Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

A Fiorente il premio Turi! O il pallone d’oro?

Vignetta satira2

 Ancora tu, Matteo! Ma non dovevamo non vederci più. Domanda inutile. Stai come me e ci scappa da ridere. Ancora tu! “Guardate che io merito il PREMIO TURI. Ho portato il nome di Turi dovunque, alle mostre e alle fiere dove ho venduto in tutta Italia e in alcune nazioni europee i miei lavori di artigianato-antiquariato.” E dice, ridice e ripete le stesse cose, e va avanti spesso inciampando sui suoi pallosi vanti sfuggitigli durante la giornata. Gli ‘antichi’ gli avrebbero forse dato il PALLONE D’ORO, di certo gli avrebbero detto: “Ce sa vànde da sùle, vèle nù fasùle.” Ma Matteo, testardo come è, e come è sempre stato, avrebbe risposto: “Scarpa gròsse, mènta settìle.”

Gli antichi di rimando, dopo aver letto la bella copia dei suoi scritti zeppi di tentati tentativi ma vani di dire la propria: “Ma pàrle accòme t’à fàtte màmete!”. E a conclusione del 'botta e risposta’ il buon Matteo avrebbe chiuso la faccenda con il proverbio: “E tu pàrle ‘ndò secchiètte.”

Matteofiorente a spasso nei proverbi

Ce mànge e chèche, devènde MATTEOFIORENTE. I paròle i pòrte MATTEOFIORENTE. A’ vìste mè MATTEOFIORENTE de mète? Tùtt’i pète abbesògnene a MATTEOFIORENTE. Carta ca cànte, MATTEOFIORENTE ca dòrme. La bescì vè nànde, MATTEOFIORENTE vè rète. A’ dìtte màmme: iàlze u’ menùnne e mìtte MATTEOFIORENTE. U’ diàvele fèsce la zàppe e MATTEOFIORENTE fèsce la rasòle. Bona nòtte, MATTEOFIORENTE rète alla pòrte.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI