Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

“Antologia del premio Turi”. “Istituzione morale”

 Premio-turi-11-feb

 

 

Domenica , 3 Febbraio, nella suggestiva sala ricevimenti di Villa Menelao, il Prof. Osvaldo Buonaccino D’Addiego ha presentato il suo libro “Antologia del Premio Turi”.
DSC 0089Il Professore ha posto un breve accento sull’iniziativa,del Premio Turi, proposta e conseguita dal Circolo Unione in collaborazione con altre realtà culturali turesi come la Pro Loco, la redazione “Il Paese” e l’Arci.
Il discorso che ha preceduto la presentazione del libro si è concentrato sull’amore verso Turi, un paese che presenta “fuochi di paglia e polemiche”, ma che gode ed ha goduto di un apporto culturale all’insegna del rinnovo perpetuo, da parte di studiosi, professori, uomini di fede che hanno esteso verso tutta la comunità il desiderio di collaborazione e di conoscenza. “ L’idea del Premio Turi- ha dichiarato il Prof. Buonaccino D’Addiego- è nata seguendo due direttive. Una di scommessa nel ricercare un turese che godesse di capacità morali e professionali tali da poter essere riconosciute dalla comunità e che potesse mostrarsi degno di affiancare i grandi del nostro passato. Infine una sfida intenta a stimolare il profilo culturale dell’intero paese.” Inoltre ha ricordato i DSC 0075nomi e le biografie di noti concittadini turesi che hanno apportato la cultura e l’arte di scommettere sulle proprie capacità rischiando, come ad esempio Francesco Curzio, Giovanni Maria Sabino, Pietro De Donato Giannini, Oronzo Pugliese e molti altri.
Subito dopo, l’intervento illuminante della Prof.ssa Teresa Dell’Aera Luperalli , premiata nella XIV edizione del Premio Turi. “ Il Premio Turi è un istituzione morale. Questa iniziativa culturale è sorta per dare stimoli ad una popolazione che tendeva al conformismo, trascurando l’individualità e finendo nel terzo cantico dell’Inferno dantesco, ossia nel girone degli ignavi.” Così l’intellettuale turese ha presentato l’iniziativa meritocratica che da anni segue i passi dell’erudizione turese e ne sottolinea la sua importanza a livello costituzionale, poiché è un sano diritto per tutti i cittadini. Un suggerimento e una sfida proposta dalla professoressa incarna la prova del superamento di una società ancorata alla rigorosità e intolleranza, ovvero l’ampliamento della premiazione verso gli stranieri, in modo che lo spirito si elevi verso la fratellanza e la condivisione. Ha concluso porgendo uno stimato e DSC 0143affettuoso saluto agli amici che non ci sono più, ma che sono presenti grazie al loro contributo verso la società e ringraziando l’amministrazione comunale presente e attiva in questo progetto.
Inseguito, in omaggio alle personalità di Don Vito Ingellis, Don Giovanni Cipriani e Matteo Pugliese è stato prodotto un video che racchiudesse l’essenza e le gesta di personalità umili, ma virtuosi che dotano la comunità di una ricchezza lungimirante e morale. I ringraziamenti finali abbracciano amici e imprenditori che hanno creduto in questo progetto come: Domenico Arrè, Michele Boccardi, Dimora Rossi, Relais del Marchese , Michele Jamil Marzella, all’amministrazione comunale rappresentata dal sindaco Resta, vice-sindaco Volpicella e dal consigliere Tateto e molti altri amici.
Per concludere la serata l’Improbabilband ha offerto le note allegre di musiche forgiate dall’allegria, unione e colori. Una mistura di musiche che sollecitano le DSC 0085cellule del sorriso e rinfrancano i cuori delusi. La partecipazione di tutti è stata fondamentale grazie alle capacità del direttore e della sua Improbabilband nel diramare questo virus festoso che ha contagiato tutti. Oltre ai testi già conosciuti nel cd “Grido Nero”, il M° Marzella e la sua band hanno presentato in primissima assoluta il brano “l’Alkimista” una mistura di stili dalla musica africana, al punk, reggae , musica barocca per poi ritornare all’africana. A seguito del pezzo eseguito l’approvazione turese per la brillantezza d’esecuzione e di energia ha commosso tutta la band, che sicuramente rappresenta una realtà territoriale ben radicata e amata.
Non per ultima esecuzione il M° Marzella ha deliziato i presenti con “Turi in Habanera”, un pezzo che ha rinfrescato la serata, che ha accarezzato i volti di tutti sino a raggiungere l’amore più profondo verso Turi e verso la libertà di idee.
Ringraziano la famiglia Boccardi per l’ospitalità. Sulle note di “Fela” e “Valenta” dell’Improbabilband cala il sipario e il Prof. D’Addiego invita tutti all’imperdibile appuntamento della XVII edizione del Premio Turi.

Commenti  

 
Ragazzo turese
#12 Ragazzo turese 2013-02-18 17:02
Prof Buonaccino sempre il migliore :)
Citazione
 
 
ostinato
#11 ostinato 2013-02-18 15:34
Gent.ma sig.ra Didonna, in effetti a pagina 6 dell'introduzione è detto che "per alcune delle suddette iniziative il Circolo Unione si aprì alla collaborazione con altre realtà socio-culturali di Turi, quali la Pro Loco, l'Arci, la redazione de "Il Paese" ".
Le "suddette iniziative" a cui allude l'autore,sono le mostre di pittura, i dibattiti pubblici, i concorsi ecc. organizzati dal Circolo Unione con la collaborazione delle altre associazioni menzionate. Il Premio Turi, invece, (si legge)nacque dalla decisione di Rino Valerio e del prof. Buonaccino.
Questo tanto per amore di verità.
Citazione
 
 
celeste
#10 celeste 2013-02-18 13:13
:oops:
Citazione
 
 
primo
#9 primo 2013-02-18 13:12
non ci sono parole per commentare questi personaggi'' estranei'' alla nostra comunità musicale fino ha pochi anni fà,serviti si sono di ragazzi 'onesti'che hanno dato un senso musicale al vivere di questo paese lavorando senza chiedere nulla in cambio.....
Citazione
 
 
Elena Didonna
#8 Elena Didonna 2013-02-17 00:15
Ostinato legga l'introduzione del libro e legga attentamente. Grazie.
Citazione
 
 
Garzie grazie
#7 Garzie grazie 2013-02-13 13:14
A mio avviso la cultura non è solo il conoscere la storia di tutto ciò che ci è stato tramandato,ma sopratrutto è il saperla analizzare ed interpretare con l'intento costante di migliorarla con CONSAPEVOLEZZA al fine di farci continuare il tragitto che ci avvicini sempre più alla pienezza dell'essere, alla felicità,alla VERITA'.....
Marzella? Tateo? Vice Sindaco?...ma la cultura cos'è????
Citazione
 
 
Soffia
#6 Soffia 2013-02-12 23:37
Sofia, non vali assolutamente nulla!!!!!
Citazione
 
 
Sofia junior
#5 Sofia junior 2013-02-12 18:43
giusto "grazie grazie" è come chiedere al Tateo assessore virtuale ma consigliere onnipre...stante o meglio onnipresente(ma 'ste cose si fanno pure in piena campagna elettorale rosicchiando gli avanzi dei ricevimenti matrimoniali del mese?)altre cose tipo: tu che c'entri con la CULTURA ? E' la misteriosità del... LOCO. Adesso sentiamo la risposta "grazie grazie", è come telefonare al grande Paolo: subito risponde col suo nome e cognome. Siete bellissimi a Turi :D :lol: :sigh: :sigh:
Citazione
 
 
Grazie grazie
#4 Grazie grazie 2013-02-12 17:20
Scusate, ma cosa centra Marzella con "Antologia del premio Turi".....?????
Citazione
 
 
Io
#3 Io 2013-02-12 10:53
lo darei a Michele Cellaro.
Citazione
 
 
Ruby
#2 Ruby 2013-02-11 20:42
Esprimerei,un piccolo desiderio,prof Buonaccino,il premio oltre a darlo con meriti ai grandi del nostro passato,un 'anno l'ho darei alla persona che in quest'ultimo decennio pur non avendo possibilità economiche,e vivendo in ristrettezze si sia distinto in qualsiasi campo tanto da prenderlo in esempio dai giovani.
Citazione
 
 
Ostinato
#1 Ostinato 2013-02-11 19:24
Ma quando mai il Premio Turi ha visto la collaborazione della redazione de Il Paese e dell'Arci? Da dove ha preso queste informazioni l'autrice dell'articolo? Io ero presente alla bellissima serata, ho letto l'introduzione del libro e non ho trovato la notizia riportata dalla giornalista.
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI