Lunedì 12 Novembre 2018
   
Text Size

Strade e diritti contesi. Il caso

trav

Spesso ci si chiede chi finanzi le opere pubbliche, da quali fondi, da quali casse. Molte volte la gran parte di questa resta incompleta, o si fanno e ben presto si disfanno, o ancora … restano solo un sogno. Alcune di queste, infine, si progettano oltre i limiti del pubblico, illudendo così che un giorno, detto “vicino”, possa tornare privato. Esempi palesi ne possiamo elencare tanti, ma questa settimana abbiamo raccolto la testimonianza di un nostro lettore che per comodità chiamiamo Mario. Documenti e fotografie alla mano, Mario ci racconta la sua vicenda e l’usurpazione di una strada privata, quella della sua abitazione, resa “pubblica” da anni di silenzi, rinvii e bugie.
“Sino al 1994 – ci mostra con non poca amarezza – dinanzi alla mia abitazione c’era una stradina privata delimitata e chiusa da un muretto. Ancora coperta da pietrisco e sabbia, senza mia autorizzazione, fu abbattuto e passando dalla mia proprietà, hanno realizzato opere primarie (acqua e fogna)”. Dalla documentazione, il nostro lettore ci spiega che il Comune di Turi, nel ’94, chiese solo il consenso ai suoi genitori, usufruttuari dell’immobile, senza però fare richiesta al proprietario. Eseguiti i lavori, a quanto detto “abusivi”, e nell’attesa che fosse risistemata la situazione iniziale e realizzata la strada, l’ansia per la famiglia del nostro lettore è stata lunga, come tante sono state le lettere rimaste senza risposta, inviate a comune. Nel frattempo, la strada privata è divenuta pubblica e scorciatoia perfetta per tutti.
“Chiedemmo così di renderla effettivamente pubblica – continua Mario – ma senza alcun risultato. ci recammo pertanto dall’ing. Campobasso che ci consigliò di chiudercela se il comune non avesse provveduto al completamento dell’urbanizzazione in tempi brevi (6 mesi / 1 anno)”.

Il silenzio fu estenuante, almeno questo si comprende dalla stanchezza del lettore per la trafila burocratica che ha subito. L’attraversamento della strada a forte velocità, con il conseguente sollevamento delle polveri, le pietre che spesso colpiscono le auto, le finestre e i stessi residenti, la caduta delle persone dovuta al fondo stradale irregolare costituita da pietre e terra, la formazione di fanghiglia nelle giornate piovose, indusse tutti gli aventi diritto su detta strada a chiedere la messa in sicurezza mediante asfalto, marciapiedi e luce pubblica, nonché assunzione di responsabilità in caso di danni a cose o persone, ma nessuno ha ottenuto risposta. Trascorso “un anno dall’incontro con Campobasso”, Mario richiese la DIA per chiudere la strada con dissuasori in cemento rimovibili e catene in acciaio, così da rendere sicura la strada e renderla, di nuovo, privata.
Siamo a fine giugno. Il nostro lettore dispone i dissuasori, la catena e un moschettone apribile per dare la possibilità, in caso di necessità, di transitare. Dopo circa quattro mesi, il 19 ottobre, quando ormai la situazione sembrava essersi risolta, il nostro concittadino si vede giungere dal Comune di Turi una lettera con la quale gli si negava la DIA precedentemente presentata e approvata e gli si intimava di togliere i dissuasori perché “insistevano sull’altrui proprietà”. “Ma questo è falso – tuona Mario – adducendo che proprio i suoi vicini avevano avanzato al Comune la richiesta di porre la strada in sicurezza”! “Sorpresa delle sorprese” – aggiunge ironico – “il 18 novembre finalmente qualcuno del Comune ‘si fa vedere’ ma per togliere i dissuasori e tutto quello che avevo posto, appropriandosi del mio materiale.
Ripeto era novembre”. Quindi conclude – “a me, la notifica della rimozione dei dissuasori è giunta il 2 dicembre”. La rimozione pertanto è avvenuta prima che al nostro lettore fosse notificata la comunicazione, in un periodo in cui lo stesso non era a Turi.
“Oggi la strada che era privata, continua ad essere percorsa velocemente dalle auto, creando problemi non solo ai residenti, ma soprattutto ai miei anziani genitori che hanno non poche difficoltà motorie. Con le auto che sfrecciano e il manto sdrucciolevole, loro per primi evitano di uscire. Ma il Comune continua a restare impassibile dinanzi a questo problema che si protrae dal ’94 ed anzi, lo hanno peggiorato”.
Sulla cartina che Mario ha portato con sé e che ci ha aiutati a comprendere, punta il dito sulla strada pubblica che piuttosto doveva essere attraversata.

“Qui – ci indica – la strada è stata chiusa da un muretto a secco e resa “privata” da una DIA approvata”. 

Può un comune negare una DIA per ridare valore ad una proprietà privata e concedere invece autorizzazioni per rendereprivata una cosa pubblica? E nel momento in cui si scopre l’errore, come nel suddetto caso, chi “pagherà” per rimediare al danno? Chi ha compiuto l’illecito o i cittadini tutti poiché la strada era appunto pubblica? 

Non sono rari i casi a Turi in cui cittadini si appropriano di cose comuni, solo perché gli fa comodo. Spesso chi li osserva, resta lì a guardare, senza denunciare, commentando solo dietro le spalle, riconoscendo che stanno sbagliando. E se chiunque usasse in maniera rispettosa lo spazio comune, chi ne gioverebbe?

Commenti  

 
paolop
#10 paolop 2012-03-07 11:33
si fa fer sdrammatizzare....ci mancherebbe che va sfasciare di testa qualcuno.....
Citazione
 
 
ospite
#9 ospite 2012-03-06 12:04
per Paolop
Vorrei precisare...

Mario credo tu sia un cristiano cattolico

L'errore sta' sul fatto che Cristo ha sostituito la legge sul taglione moseaica
con il perdono,quindi occhio x occhio ecc. dal buon cristiano o cattolico non e' perseguibile.
Per quanto riguarda i fatti letti credo che la strada del dialogo, pacifico confronto delle parti sia la migliore soluzione.
Saluti
Citazione
 
 
Ruby
#8 Ruby 2012-03-05 22:54
Stiamo messi maleeeeeeeeeeeeeeeeeeee.
Citazione
 
 
gino
#7 gino 2012-03-05 21:18
arrivera' anche per gli arroganti e presunti furbetti di quartiere la ''livella'' di toto'....e in quelle 4 tavole dove ognuno di noi verra' riposto non ci porteremo niente altro che il nostro cadavere...miseri stolti!
Citazione
 
 
paolop
#6 paolop 2012-03-05 17:02
come le Qasba fatte di cunicoli, vicoli e strade strette..
poi dicono che non siamo aperti all'Oriente!
Citazione
 
 
S.C.
#5 S.C. 2012-03-02 16:26
fra poco scoppierà un nuovo abuso in via ludovico d'addabbo; strada che vicino la scuola guida verrà chiusa da un cancello privato, dopo che i costruttori ............. chiusero la strada di piano ostruendola con un ampio locale deposito, con grazie amore dei; dopo aver modificato il livello stradale, appropriandosi sempre di altri metri della sede stradale ora chiuderanno anche la strada. Strada pubblica, di proprietà del comune; vorrei sapere negli elaborati dell'ufficio tecnico quanti metri di lunghezza è di proprietà comunale? è quanti metri di lunghezza è adesso?
Citazione
 
 
paolop
#4 paolop 2012-03-02 12:19
del resto qui a Turi...siamo ancora in era protocristiana...saresti al passo coi tempi!
Citazione
 
 
paolop
#3 paolop 2012-03-02 12:12
Mario credo tu sia un cristiano cattolico...allora:La legge del taglione (o pena del taglione), in latino lex talionis,è un principio di diritto in uso presso le popolazioni antiche consistente nella possibilità riconosciuta a una persona che abbia ricevuto un'offesa di infliggere all'offensore una pena uguale all'offesa ricevuta. Volgarmente il principio è espresso dalla locuzione occhio per occhio, dente per dente, che deriva da un versetto della Bibbia:
« 23Ma se segue una disgrazia, allora pagherai vita per vita: 24 occhio per occhio, dente per dente, mano per mano, piede per piede, 25 bruciatura per bruciatura, ferita per ferita, livido per livido.26 Quando un uomo colpisce l'occhio del suo schiavo o della sua schiava e lo acceca, gli darà la libertà in compenso dell'occhio. 27 Se fa cadere il dente del suo schiavo o della sua schiava, gli darà la libertà in compenso del dente. » (Esodo 21, 23-27)
prenditi la tua libertà
Citazione
 
 
un cittadino onesto
#2 un cittadino onesto 2012-03-02 10:37
Il problema non credo che sia la Dia si o la Dia no, bensi l'arroganza e prepotenza di certi amministratori e funzionari pubblici che per una manciata di voti si vendono al miglior "non so' forse sarebbe da dire al peggior" offerente permettendo a cittadini prepotenti di arrogarsi diritti senza averne solo perchè sostenuti dagli amministratori e funzionari prepotenti e arroganti come loro. Ma la dignità dove la mettiamo e la professionalità che si dovrebbe pretendere da gente che guadagna fior di euro pagati dai cittadini con mille sacrifici?, Purtroppo questo è il nostro paese, un posto dove per sopravvivere e non vivere bisogna essere prepotenti, arroganti, corruttori o corrotti e sopratutto disprezzanti della legge che da molto tempo sembra non albergare più nel nostro paese e sopratutto nelle persone di certi amministratori e funzionari oltre che di cittadini che con la loro arroganza sono riusciti ad assoggettarli. Ovvio che sono solidale con quel cittadino che ha voluto esprimere il suo pensiero sul vostro giornale e spero lo abbia fatto anche con comunicazioni alla competente Autorità Giudiziaria e che quest'ultima prenda in seria considerazione la vicenda e punisca nel giusto modo questi amministratori arroganti e prepotenti che hanno permesso tutto questo.
Citazione
 
 
nok
#1 nok 2012-03-01 17:04
Sicuramente stiamo vivendo in un paese dove chi fà la voce grossa o usa delle maniere, diciamo poco liberali, la vince. ricordate il vecchio far west? Ecco benvenuti a Turi. Ricordiamocelo nelle prossime tornate elettorali quando tutti i politicanti di turno indosseranno le loro ipocrite maschere e ci diranno, almeno un voto me lo puoi assicurare? Saluti.
Citazione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI