Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

Il comune di Turi richiede lo stato di calamità

campi allagati_a_capalbio

"Causa temperature basse, venti freddi e forti provenienti da nord che hanno colpito i giovani frutti del ciliegio nei giorni 9 – 10 aprile, si chiede lo stato di calamità".

È questo il testo della richiesta presentata dall'Assessore all’Agricoltura, Giacomo Valentini alla Provincia di Bari e all'Assessorato regionale il 30 aprile. "In questo modo - aggiunge l'assessore - gli agricoltori potranno usufruire dell'assicurazione".

In precedenza, ricordiamo ai nostri lettori, nei casi di calamità naturali, gli agricoltori potevano usufruire di un rimborso dopo una semplice domanda di richiesta. Oggi, in carenza di adeguati finanziamenti, gli agricoltori possono ottenere il risarcimento solo a seguito di un'assicurazione e una richiesta preventiva da parte del Comune di riconoscimento di danni per maltempo.

Il maltempo che ha interessato il nostro territorio sino a qualche giorno fa hasuscitato un clima di apprensione in molti agricoltori spaventati per la resa della campagna cerasicola 2012. Il sole ed il caldo improvviso però ha stemperato gli animi e sta facendo presagire, comunque, una raccolta positiva. "Speriamo che il clima resti tale e non arrivino sorprese" - ci aggiungono alcuni agricoltori, che stanno già "scaldando i motori" per avviare, tra qualche girono, la campagna cerasicola 2012 con la raccolta della Bigarreau.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI