Concorso “Fanòve di San Giuseppe e tradizioni”

fanove-2012-1

 

È tradizione del nostro Paese il 19 marzo, in occasione di San Giuseppe accendere un falò; quest’anno, a causa dell’indisponibilità di Largo pozzi, l’Associazione Nuova Pro Loco in collaborazione con l’Amministrazione Comunale ha organizzato un concorso a premi denominato “Fanòve di San Giuseppe e tradizioni” con la finalità di rievocare e rivalutare l’antica tradizione di accendere questi  fuochi con usi, costumi e sapori della civiltà turese.

Al concorso, la cui data di iscrizione è scaduta lo scorso 13 marzo, hanno potuto prendere parte tutti i cittadini maggiorenni che risiedono a Turi, comprese le associazioni, gruppi e comitati. Fondamentale è stata la presentazione della domanda di partecipazione che è stata raccolta nei giorni scorsi presso gli Uffici Comunali.

A gareggiare, infatti, saranno in Piazza Stazione, il gruppo Scout 1; in via Forno Comunale 32 il falò a cura della signora Lieggi Aurelia, in Via Vittorio Veneto il falò a cura del Comitato 'Madonna del Rosario'; e in Piazza Capitano Colapietro il falò a cura dell'Associazione Mule del Carro di Sant'Oronzo. Per i ritardatari, comunque, è ancora possibile iscriversi al concorso!

Per tutti i partecipanti varranno le stesse regole: la catasta deve essere posizionata su lamiera di ferro posta su tufi o in alternativa su uno strato di almeno 30cm di ghiaia; la catasta non deve superare il metro di altezza e deve essere posizionata a distanza di sicurezza dalle abitazioni; obbligatoriamente deve essere presentata istanza presso il Comando di Polizia Municipale e in seguito alla ricevuta dell’autorizzazione, è necessario comunicare la partecipazione al soggetto promotore.

Ogni fanòva sarà giudicata da una commissione composta dal Sindaco, dal Presidente della Pro Loco e da due membri di associazione esterne tra cui un esperto di storia e tradizioni turesi.

Come ha precisato Rina Spinelli, la valutazione sarà effettuata in base alla scelta del luogo, alla creatività nella forma, alla rievocazione degli usi e costumi del territorio e dei sapori locali.

Al termine della valutazione sarà stilata la graduatoria dei primi tre classificati ai quali sarà riconosciuto:

al 1° classificato un buono di € 300,00;

al 2° classificato un buono di € 200,00;

al 3° classificato un buono di € 100,00;

Largo alla fantasia e alla creatività e perché no, anche ai vecchi ricordi!

Contenuti 5394-2