Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

A Cassano per la ricerca di dispersi

prot civ cas

Sabato 26 maggio, presso la foresta Mercadante di Cassano delle Murge, all’interno del Corso di Formazione Volontari Protezione Civile, a cura dell’ANCI (pres. Dott. Giacomo Pellegrino), si è tenuta l’esercitazione sul campo, finalizzata all’apprendimento del recupero di dispersi.

Presenti anche alcuni membri del gruppo di Turi di Protezione Civile “Aesculapius” , il gruppo di Rutigliano e dell’ANCI.

Tutor dell’esperienza, Domenico Cantore (Sovrintendente del Corpo Forestale) e Giuseppe Perrucci (Vicepresidente Regionale CNSAS, Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico).

Due volontari si sono nascosti all’interno di più aree della foresta. La simulazione della ricerca di superficie è iniziata con un’indagine sugli scomparsi: informazioni sul loro stato di salute mentale e fisica. Prese le mappe cartografiche dell’Istituto Geografico Nazionale, tre squadre, munite di GPS e radio, sempre in contatto con la centrale, si sono coraggiosamente addentrate nelle zone scelte, tra sentieri impervi e scoscesi, sterpaglie e rovi.

I soccorritori sono stati disposti ‘a pettine’, in linea, per battere tutta la zona in modo sistematico e bonificarla, senza lasciare spazi vuoti.

La terza squadra aveva a disposizione il cane da soccorso.

Si distinguono due tipi di cane ricercatore: uno che lavora sull’odore e non è adatto agli ambienti urbani perché distratto dalla gente, ed un altro cane, detto molecolare, vera e propria macchina da fiuto che una volta sentito un odore, lo riconosce su mille. L’unica sua difficoltà è che ha bisogno di un campione di odore prima di iniziare le operazioni.

I dati del GPS sono stati scaricati, dopo i ritrovamenti, per vedere se le zone sono state correttamente bonificate, attraverso un accurato confronto cartografico.

La foresta Mercadante comprende 1100 ettari circa di territorio, dislocato tra Cassano e Altamura. Ha quasi un secolo. È un bosco artificiale impiantato per evitare alluvioni. Il bosco ha una funzione idrogeologica, economico-turistica e ricreativa. Inizia con le conifere che preparano il terreno all’ attecchimento della quercia. Il pino d’Aleppo emette un acido che sgretola la roccia calcarea, creando humus. Oggi è composta quasi tutta da querce. Produce legna da ardere. E’ diventata Parco Nazionale dell’Alta Murgia; ci sono funghi, tartufi e asparagi.

A Giugno c’è purtroppo lo stato di pericolosità per gli incendi boschivi. Questo patrimonio va poi difeso dai rifiuti e dall’abusivismo edilizio.

Il Corpo Forestale dello Stato, nel pieno rispetto delle leggi della natura, si occupa della polizia ambientale e del controllo del territorio boschivo; della sicurezza agroalimentare; della tutela del patrimonio naturale nazionale, di animali e piante in via di estinzione, del paesaggio; della prevenzione degli incendi boschivi; della protezione civile e della sicurezza in montagna.

Il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico ha il compito di provvedere alla vigilanza e prevenzione degli infortuni nelle attività alpinistiche, escursionistiche e speleologiche; al soccorso degli infortunati e dei pericolanti , al recupero dei caduti.

Il numero di emergenza ambientale è il 1515. Per informazioni consultare il sito www.corpoforestale.it

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI