Martedì 20 Novembre 2018
   
Text Size

Presentato al comune di Bari il progetto "Fresco Italia"

ventr emilprov

Si chiama “Fresco Italia” il progetto di filiera corta nato nel cuore del comprensorio di Bari Est dall'iniziativa dell'ex consigliere comunale Natalino Ventrella che ha presentato lunedì mattina nella sala giunta del Comune di Bari il risultato del progetto. Nato dall'idea del “kilometro zero”, il progetto "Fresco Italia" mira a portare sulle tavole dell'intera nazione, nelle 24/48 ore immediatamente successive alla sua preparazione o raccolta, il prodotto pugliese.

prodfrInsieme alle immancabili ciliegie turesi, il progetto abbraccia tutte le eccellenze del sud-est barese come le mozzarelle di Gioia del Colle, con Conversano ed Adelfia col vino, Cassano delle Murge con le confetture. Garantire il “Fresco Italia” sulle tavole e nelle cucine più lontane, nazionale ed internazionali, è la sfida ambiziosa che Puglia Terra d’Oro vuole affrontare. Per attrarre la variegata galassia della produzione “giorno per giorno”, e conquistare mercati interessanti ed interessati alla qualificazione dei consumi agro-alimentari, perseguendo cultura del benessere e valorizzazione della “dieta mediterranea” e dei territori coinvolti.

Il progetto avrà come momento di partenza mercoledì 6 giugno con la degustazione dei prodotti tipici (vino, olio, ciliegie, conserve e prodotti caseari) presso il Ristorante del Senato della Repubblica. “Il prossimo 6 giugno, - ha infatti sottolineato Natalino Ventrella durante la conferenza stampa - presso il Senato della Repubblica a Roma, il progetto sarà presentato ai vertici istituzionali del Paese, per poi cominciare a raccogliere altri compagni di viaggio, con cui partecipare all’Expodeco di Genova, dal 23 al 25 novembre".

Nuove frontiere lungo le quali i primi “apripista” sono già al lavoro: i fratelli Altamura di Turi (ciliegie), i Fratelli Bruno di Conversano con l’Enoteca 1200 e le Cantine D’Alessandro di Adelfia (vino), Felice Lanzolla di Agroali a Cassano Murge (confetture e conserve), Carmelo Falchi e Giuseppe Loliva di “Sapori di Puglia” – Gioia del Colle (mozzarelle e caseari). A cui si aggiunge il sigillo della “faldachea” di Valentina Cristallo, il dolce tipico di Turi a base di pasta di mandorle aromatizzate all’amerena.

La riuscita del progetto, esposto alla presenza del sindaco di Bari, Michele Emiliano, del senatore Giovanni Procacci e l’assessore al marketing territoriale del comune di Bari Gianluca Paparesta, ed è stato realizzato in collaborazione con il dott. Daniele Dell’Aera, Leonardo Sisto e con l’associazione no profit Compie.

Commenti  

 
vg
#3 vg 2012-06-06 14:22
sempre presente complimenti ......
Citazione
 
 
CITTADINO
#2 CITTADINO 2012-06-05 19:29
SIG. VENTRELLA QUESTI PROGETTI POSSONO RAPPRESENTARE UN FALLIMENTO, UN'ARMA A DOPPIO TAGLIO QUANDO SI INTERVIENE CON PERSONAGGI DELL'EMILIAN "CALIBRO" .

VIENE DA PENSARE, SARCASTICAMENTE, ALLE 24/48 ORE NEL PROGETTO "COZZA PELOSA" CHE SI PREFIGGEVA LO SCOPO DI FAR ARRIVARE CESTE DI PESCE, ARAGOSTE, OSTRICHE E COZZE, PER L'APPUNTO PELOSE, SULLE TAVOLE DEI PUGLIESI CHE ATTRAVERSO IL PERSONALE E DIRETTO "INTERVENTO ISTUZIONALE", LEGATO ALLA "DEGUSTAZIONE PRIMA DELLA DISTRIBUZIONE", OVVIAMENTE NO PROFIT, FALLI' MISERAMENTE.

MA FORSE IL FALLIMENTO ERA DETTATO DAL FATTO CHE ERA SOLO PESCE FRESCO (TANTO DA ESSERE TENUTO IN VASCA DA BAGNO PER NON MORIRE).

FORSE ORA ESSENDO PRODOTTI, DICIAMO PURE, A PIU LUNGA CONSERVAZIONE CI SARA' MODO TEMPO E LUOGO AFFINCHE IL PROGETTO DECOLLI !!!!!!

SPERIAMO STAVOLTA NON PER UN ANONIMO 3/4 PIANO DI UN ALTRETTANTO ANONIMO COMDOMINIO DI UNA ALTRE-ALTRETTANTO ANONIMA CITTA' DELLA NOSTRA SPLENDIDA REGIONE.

IN QUESTO CASO SARA' DIFFICILE (VISTI I TANTI PRODOTTI DEL PROGETTO PRESENTATO) GIUSTIFICARE IL TUTTO CON UN SEMPLICE " "SCUSATE TUTTI, MA ANDAVA TUTTO A MALE SE NON SI CONSUMAVA !!!!!"

SENZA RANCORE E CON “ISTITUZIONALE” BULIMIA
Citazione
 
 
jimmy
#1 jimmy 2012-06-05 17:26
"al fresco Italia" ..... là dovrebbero stare parecchi politici
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI