Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

Sant’Oronzo si avvicina

Don Giovanni e Don Nicola Turi

Come annunciato la scorsa settimana  lo storico e unico presidente della festa di Sant’Oronzo, Di Venere, noto a tutti come Marinuccio, ha deciso di non organizzare per quest’anno la grande festa di Agosto. Storico Marinuccio. Perché ormai da tanti anni il ruolo di presidente era indiscutibilmente suo. Unico, perché Marinuccio, la festa la sente nel sangue. Lui, fra credo religioso e popolare, ha portato la festa d’Agosto ad essere nota ben oltre la nostra regione. Una festa spesso criticata per la sua stessa grandezza. Troppi fuochi, fuori tema le cavalcate e cosa dire degli appellati “inutili concerti bandistici ascoltati dai quattro gatti” come afferma qualche amministratore comunale.

La festa però continuerà, parola di Don Giovanni, che pur non volendo sbilanciarsi, fa capire che Sant’Oronzo non resterà immobile. “La festa sarà più poverella – afferma il Sindaco Resta – la gente ha problemi ben più seri e nessuno potrà supplire al carisma e all’impegno anche economico a cui faceva fronte Marinuccio”.

Ma cosa ne sarà della festa? A chi verrà affidata? “La festa sarà certamente affidata ad una associazione che dovrà assumersi tutta la responsabilità giuridica della manifestazione – afferma Resta – ma l’idea è quella di coinvolgere tutto il sistema delle associazioni e del volontariato. Penso alla consulta dei non residenti e non solo – prosegue il Sindaco Resta, ma chi sarà il neo presidente? – non voglio fare nomi e vorrei rispettare la riservatezza che sta guidando questi giorni di riflessione.” .

Antonio Conte, il presidente dell’Auser, è un nome vociferato… “Nessun nome, ma confermo la necessità di coinvolgere tutte le associazione e dunque anche l’Auser”.

Abbiamo contattato e interrogato Antonio Conte. Sarà lei il presidente? “Nì…”.

Tuttavia se il nostro istinto non ci inganna, riteniamo che la figura di Antonio Conte, possa essere solo e non più che uno specchietto per le allodole e difficilmente potrà ricoprire il ruolo di presidente. Un ruolo quello del presidente che, a maggior ragione dopo l’era Marinuccio, diventa difficile da accettare. I turesi residenti e quelli che ad Agosto tornano a Turi proprio per respirare l’aria di quella grande festa come reagiranno? Chi mai vorrà accettare tutte le critiche che, naturalmente, si riverseranno contro quel ruolo di presidente se la festa non soddisferà le aspettative? Vedremo e capiremo quanto, Sant’Oronzo, sia stata la festa dei turesi o la devozione di un uomo…

Commenti  

 
Turese non verace
#22 Turese non verace 2013-08-24 10:48
Nessuno mette in dubbio i meriti di Marinuccio, al quale va da parte di noi turesi un enorme riconoscenza per aver promosso il ns. territorio.
Un era si è conclusa ed un'altra se ne apre, grazie alla buona volontà dei F.lli Topputi che hanno raccolto la pesante eredità di Marinuccio da un mese circa, tempo insufficente a capire tutto il meccanismo che c'è dietro una festa di questo genere considerando che parte del comitato si è rinnovato. Per quanto riguarda i fuochi, negli anni scorsi più erano impegnativi più allontanavano il pubblico dal centro del paese non contribuendo all'economia dello stesso, anzi agravando di costi la municipalità per la pulizia delle aree esterne. se proprio non possiamo fare a meno dei fuochi potremmo optare per quelli da utilizzare sui terrazzi e con i soldi risparmiati poter promuovere altre attività che attirino gente nel paese.
Diamo tempo a questi ragazzi di fare esperienza, e non dimentichiamo che tutte le attività hanno un costo e senza denaro non si va da nessuna parte, per cui bisogna sensibilizzare quei cittadini che non partecipano alla raccolta fondi e quelli che hanno il braccino corto, che tra l'altro sono proprio quelli che si lamentano di più!
Buona Festa a tutti e un augurio perticolare al "Comitato"
Citazione
 
 
francy
#21 francy 2013-08-03 13:15
Se quella la chiamate festa,relativamente a ciò che con fatica il grande Marinuccio ha creato di Turi nel corso degli anni,allora il resto delle feste che si fanno in giro cosa sono?...senza contare ciò che si combina nel leccese.
Carissimi,io capisco la crisi,ma buttar giù in questo modo una delle migliori feste della puglia e conseguentemente il nome che Turi,grazie a Marinuccio e altri che hanno creato un nome alla nostra festa...non è affatto bello.
Questo è solo sinonimo di menefreghismo..la crisi c'entra poco....Parliamo di crisi,ma almeno avessero fatto 3 fuochi!.
Poi c'è un altro particolare, e cioè che dovreste raccogliere poi i fondi da anno ad anno,tenendo il comitato feste aperto sempre e non ridurvi all'ultimo all'organizzazione con tutto quanto ne consegue.
La mia non vuole essere chiaramente una critica,ma un amichevole consiglio.
Citazione
 
 
riccardo
#20 riccardo 2013-08-01 21:55
E' vero che i santi vogliono soprattutto il rispetto e la fede,ma è pur vero che la nostra festa era e deve rimanere una delle migliore,perchè vi garantisco che il Signore se c'è il rispetto alla base,comprende pure che la cosa crea economia e l'uomo...turi non è diverso da questo,ha bisogno di lavorare.
Non nominate Marinuccio perhè non ne siete degni!
Citazione
 
 
Raffaele2012
#19 Raffaele2012 2013-05-31 18:39
Ho letto l'articolo e ne approfitto per auspicare un sant'Oronzo 2013 nuovamente coi Fuochi Pirotecnici Aerei Notturni... e se non fossero 6 ma 4 andrebbe bene comunque.

A don Salvino mi permetto di proporre una veloce considerazione sull'approccio del clero rispetto alla "non liturgia" nell'ambito delle Feste Patronali Meridionali.

A tal proposito scrivo che anche il clero gioca, purtroppo, un ruolo spesso negativo. E non perchè "faccia permettere indiscriminatamente", ma perchè ha una visione piuttosto... limitata del lato ludico.

In particolare il clero ritiene che solo la liturgia sia modo per esaltare la spiritualità. E invece, a condizioni di buon senso e di tendenza al maggior richiamo collettivo, è certo che anche una programmazione artistico-artigianale incentrata sui Concerti Bandistici e la Pirotecnica Aerea sappia esaltare la ricerca della spiritualità: e ciò perchè pure l'Arte in genere è da sempre in grado di avvicinare al divino.
Citazione
 
 
Mino Miale
#18 Mino Miale 2013-05-30 16:15
Quello che non mi è mai piaciuto a Turi, in particolare, è l'uso politico, la strumentalizzazione tentata, che si fa sui devoti seri, fattivi come Marinuccio. Quanti non pagano alla questua per divergenze con le Amministrazioni comunali di turno non interessa dirlo. L'intelligenza organizzativa di un Comitato patronale, credo sia impossibile equipararla ad una tranquilla direzione che solo Marinuccio e (storicamente) Cenzino Rossi hanno finora dato. Se, sottolineo SE Marinuccio non cambia idea, dovremmo rimpiangere chi ha saputo integrare la Cultura antica con quella contemporanea, facendo tenere un alto profilo a tutti i cittadini turesi, soprattutto gli emigrati. Mi confidò Cenzino Rossi che l'idea "rivoluzionaria" di cambiare il percorso di ingresso in paiazza del Carro la ebbe in terra straniera e la storia gli ha dato ragione. Con Marinuccio si è verificata la funzionalità ETICA ed ESTETICA di una Festa baroccheggiante apprezzata dal Clero cattolico. Tante proposte feci anni fà a Marinuccio ben sapendo che bastava una sua stretta di mano, per palesare ( piazza S.Orlandi è il suo habitat naturale quando progetta la Festa di Sant' Oronzo) l'impegno reciproco che và oltre la fiducia. Dopo Marinuccio presidente, conosceremo uomini che cercheranno sì una legittimazione culturale, ma temo che molta superficiale influenza subiranno dagli inquilini del Palazzo . Don Salvino, leggimi bene: quando posso ricordo sempre volentieri le emozioni culturali, provate visitando i Monasteri ortodossi alle Meteore. Sforzati di parlare almeno col nostro Arciprete se temi di essere "divorato" da Sua Eminenza.
Scenografo Giacomo Miale
Citazione
 
 
Don Salvino
#17 Don Salvino 2013-05-30 09:05
Al sig. Mino Miale.

In diocesi (BA) ho il "fucile puntato" addosso perchè il mio modo di predicare non piace ai farisei (ce ne sono tantissimi ancora oggi!), perciò dubito troverei un vescovo ascoltarmi e assecondare la mia visione cristiana.

Dici bene quando scrivi che è "la storia dell'uomo ad aver costruito patroni nei territori"...., perchè Dio non ha costruito alcun idolo.

Essere cristiani, al tempo d'oggi, è tutt'altra cosa, credimi.
Citazione
 
 
Mino Miale
#16 Mino Miale 2013-05-29 17:20
Un' ultima cosa: a cominciare dalla Festività di S. Nicola, visto che il folklore incalza in tutti i Patroni del Sud, cosa facciamo, aboliamo con una ordinanza papale tutto quanto la storia dell'uomo ha costruito sui territori? Ne parli col suo Vescovo, il nostro lo ospiterebbe a Conversano. Più rispetto per Marinuccio che non ha mai strafatto.
Citazione
 
 
Mino Miale
#15 Mino Miale 2013-05-29 17:03
Quando a Turi comandavano i Baroni Moles non c'era la Festa di S. Oronzo ma la Fiera di S. Oronzo (era grandissima inimmaginabile per noi tanto da essere regolata dal Re di Napoli), il cui responsabile era nominato dal barone. Da tutto il Regno venivano per acquistare gli animali e soprattutto le Mule che portavano il nome "di Turi". Con l' Unità della Nazione, spettava ai sindaci indicare il presidente della Festa Patronale (anche se il vero Patrono è S. Giovanni Battista, che ha le Chiavi del paese, infatti) e la nomina data dal Vescovo. Quindi se Marinuccio non se la sente più di dare energia d'impulso alle festività diciamo pure di contorno, signica che il problema è da sviscerare politicamente e religiosamente: ma a Turi esistono solo i Cattolici o c'è altro, considerando la presenza di tanti extracomunitari, Ortodossi e Testimoni di Geova? Cominciamo ad occuparci di questo, tanto Marinuccio il suo pallone aerostatico lo farà sempre volare "per devozione". Il richiamo di pulman per i "fochi pirotecnici" dovevano essere non un ulteriore problema (di accoglienza) per il Comitato ma una risorsa per Turi. Don Salvino, mi scusi, vuol conoscere altro di Turi?
Citazione
 
 
Don Salvino
#14 Don Salvino 2013-05-29 14:32
Chiarimenti necessari per TURESE VERACE.

Precisando che non sono un TdG ma un sacerdote del RnS, quando dici che sembra "infantile" volgersi verso una statua cosa stai dicendo di diverso?

Toccare, baciare o innalzare preghiere ad un'icona o a un simulacro o, peggio ancora a un cadavere imbalsamato (come avverrà il 1° giugno a S. G. Rotondo con l'ostensione permanente di Padre Pio), son gesti inefficaci e, nello stesso tempo, sono atti di ribellione verso Dio perchè gli IDOLI allontanano il popolo dalla fede cristiana: se il VITELLO D'ORO costruito dagli israelti fosse stato qualcosa di buono, non pensi che Dio non l'avrebbe demolito?

Ora, dove sta scritto che il Signore gradisce questo culto a Snat'Oronzo se costui vuole avere un rapporto "personale" e "diretto" con ogni essere umano (Giovanni 14,6)? Può una statua ascoltare, parlare o guarire?

Chi ha detto che essa intercede, visto che possiamo chiedere ogni cosa direttamente a Gesù che è risorto davero (Ebrei 7,25)?

Mi spiace deluderti, ma quando accenni a Giovanni 17 ("che essi siano uno come Noi siamo Uno"), di quali credenti parla Gesù? Dei cattolici? Parla degli evangelici? Parla degli ortodossi?

In verità, il Messìa sta proclamando solennemente che tutti coloro che hanno un rapporto personale con Dio attraverso il Figlio, unico e solo mediatore (1^ Timoteo 2,5), son riconosciuti come Suoi Figli (Gv. 1,12).

Purtroppo, se in parrochia vige una grande sconoscenza del vangelo, la colpa è da addebitare ai miei colleghi parroci e vescovi compresi, i quali tradiscono ancora adesso il vangelo per non disobbedire all'uomo (Atti 5,29); e la cosa più grave che costoro ignorano è che Dio li chiamerà, uno a uno, in giudizio (Ezechiele 3,18).

L'abito, è proprio vero, non fa il monaco così come una carica religiosa non garantisce la salvezza dell'anima.

Che lo Spirito Santo possa aprirti gli occhi e la mente perchè tu comprenda la grandezza del Nome del Signore!
Citazione
 
 
TURESE VERACE
#13 TURESE VERACE 2013-05-28 09:14
Marinuccio Di Venere merita la gratitudine di tutta la cittadinanza turese, per il commovente impegno che ha profuso, senza risparmio di energie, in tutti questi per l'organizzazione della FESTA GRANDE. Secondo me, meriterebbe l'erezione di un monumento! Detto questo, però, occorre voltare pagina. Nessuno di noi è eterno. Ognuno di noi è utile, ma non certamente NECESSARIO. In tutti questi anni, in cui come in un crescendo rossiniano, la FESTA è assurta a ruoli sempre più alti, tanto da travalicare per fama i confini regionali,sono state fatte delle manifestazioni che, con la storia del Santo e la tradizione turese, c'entravano come il... cavolo a merenda. Una Festa è la rivisitazione annua di una tradizione storica, che affonda le proprie radici nei secoli passati, e che deve essere mantenuta viva al passo con i tempi che viviamo. Questo significa riscoperta dell'aspetto storico-religioso e valorizzazione dell'aspetto culturale, che la comunità può e deve offrire. Purtroppo a Turi è invalsa l'abitudine (o meglio, il vizio) di non trasferire la propria esperienza alle nuove generazioni, sicché, dopo di me il....VUOTO. Non è così, non deve essere così! Quello che gli avi ci hanno dato, noi DOBBIAMO PASSARLO ad altri: questa è la tradizione!
Adesso, cerchiamo di rimboccarci tutti quanti le... maniche, cerchiamo di collaborare con il nuovo Comitato, fornendo ad esso , non solo il contributo finanziario (la FESTA è di tutti!), ma anche quello di idee, per riportare la festa all'essenzialità ed alla sua purezza originaria.
A DON SALVINO (che, per la verità, sembra più un Testimone di Geova che un sacerdote di RnS, vorrei sommessamente ricordare, che la Chiesa, fin dalle origini ha tributato il c.d. "culto di latrìa" alla B. Vergine ed ai Santi. È infantile e fuorviante pensare nel 2013 che il culto sia dato ad una statua invece che ad un personaggio, che ha illustrato il cristianesimo con la sua vita e che ora viene additato quale luminoso esempio di fede, di speranza e di carità cristiana. Un santo non è Dio, ma è un Amico, che intercede per noi presso Dio! "Il giusto non sarà mai smosso" (Pro. 10, 30); ed ancora "Padre, voglio che anche quelli che mi hai dato siano con me dove sono io, perché contemplino la mia gloria, quella che mi hai dato; poiché tu mi hai amato prima della creazione del mondo" (Gv 17, 20-26))
Citazione
 
 
franco
#12 franco 2013-05-28 06:42
già dallo scorso anno Di Venere aveva detto di voler abbandonare il ruolo del presidente della festa,poteva svegliarsi prima l'amministrazione.ora mendica un presidente a destra e a manca!all'assurdo anche a comitati che di storia della festa ne sanno ben poco. perchè non chiedere all'associazione della banda cittadina,o alla pro loco,o perchè non affidarla allo stesso arciprete?Di Venere ci mancherà ma la storia deve continuare.....
Citazione
 
 
aaaa
#11 aaaa 2013-05-27 20:44
Ma che abolire,ma siete matti?
Citazione
 
 
Don Cataldo
#10 Don Cataldo 2013-05-27 19:52
Ben detto Don Salvino .............
Citazione
 
 
Don Salvino
#9 Don Salvino 2013-05-27 14:05
Magari l'abolissero questa e le altre feste "idolatriche" che di cristiano non han nulla: infatti, il cattolicesimo ha infarcito di paganesimo puro la sua dottrina, benchè la bibbia "condanni" severamente il culto agli idoli inanimati(Isaia 43,7 - Salmo 115,1-6 Levitico 19,4 Esodo 20,4).

Forse i "santi" salvano? Forse le statue di padre pio e company liberano? A Genova, la nave-cargo Jolly Nero ha abbattuto la Torre del porto, proprio lì dove era fissata la Madonna Protettrice.....(.)

Obbedire a Dio non è facoltativo ma è obbligatorio, eppure i fedeli servono l'uomo piuttosto che il Signore (Atti 5,29)!

(Don Salvino, prete del RnS)

,
Citazione
 
 
un turese
#8 un turese 2013-05-27 09:58
forse una delle poche cose buone che avevamo a Turi...adesso si rendono conto che c'è crisi, ma quando Di Venere organizzava la festa a sue spese (perhè la maggior parte dei soldi la metteva lui) tutti i pseudo-politici si sentivano autorizzati a salire sul carro dei vincitori...sciatavinn!!! Vedrete che Sant'Oronzo senza Marinuccio non sarà lo stesso!!!
Citazione
 
 
ester
#7 ester 2013-05-26 19:35
la festa di Sant'Oronzo è l'unica cosa buona che sta in questo paese e qualsiasi cosa si dica chi non ha mai organizzato feste del genere non può sapere come funziona e facile parlare ma bisogna provare per credere dobbiamo ringraziare Di Venere Marinuccio per quello che ha fatto fino ad ora perche nessuno firma un contratto senza sapere se potrà poi pagarlo perche se i soldi non vengono raccolti perche molte famiglie non pagano mi spiegate come si fa dopo a pagare. speriamo di trovare un degno erede del nostro presidente che abbia le p..... per fare questa festa che se si perde si può dire che a turi c'è solo il niente
Citazione
 
 
Moe
#6 Moe 2013-05-26 15:23
"è agghiacciaaaanteeeee" cit. Antonio Conte
Citazione
 
 
Cenzino18
#5 Cenzino18 2013-05-25 23:28
ma perchè non si affida la festa a Andrea Saffi?
Citazione
 
 
dragonero
#4 dragonero 2013-05-25 19:19
ma mica ho detto che il sig. di venere gianmaria è un papa o quantomeno si crede un papa. LO crede Lei. sarebbe solo il caso di provvedere affinchè la festa non vada a ...... rotoli. e per me questa lieve polemica inutile finisce
qui!!!!!
Citazione
 
 
x
#3 x 2013-05-25 17:04
La festa andrà bene, anche senza Di Venere! Del resto era un pò esagerato quello degli anni precedenti. Morto un papa, se ne fa un altro.Grazie Di Venere, ma non ci fasciamo la testa prima di romperla!
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI