ed è da questa data che l’Italia ha iniziato a scrivere una nuova pagina della sua storia.

La manifestazione si è conclusa con il ritorno al Palazzo Comunale, a percorso inverso, nel medesimo ordine di schieramento.

2 giugno - Turi

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI