Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

Il futuro incerto delle pensioni

auser incontro 1

Ogni venerdì, l’Auser “Dario Danese” ha pianificato in calendario una serie di incontri culturali. “Ne abbiamo avuti già alcuni sulla dieta mediterranea, sulla sociologia e sulla storia di Turi” ha affermato il presidente Antonio Conte, facendo gli onori di casa presso la Biblioteca Comunale, sede dell’incontro dal titolo “La riforma delle pensioni: come influenza la nostra vita”, relazionato dalla dott.ssa Teresa Bottalico, direttore provinciale Enasco-Caaf 50& più, e dal signor. Paolo Batista, rappresentante della sede Enasco di Bari, con la partecipazione del sindaco Onofrio Resta.

La Bottalico ha precisato il ruolo importante dell’istituto di patronato Enasco nel dare servizi al cittadino (come, ad esempio, quello di occuparsi di previdenza, di consulenza per le pratiche Inps, di pensioni, del 730, del Cud e di problemi della terza età) in modo gratuito, grazie al finanziamento dello stato e, quindi, di intermediazione tra uffici pubblici e diritti e aspettative del cittadino.

In clima di  spending review, argomento di grande premialità è il Cud. Tutti i pensionati devono avere il CUD come attestazione che riepiloga il reddito dell’anno precedente. Tra le tante proposte di richiesta di questo certificato,  la più convincente è risultata essere quella del numero verde che è il seguente: 800.43.43.20.

L’obiettivo della modernità è quello di allontanare il più possibile il cittadino dallo sportello nell’ adempimento del concetto di produttività massima.

Molte volte i pensionati si pongono la domanda: ”Siamo sicuri di aver avuto la pensione giusta?”.

A questo quesito è difficile rispondere anche perché essa è molto individuale, rappresentando il dna dell’individuo.

La gestione della pensione cambia perché le gestioni sono autonome, a seconda che si parli di commercianti, agricoltori, imprenditori, lavoratori dipendenti come i braccianti agricoli, di lavoro estero o nella pubblica amministrazione.

Ci sono, peraltro, problematiche relative all’aumento dell’età pensionabile ( 60 anni per le donne e 65 per gli uomini) che è sempre più prorogata. Con la Fornero c’è stato un disastro sociale perché sono stati cambiati tutti i progetti di vita del ricambio generazionale. “Noi cerchiamo di mandare tanti più anziani in pensione per aiutare i giovani. Interpretiamo tutte le possibilità.” ha affermato la Bottalico.

Non tutti sanno che oggi c’è l’invalidità civile anche per casalinghe e disoccupati che possono avere un sostegno finanziario e che la pensione va al figlio disabile, è, cioè, reversibile, finché i genitori sono viventi.

Con la legge 104, invece, c’è la possibilità di avere tre giorni per assistere la persona  indigente.

Poi ancora, va ricordato il sostegno alla maternità e l’assegno al nucleo familiare con tre figli minori e tanti benefici per le bollette di luce e gas.

In conclusione, la società moderna emargina l’anziano e Batista ha aggiunto: “ Ricordiamoci che le pensioni sono tutte rivedibili. Le manovre di calcolo sono tante. Si possono pagare anche contributi volontari per recuperare situazioni appese. Se la pubblica amministrazione si chiude, noi ci apriamo al cittadino:”

Ci sono delle novità: tutti gli immobili soggetti ad Imu non pagheranno l’Irpef. Inoltre, l’Isee, ovvero, la dichiarazione sulla situazione economica, reddituale e patrimoniale della famiglia, sarà sempre più soggetta a controllo fiscale.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI