Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

Ospedale vecchio: cartelle cliniche abbandonate

Le cartelle cliniche per terra

Lo spreco del denaro pubblico è un tema di cui si sente parlare spesso soprattutto per questioni che riguardano la sanità. A Turi ne abbiamo un esempio lampante, ovvero quel palazzone in via Conversano che sarebbe dovuto diventare un ospedale. Dopo anni di abbandono un’ala dell’edificio fu ristrutturata e resa agibile.  Alcuni locali sono stati per diverso tempo la sede del 118, della Guardia Medica e della sezione Lilt. Da due mesi circa quei locali sono stati liberati perché l’edificio doveva essere abbattuto ma una domanda nasce spontanea: perché spendere tanti soldi, ristrutturare ed arredare parte di un edificio vecchio per poi demolirlo senza neanche verificare le fasi dello sgombero?

Dopo alcune segnalazioni giunte in redazione, abbiamo voluto fare un giro nelle stanze dove fino a pochi mesi fa molti cittadini si recavano per ricevere la prima assistenza. Lo scenario è a dir poco paradossale. Innanzitutto è possibile accedere tranquillamente all’interno della struttura visto che non ci sono sigilli o altre forme di impedimenti. La prima cosa che risalta ai nostri occhi sono le cartelle cliniche e tanti altri atti sanitari gettati all’esterno dell’edificio senza che qualcuno si preoccupi della privacy dei pazienti. Probabilmente quelle “cartacce” andrebbero smaltite diversamente. All’interno nelle stanze la situazione è ancora più grave. Alcuni vandali hanno distrutto tutto quello che c’era da distruggere. Finestre, porte, armadi, accessori dei bagni, condizionatori, plafoniere e tanto altro che poteva essere recuperato e magari riutilizzato, è stato invece danneggiato. Non c’è da escludere che presumibilmente alcuni condizionatori siano stati asportati e portati via.

La maggior parte degli accessori distrutti erano seminuovi e probabilmente funzionanti. Perché nessuno ha pensato a rimuovere i vari lavandini o condizionatori e recuperarli in un altro contesto o magari donarli a chi ne ha bisogno? Tanti ragazzi giocano a calcio nel campetto che si trova a pochi passi dal palazzone e la sola curiosità potrebbe spingerli ad entrare nell’edificio dove il rischio di farsi male è elevato. Perché non si provvede a chiudere l’area fino a quando non sarà messa in sicurezza? 

Anche una bombola del gas

Finestre distrutte

Hanno distrutto anche il soffitto

Un altro mucchio di cartelle

Un condizionatore staccato

Commenti  

 
Ruby
#3 Ruby 2012-06-27 16:35
mortificato,,senza parole,ma in che paese abito bohhhhhhhhhhhhh.
Citazione
 
 
G. Maurizio Pinto
#2 G. Maurizio Pinto 2012-06-26 16:59
ragazzi le cose logiche, essendo queste troppo semplici da mettere in atto, sono le più tardive ad arrivare nella mente...
Citazione
 
 
assessore???
#1 assessore??? 2012-06-26 16:50
Assessore competente, perchè non rispondi tu insieme al sindaco?
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI